About
News
- Documentation
Links
Contact

. . . česky . . . deutsch . . . english . . . español . . . français . . . italiano . . . русский . . .

----- Informazioni per l'acquisto -----
Stiamo attualmente raccogliendo i pre-ordini per la prossima serie di computer FireBee che idealmente dovrebbe essere consegnata nel 2015. Se volete pre-ordinare un FireBee per 560 Euro (+ IVA + spese di spedizione), avete due possibilità: 1.) come in precedenza, inviate una e-mail a acpinfo AT atari DOT org, oppure 2.) utilizzare il nuovo modulo web all'indirizzo firebee.org La produzione sarà commissionata una volta raccolti 50 ordini vincolanti di cui 20 con un acconto di 200 Euro. Il processo di produzione richiederà circa 12 settimane. Per inviare il vostro acconto dovrete eseguire un bonifico SEPA sul conto Euro di Medusa Computer Systems in Svizzera. Vi invieremo le informazioni necessarie per il bonifico bancario compresi IBAN e BIC. In alternativa, potete utilizzare il link PayPal disponibile su medusacomputer.com.


26/08/2015 Seconda serie FireBee - Aperti i pre-ordini

Come promesso, vogliamo informarvi sulla prossima produzione della seconda serie di computer FireBee.

Dal loro esaurimento nel 2014, sono arrivate costantemente richieste di ulteriori unità. Abbiamo quindi deciso di produrre un'ulteriore serie. Al fine di prefinanziarla interamente, abbiamo bisogno di 50 pre-ordini vincolanti, di cui 20 con acconto di 200 Euro. Non appena sarà raggiunto questo numero di pre-ordini e pagamenti anticipati, la produzione potrà iniziare. La costruzione delle schede richiederà circa 12 settimane. In linea di principio, queste schede potrebbero essere già spedite nel 2015, se nelle prossime settimane sarà effettuato un numero sufficiente di ordini.

Naturalmente i FireBee della 2^ serie potranno essere acquistati anche senza pre-ordine, dopo il completamento della produzione. Ma ogni pre-ordine ci permetterà di avviare prima la produzione! Pertanto, questo potrebbe essere un buon momento per ordinare, se state già pensando di avere un FireBee.

La produzione verrà effettuata presso una società di assemblaggio Svizzera. La buona notizia è che siamo riusciti a ridurre il prezzo della scheda a 560 Euro. La cattiva notizia è che, in origine, avevamo previsto di sorprendervi con un sostanziale ribasso a 460 Euro. Ma la riduzione dei costi dell'hardware è stata completamente annullata dal tasso di cambio con il Franco Svizzero. Dopo che la Banca Nazionale Svizzera, all'inizio dell'anno, ha alzato il tasso di cambio minimo con l'Euro, il valore del Franco Svizzero è salito sensibilmente. Di conseguenza, il costo del FireBee è salito nuovamente a 560 Euro. Solo gli amici Atari in Svizzera potranno godere di un FireBee fortemente scontato. Per tutti gli altri, siamo comunque stati in grado di operare una piccola riduzione di prezzo.

Per quanto riguarda la scheda stessa, abbiamo deciso - dopo attente considerazioni - di produrla 1:1 con la prima serie. Ci sono una serie di ragioni per questo:

  • Grazie al riutilizzo dei film esistenti e saltando ulteriori prototipi (che sarebbero stati necessari anche in caso di piccole modifiche), il prezzo può essere mantenuto più basso.
  • Dal momento che produciamo piccole serie, qualsiasi modifica hardware comporta il rischio di un "disastro nel supporto". La necessità di prendere in considerazione la versione della scheda o il firmware per ogni richiesta del cliente o durante lo sviluppo di un'applicazione, e poi dover creare diverse versioni del software/firmware/ecc, potrebbero avere un effetto catastrofico. Idee per rendere più conveniente la scheda, come l'utilizzo di un FPGA più piccolo (che potrebbe essere utilizzato direttamente grazie alla compatibilità a livello PIN), sono state messe da parte per lo stesso motivo.
  • Alcune piccole modifiche hardware che avevamo considerato, devono poter essere implementate anche nella 1^ serie. Ad esempio, il bus IDE al momento manca di due segnali necessari per il funzionamento IDE-DMA. Dal momento che siamo in grado di fornirli con un add-on che utilizza il socket di espansione, e che dobbiamo comunque fornire un cavo speciale per la 1^ serie nel caso di implementazione del DMA, un adattamento delle nuove schede non sarebbe stato giustificabile.
I computer saranno quindi prodotti uguali alla prima serie. Tutte le precedenti informazioni e suggerimenti sono sempre validi, e tutto il software esistente potrà essere utilizzato senza problemi.

E' ora possibile effettuare pre-ordini vincolanti. O nel modo classico, con l'invio di una e-mail a "acpinfo atari org", oppure utilizzando il nuovo modulo d'ordine online su firebee.org. Se volete ordinare un mini-case per il vostro FireBee, vi preghiamo anche di indicare il colore preferito.


23/08/2015 AHCC v5.2

E' disponibile una nuova versione di AHCC, il compilatore/assembler GPL/LGPL compatibile Pure C per tutti gli ambienti Atari.

Come sempre, sul sito di Henk Robbers, è disponibile una distribuzione binaria ColdFire. Le novità ed i miglioramenti alla shell, il compilatore e l'assembler, le librerie ed il Calc sono descritte nel changelog.

http://ahcc.atari.org


15/08/2015 firebee.org è online

Da tempo nutrivamo molti desideri che non potevamo realizzare con il nostro vecchio sito web acp.atari.org. Tra l'altro, numerosi contributori FireBee da tutto il mondo avevano anche formulato molti buoni suggerimenti. Tra le prime cose che volevamo realizzare, era un sito web realmente utilizzabile da utenti multilingue e che consentisse l'editing da parte di differenti redattori e traduttori. Un altro punto importante per la diffusione del Colfire Atari Project era che le informazioni dovessero essere strutturate in un formato Wiki. Volevamo avere uno spazio per i download ed una area completa di supporto. Inoltre, volevamo presentare i nostri prodotti in modo più facilmente accessibile ed attraente. Volevamo avere un negozio on-line ma anche la possibilità di presentare software esterno. Inoltre, la possibilità di pubblicare le notizie in un formato conciso, ma anche di poterle espandere con l'aggiunta di nuovi capitoli e molto altro.

Sfortunatamente c'è voluto molto più tempo del previsto per arrivare dove avremmo voluto essere con firebee.org, prima di poter andare online. Nonostante che il back-end fosse già codificato da molto tempo ed il front-end o l'interfaccia utente ed il layout generale fossero già pronti, non tutti i contenuti erano ancora stati completati. Poi, circa 2 mesi fa abbiamo deciso, grazie all'aiuto speciale della rinata rivista Tedesca ST-Computer, di concentrarci interamente sul sito e siamo riusciti a completarlo. Avevamo già delineato la futura struttura di base con il nostro Content Management System (CMS). Ci doveva essere una sezione più ampia di informazioni strutturate, software recente, e l'interazione con gli utenti Firebee di tutto il mondo. Per esempio, nella zona supporto abbiamo inserito, verificandone l'attualità, le informazioni del wiki in lingua tedesca newtosworld, abbiamo integrato gli sviluppi più recenti, ed infine tradotto il tutto in varie lingue. Ora siamo in grado di offrire i download più recenti per il FireBee dei componenti Flash, Sistemi Operativi ed ambienti di sviluppo. Un'ulteriore anteprima mondiale è la possibilità di download dei dati di layout completi per KiCAD, che ora sono Open Source.

FireBee.org crescerà. Oltre a Tedesco, Inglese, Francese, Italiano e Spagnolo, seguiranno altre lingue. Soprattutto l'area di supporto sarà integrata con continuità con informazioni di base e risposte a molte domande ricorrenti (FAQ). In seguito, nella zona di download sarà presente un database di tutti i software compatibili FireBee, in un formato facile da usare, con riferimenti a vari programmi esterni e collegamenti.

Come sempre il nostro progetto è in gran parte basato sulla partecipazione degli utenti. Quelli che desiderano scrivere un articolo, o mettere in evidenza un aspetto specifico del FireBee o che hanno approfondito un particolare argomento o che desiderano fare delle traduzioni o la verifica dei contenuti, possono inviarci i loro testi o contattarci nel caso desiderino contribuire in modo permanente.

Siamo particolarmente orgogliosi del fatto che il sito sia stato creato per essere compatibile anche con tutti i browser web Atari. L'ottimizzazione del rendering con Highwire, Cab e Netsurf sarà costantemente perfezionata.

Un grazie particolare alle circa 10 persone che hanno dedicato veramente molto tempo nelle ultime settimane. Soprattutto ai traduttori ed ai revisori che non sempre hanno avuto vita facile. Soprattutto a quelli che hanno contribuito al lancio iniziale del nuovo sito. In occasione del lancio del sito, che contiene informazioni sul FireBee molto più complete, nei prossimi giorni saranno annunciate le modalità di preordine della seconda serie di FireBee. Ci auguriamo che il sito risulti più informativo e di facile navigazione per una migliore comunicazione con voi utenti.

http://firebee.org


07/08/2015 MIPS

In una recente discussione interna al progetto, avvenuta principalmente tra Olivier Landemarre, Roger Burrows e Markus Fröschle, gli sviluppatori ACP hanno dibattuto su come Freescale sia riuscita a raggiungere la velocità di 401 MIPS sul processore Coldfire a 266 MHz. Dopo aver speculato su MIPS, VAX e Dhrystones gli sviluppatori sono solo d'accordo di non essere d'accordo. Tuttavia, vi è del materiale affascinante per gli utenti finali.

Nel corso di questa discussione il benchmark Dhrystone 2.1 è stata ricompilato usando GCC 4.6.4. Non possiamo non condividere i risultati dei test con voi perché, nonostante tutto, forniscono un buon raffronto tra FireBee con EmuTOS (100% ColdFire nativo), FireTOS con cf68klib, Aranym (senza JIT), un Atari originale Falcon e TT, così come una CT60. Sappiamo che voi nerd tecnologici apprezzate una cosa del genere!

Vi auguriamo una buona estate!


21/06/2015 Uno zoom all'interno del FireBee

Negli articoli precedenti, abbiamo esaminato i principali componenti del FireBee: il ColdFire, la FPGA ed il PIC. Oggi faremo una panoramica per scoprire tutti gli altri componenti presenti sulla scheda.

Senza alcun dubbio, il FireBee è un computer moderno. Anche se il suo scopo principale è quello di emulare un Falcon ad elevate prestazioni, l%92hardware del FireBee non ha nulla a che vedere con i circuiti originali del Falcon. I componenti del FireBee possono essere usati per emulare l'hardware originale Atari, o essere utilizzati in modo nativo per ottenere prestazioni ottimali. Così, nuovi sviluppi futuri, permetteranno di esprimere la reale potenza del FireBee .

Potete vedere di seguito l'elenco dei principali componenti del FireBee:

  • Freescale ColdFire MCF5474. Processore principale, timers, PCI, Ethernet livello MAC ... (vedere l'articolo " Zoom nel ColdFire").
  • FPGA: Altera Cyclone III. Implementa l%92hardware originale del Falcon, ed altro ancora (vedere l'articolo "Zoom nel FPGA").
  • PIC 18F4520. Gestione dell'alimentazione e compiti ausiliari (vedere la sezione "Uno zoom del PIC").
  • Connettore SD-Card. A differenza di altre interfacce, vi si accede direttamente dal ColdFire, senza passare attraverso l'FPGA.
  • PHY: AMD Am79C874. Mentre il ColdFire incorpora la prima metà del supporto Ethernet (livello MAC), la seconda metà (livello PHY) è supportata da questo componente ausiliario.
  • DVI: Texas Instruments TFP410. Questo è il circuito grafico principale del FireBee. Può essere utilizzato direttamente per gestire modalità video moderne. In combinazione con la FPGA, può fornire una emulazione del VIDEL.
  • VGA: Analog Devices ADV7125. Questo circuito converte in VGA l'uscita video digitale del FireBee, così da poter utilizzare un vecchio monitor attraverso un semplice adattatore DVI/VGA.
  • USB: NEC μPD720101. Fornisce 5 porte USB 2.0. Attualmente, l'USB viene utilizzato dal FireTOS per simulare l'hardware Atari standard (tastiera, mouse, memorie di massa). Qualsiasi dispositivo può essere utilizzato in modo nativo anche da FreeMiNT, attraverso un apposito driver.
  • AC'97 : Cirrus Logic CS4299 - JQZ. Questo è il circuito audio nativo del FireBee per riprodurre suoni digitali. In combinazione con il FPGA, può anche emulare il classico YM2149.
  • RAM: Samsung K4H511638F (10 banchi). 512MB DDR2 - SDRAM General Purpose + 128 MB di RAM Video/FPGA. Questa RAM è virtualmente divisa in 14 MB di ST -RAM e 496 MB di FastRAM.
  • Memoria Flash: Macronix MX29LV640D. 8 MB di memoria flash. Contiene la configurazione di default del FPGA e le vari componenti software del FireBee (BAS, FireTOS, EmuTOS...). Si può aggiornare via software (con lo strumento FLASH060.PRG) o tramite un adattatore BDM esterno.
  • SRAM: Cypress CY7C1041DV33. 512 KB di RAM statica ad alta velocità. Può essere utilizzata dal FPGA per attività ad elevate prestazioni.
  • Carica batteria. E 'un circuito specializzato progettato da Medusa Computer Systems. In combinazione con il PIC, mantiene la batteria a carica ottimale.
  • DIP switch. Servono a modificare alcune impostazioni hardware e selezionare il sistema operativo di avvio.
  • LED. Diversi LED indicano lo stato di FireBee. I più importanti sono il LED verde che indica che il FireBee è acceso ed il led lampeggiante arancione, controllato dal ColdFire, che indica che il sistema operativo funziona correttamente.
  • Interfacce. Sono presenti molte interfacce sulla scheda FireBee, sia connettori esterni che interni. Queste possono essere utilizzate per emulare un Falcon ma anche riprogrammate in qualcosa di completamente diverso.


14/03/2015 AtariICQ 0.176 - Programma di Chat
Nell'Ottobre del 2012, Joakim Högberg aveva presentato una "pre-beta" di AtarICQ ma da quel momento la situazione era rimasta stazionaria. Lo sviluppo del programma era comunque continuato ed ora è disponibile una nuova versione ufficiale del cliente ICQ. Nella versione 0.176 sono stati corretti diversi errori, tra gli altri, nella gestione della memoria, l'overlay e gli shortcuts. AtarICQ è un programma GFA-Basic che è stato sviluppato con il GBE di Lonny Pursell. Il programma funziona sugli Atari classici e sul FireBee (sotto FireTOS o FreeMiNT). A partire dalla versione 0.173 il programma di chat è freeware. L'elenco completo delle modifiche ed il download sono disponibili sul sito AtarICQ: AtarICQ


02/03/2015 Set di icone Linear Blu v.1.2b per Teradesk
La versione 1.2b del set di icone a 48p. e 256 colori "Linear blue" per Teradesk 4.06 è disponibile per il download. Il set aggiornato comprende 24 nuovi elementi per un numero totale di 202 icone. Il file di configurazione desktop.inf per il setup del FireBee è a sua volta aggiornato e la maggior parte delle nuove icone sono già impostate.

Screenshot

linb_12b.zip


07/02/2015 Nuova versione GBE
Questo aggiornamento risolve alcuni problemi di installazione segnalati dagli utenti. Ora è molto più facile da installare, in quanto tutto quanto serve alla scrittura del codice ed alla compilazione è incluso in un unico archivio. L'installazione di default si prende cura di tutti i percorsi ed i comandi per la creazione degli eseguibili 68K e FireBee. Errori sono stati corretti in quasi tutti i componenti. Consultate la documentazione allegata per i dettagli.

Istruzioni per l'installazione: http://userpages.bright.net/~gfabasic/html/gbesetup.htm
Collegamento per il download: http://userpages.bright.net/~gfabasic/files/gbe.zip

Speriamo che questo aiuti gli utenti ed acceleri lo sviluppo sui loro Bees.


04/01/2015 Gradienti Askin per XaAES
Philippe Noble ha recentemente rilasciato Askin, un nuovo set di gradienti e widjets per XaAES, al fine di dare al FireBee e ad altre piattaforme FreeMiNT che supportano i modi video TC, un look piacevole e moderno. I gradienti Askin sono stati creati per abbinarsi ai set di icone "Linear.48", ma dovrebbero abbinarsi anche con la maggior parte dei set esistenti.

Poiché le informazioni disponibili sul formato dei gradienti erano limitate e incomplete, Philippe ha dovuto scoprire per tentativi come ottenere i migliori risultati visivi, con il sostegno della comunità e gli sviluppatori. Una anteprima e l'ultima versione del pacchetto di gradienti Askin è disponibile sulla pagina Web di Philippe:

https://sites.google.com/site/emaappsarch/news/xaaesgradientsupdateaskin12

Inoltre, per aiutare altri utenti a creare le propri gradienti, Philippe ha scritto una utile guida "howto" disponibile in rete: http://www.philippeworld.net/ftp/Apps/howto.txt

Dato che i file gradiente sorgente in formato *.C Language, devono essere convertiti nel formato *.grd prima di poter essere importati in XaAES. La guida per AHCC "Creating gradient - files" (readme.txt), scritta dal team FreeMiNT, insieme con le fonti dei gradienti XaAES di default, è scaricabile all'indirizzo:

http://www.philippeworld.net/ftp/Apps/xgt2.zip


11/12/2014 EasyMiNT 1.90b
Marc-Anton Kehr ha realizzato una nuova versione di EasyMiNT che ora dovrebbe funzionare anche su FireBee. Alcune integrazioni sono state apportate al supporto ST, tuttavia ancora ad uno stadio preliminare (alpha). Al momento, due cose ancora non funzionano sul FireBee e che richiedono grande prudenza:
  • Il controllo del filesystem all'avvio
  • Il backup della cartella MINT non viene eseguito
Ora le novità.

  • Vengono installati MiNT 1.19 e XaAES 1.6.4b
  • E' supportato il FireBee
  • Il Filesystem ext2 è disponibile anche su ST
  • Teradesk è stato sostituito da THING 1.29
  • La creazione di una partizione ext2 funziona anche sul FireBee.
Il pacchetto è di circa 40Mb e può essere scaricato da: http://atari.st-katharina-apotheke.de/download/em_190b.zip

Trattandosi ancora di una versione beta, si suggerisce di procedere con la massima prudenza !!

Inoltre, una versione di E-Nick, Il configuratore di rete di EasyMiNT, è stato ricompilato con supporto Coldfire. È possibile scaricarlo anche dalla homepage di maankes. http://atari.st-katharina-apotheke.de

Molti ringraziamenti vanno agli sviluppatori che lavorano a FreeMiNT, soprattutto Lonny Pursell, Vincent Rivière ed Helmut Karlowski.

Buon Divertimento!


09/12/2014 Aggiornamenti FreeMiNT, driver USB EHCI, Server NFS & cliente ftp Netkit
Patch FreeMiNT, driver EHCI USB

Il team FreeMiNT, grazie al contributo di Vincent Riviere, ha risolto alcuni problemi che riguardavano i driver FEC e NFS. Un bug nel driver FEC causava il mancato funzionamento sul FireBee del server NFS e del ping con pacchetti di dimensioni> 1500. Questo bug era l'origine di una anomala lentezza e di timeout. La maggior parte delle applicazioni beneficeranno di un aumento della velocità di trasferimento dei dati attraverso la rete. Il client FireBee NFC (NFS.XFS) è ora pienamente funzionale e consente di connettersi a un server NFS remoto (è richiesto anche il tool a riga di comando mount_nfs).

Il timeout di FSelect() è stato anche migliorato. Dopo questa correzione, la maggior parte delle applicazioni (Vim, per esempio) beneficeranno di un output più veloce verso la finestra del terminal (in Vim per MiNT, la lentezza dell'aggiornamento del terminale video era un problema di lunga data).

Grazie al lavoro di David Galvez, il driver USB EHCI ora funziona con le schede PCI USB che utilizzano lo stesso chip USB NEC µPD720101 del FireBee. Anche se non ancora di diretto interesse per il computer FireBee, questa è una delle caratteristiche più attese da parte dei proprietari di cloni TOS e meritava di essere menzionata. Attualmente è supportato solo il computer Milan. L'Hades, il Falcon CT6x/CTPCI ed il FireBee necessitano ancora qualche fixing/workaround nella implementazione PCI o l'interfaccia XHDI.

FreeMiNT 1.19.CUR per il FireBee predisposto da Vincent Riviere:

http://vincent.riviere.free.fr/soft/m68k-atari-mint/archives/mint/freemint/

Il pacchetto FreeMiNT completo, aggiornato quotidianamente è come al solito disponibile alla pagina FreeMiNT: www.freemint.org


nfs-Server versione 2.2beta47

nfs-server è un Network File System Server a riga di comando per il S.O. MiNT. Permette di impostare sul FireBee un server NFS per condividere file su una rete locale.

http://vincent.riviere.free.fr/soft/m68k-atari-mint/archives/mint/nfs-server/


Cliente ftp Netkit 0.17

Netkit è un cliente ftp a riga di comando per il S.O. MiNT. Come tutti i pacchetti assemblati da Vincent Rivière, i file binari sono disponibili per CPU Coldfire, 68000 e 68020-060.

http://vincent.riviere.free.fr/soft/m68k-atari-mint/archives/mint/netkit-ftp/


05/12/2014 MyAES 0.96
Olivier Landemarre ha recentemente rilasciato un importante aggiornamento di MyAES per il kernel FreeMiNT. Questa nuova versione ha richiesto quasi 2 anni di sviluppo e testing. L'elenco delle nuove funzionalità e miglioramenti è significativo:
  • La maggior parte delle applicazioni di MyAES sono ora disponibili anche native Coldfire, così da aumentare la compatibilità e le prestazioni complessive sul FireBee.
  • Il desktop di base "Mdesk" è disponibile. Anche se ai primi stadi di sviluppo, offre già alcune funzioni desktop di base.
  • La barra delle applicazioni "Yopla" è disponibile. Yopla fornisce i comandi di arresto e riavvio del sistema e di Quit & Kill delle applicazioni.
  • Un server icone true color basato su immagini PNG (24bit) è disponibile. Le icone true color possono essere in formato PNG o in formato RSC. In pratica, è stato estesa la struttura cicons per supportare una bitmap a 24bit. Le applicazioni compatibili utilizzeranno le icone disponibili (PNG o RSC) che corrispondono alla risoluzione impostata. Questa funzione è già supportata da yopla e Mdesk.
  • Un nuovo comando "include" in myaes.cnf per richiamare file di configurazione esterna (utile, per esempio, per la configurazione della modalità video).
  • Lo spostamento relatime ed il redraw delle finestre, la gestione degli eventi e lo shutdown del sistema sono stati sensibilmente migliorati.
  • Molte correzioni di bug...
L'archivio contiene una configurazione completa per la CPU Coldfire insieme al tradizionale setup per CPU MC68020+.

Download di MyAES 0.96: myaes.lutece.net


06/11/2014 Teradesk 4.06 disponibile
Djordje Vukovic ha distribuito la versione 4.06 del desktop Teradesk. La nuova versione aggiunge una opzione menu per il riordino "case-insensitive" del contenuto delle cartelle, particolarmente utile per quelle particolarmente affollate da file LFN.

download : tera406b.zip

Si precisa che le versioni precedenti degli RSC nazionalizzati non sono compatibili con la nuova versione di Teradesk. Come al solito, le versioni aggiornate degli archivi Francese, Tedesco, Italiano e Russo saranno disponibili sul server ftp Kurobox:

ftp://kurobox.serveftp.net:3021/utilities/desktops/


03/11/2014 Linear Blue, un nuovo set di icone a 48 punti per Teradesk 4.05

Lodovico Zanier ha rilasciato un nuovo set di icone a 48 punti e 256 colori, che è disponibile per il download. Questo set di icone è derivato dal precedente set "Linear Grey", utilizza le stesse forme di base, ma allo stesso tempo si avvale di tutti i colori della tavolozza NVDI. Questo offre ai proprietari di un FireBee, una reale opportunità per migliorare il loro desktop con un tocco di colore fresco e moderno. Le icone di questo set riprendono quelli disponibili nel set "Linear Grey" v1.1 ed i file di configurazione 'teradesk.inf' sono compatibili tra loro. Gli utenti che desiderano passare al nuovo set Blue devono solo sostituire i vecchi file cicons.rsc 'Linear Grey' che si trovano all'interno della cartella Teradesk.

Screenshot

LIN_BL11.zip


21/10/2014 Aggiornamento del pacchetto GFA Compiler

Il pacchetto GFABASIC compiler è stato aggiornato. Questo comprende un linker stabile e la prima release pubblica dell'interpreter per il FireBee. Gli utenti FireBee possono ora godere della soddisfazione immediata del pulsante Run in GBE. Nell'interpreter, per entrambi i tipi di CPU, è stato risolto un grave errore nella gestione delle stringhe. Vedere la documentazione per ulteriori dettagli. E' possibile scaricarlo qui: http://userpages.bright.net/~gfabasic/files/gfa_comp.zip


14/09/2014 Nuova versione 1.1 del set di icone Linear Grey per Teradesk

E' disponibile il download di una nuova versione del set di icone Linear Grey a 48 punti per Teradesk 4.05. Questa versione rappresenta un importante aggiornamento del set di icone creato da Lodovico Zanier. Il numero totale di icone è salito a 178 di cui 25 del tutto nuove. Inoltre, alcune icone di uso generale sono state aggiornate per migliorare l'aspetto generale e venire incontro alle richieste di alcuni utenti.

linear11.zip


30/03/2014 Nuova versione di Litchi FTP
Il ben noto cliente FTP "Litchi" è ora disponibile nella versione 1.3. Rajah Lone ha trascorso alcune notti per aggiungere il supporto delle connessioni FTP sicure con SSL/TLS.

Attualmente solo in ambiente MiNT/MiNTNet, Litchi usa la libreria LDG "POLARSSL.LDG" e può accedere ai server ftp sicuri con i protocolli FTPES (SSL esplicito) e FTPS (SSL implicito). Entrambi i protocolli possono essere usati con password criptata (solo autenticazione) o con crittografia dell'intero trasferimento di file (porta dati inclusa).

Anche i clienti di posta elettronica Troll e Meg sono stati aggiornati con la correzione di alcune bug minori.

E%92 possibile trovare le nuove versioni, l'archivio "POLARSSL.LDG" per le funzioni SSL e molti altri programmi sul Sito web di Rajah, come sempre in lingua francese, inglese e tedesca per Atari 68k e FireBee (CFv4e).


24/03/2014 Traduzione russa di Teradesk 4.05
Dima Sobolev ha recentemente aggiornato la sua traduzione Russa di Teradesk alla versione 4.05.

Screenshot

Come in precedenza, è possibile il download dalla homepage Avtandil o dal sito FTP kurobox.

File rsc Guida hyp kurobox FTP


17/03/2014 Nuova versione BETA pubblica di FireTOS
E' disponibile una nuova versione BETA di FireTOS che offre nuove funzionalità e la correzione di alcune bug. Dall'ultima versione del sistema operativo (estate 2013), Didier Méquignon ha migliorato il FireTOS in diverse aree: USB, IDE, Schede-SD, Generatore del clock di sistema e supporto NVRAM/IKBD. Come nelle precedenti versioni, questa versione BETA pubblica può essere scritta nella memoria flash del FireBee usando FLASH.PRG sotto FireTOS, o FLASH.PRG sotto EmuTOS.

FireTOS BETA pubblica

Dettagli sui miglioramenti:

  • Il "USB HUB task fix" è pensato per gli utenti che avviano il loro FireBee direttamente in FreeMiNT, senza una SD-Card associata al drive "A". Con questo fix, i dispositivi di archiviazione di massa USB (come i flash drive USB) inseriti dopo il boot, possono essere utilizzati senza problemi . Inoltre, alcune tastiere e mouse USB che prima non funzionavano adesso funzionano.

  • Il driver IDE ora usa l'LBA48 se la capacità del drive HD collegato supera i 128 GB, al contrario di 8 GB prima dell'aggiornamento. Questo risolve i problemi segnalati in passato con dischi più grandi di 8GB.

  • Le schede SD sotto FireTOS hanno ricevuto due grandi aggiornamenti. Il primo è l'implementazione del "Plug&Play delle Schede SD". Durante l'avvio con una scheda SD inserita, il tempo di identificazione della scheda è ora di 1 secondo, che accelera notevolmente la velocità di avvio, ed il LED non lampeggia più durante l'avvio. Quando non è presente all'avvio una scheda SD, il LED SD lampeggia per 10 secondi , ed il sistema attende l'inserimento di una SD. Il secondo, è il supporto di partizioni multiple sulle schede SD. La prima partizione sarà sempre mappata come drive "A". Se il drive RAM TOS non è impiegato, il drive "B" può essere usato per una partizione aggiuntiva. L'uso della partizione richiede sempre un driver di filesystem del tipo FAT16 per le unità fino a 2 GB sotto TOS o FAT32/ext2 sotto MiNT. I limiti TOS non sono cambiati.

  • Il tick di sistema di 200Hz aveva uno scostamento dell'1%, a causa di un piccolo errore di codifica. Questo determinava anche uno scostamento della data/ora dell'orologio. Questo è stato risolto.

  • La precedente implementazione della funzionalità del pannello di controllo FireTOS "Replace NVRAM" ha reso necessario un "Replace NVRAM fix". L'opzione "Replace NVRAM " era stata in origine pensata per gli orologi realtime non funzionanti del Falcon Atari: nel caso di una batteria non funzionante il computer avrebbe utilizzato l'orologio della tastiera IKBD Atari. Questo causava un problema sul FireBee quando si utilizzava una tastiera USB, dal momento che le tastiere USB non hanno un orologio: In questo caso, il TOS restava bloccato in attesa dell'ora di tastiera. Didier ha creato un patch entro un giorno dalla segnalazione del problema da parte di un utente: il TOS ora aspetta la risposta della tastiera solo per un breve periodo di tempo e poi continua il normale avvio.

  • Il più recente miglioramento riguarda l'esecuzione di EmuTOS dal menu iniziale FireTOS: tutte le eccezioni EmuTOS vengono ora visualizzate. In precedenza , l'exception handler CF68KLIB impediva la visualizzazione degli indirizzi e le eccezioni dovute ad istruzioni illegali.


02/03/2014 Rilancio di Atariuptodate
L'elenco Atari Up-toDate è un VersionTracker e un database di software per tutti i sistemi Atari 16/32 bit. Matthias Jaap, un utente Atari e per lungo tempo redattore dell'ultima rivista Atari tedesca "ST-Computer", ha rilanciato la sua "Lista Atari Up To Date". Per coloro che non conoscono atariuptodate, inizialmente era un elenco all'interno della citata rivista che riportava tutte le novità software dal numero precedente. Matthias non ha mai rinunciato ad atariuptodate e l'ha conservato in linea ed aggiornato. Migliaia di programmi sono recensiti e classificati, che rappresenta una reale panoramica sui più antichi ed ancora disponibili titoli Atari. Inoltre, sono presenti online i collegamenti a tutti i produttori o ex produttori. Questo la rende la migliore fonte per ricerche storiche sui produttori, etichette, sviluppatori o società, ed un vero database aggiornato di tutti i nuovi titoli software! L'elenco dei nuovi programmi del 2013 è già abbastanza impressionante.

Matthias Jaap ha lavorato al rilancio per alcuni mesi aggiungendo alcune migliaia di applicazioni fino ad arrivare ad oltre 6500 titoli. L'obiettivo infatti è il monitoraggio delle versioni dei programmi 16/32 bit. E la cosa migliore è che il FireBee dispone ora di una sua categoria! Quindi la domanda di diversi utenti FireBee -di avere una lista pubblica di programmi compatibili- è ora soddisfatta da un sito esterno ben conosciuto!

Adesso interamente in lingua Inglese.

http://www.atariuptodate.de/

Inoltre Matthias Jaap ha aderito all'ACP e curerà la redazione di notizie di alta qualità per il pubblico.


23/02/2014 EmuTOS 0.9.2 è stato distribuito
E%92 stato distribuita una nuova versione del sistema operativo libero EmuTOS e questa volta ci sono alcuni importanti cambiamenti per i proprietari di FireBee. Roger Burrows ha migliorato il supporto dell%92archiviazione di massa, tra cui: - Supporto per SD-Card - Sostegno del connettore esterno 2"1/2 IDE - Miglioramenti complessivi su IDE e CompactFlash

Si noti che EmuTOS aggiunge le partizioni SD-Card dopo quelle CompactFlash. In generale, la CompactFlash è C:, e la SD-Card è D: (a differenza del FireTOS dove la SD-Card è A :).

È possibile lo hot swap di diverse SD-Card. In altre parole, mentre EmuTOS è in esecuzione, è possibile rimuovere la SD-Card e inserirne un altra. Quindi è possibile aggiornare le finestre con Esc, proprio come con i floppy. Per quanto ci risulta, il FireTOS non dispone di questa funzione.

Inoltre, ora è possibile spegnere il FireBee da software, dal menu File del desktop.

EmuTOS 0.9.2 è disponibile su: EmuTOS

Scaricate emutos-Firebee-0.9.2.zip, poi eseguite il flash di emutosfb.s19 con il vostro strumento preferito.

Buon divertimento!


19/02/2014 Meg 1.4 supporta SSL/TLS
Rajah Lone ha reso disponibile la versione 1.4 di Meg (Mail senza Gossip). Il programma di controllo automatico di mailbox multiple ora supporta le connessioni sicure con SSL/TLS (POP3S e POP3 con STLS), anche con la verifica dei certificati server.

Come Troll, Meg usa la libreria "POLARSSL.LDG" LDG ed al momento il SSL/TLS funziona solo con MiNT/MiNTNet.

Meg 1.4 e l'archivio "POLARSSL.ZIP" sono disponibili sul Sito web di Rajah, come sempre per Atari 68* e ColdFire in lingua inglese, francese e tedesca.


02/04/2014 Troll 1.7: il primo cliente di posta elettronica per FireBee/Atari con SSL/TLS
Rajah Lone ha fatto un lavoro incredibile e ci è riuscito: Troll 1.7 ora supporta le connessioni sicure e-mail (POP3, IMAP4 e SMTP) con i protocolli STARTTLS, SSL o TLS, e la verifica dei certificati server. Questa pietra miliare per la comunicazione e-mail sui computer FireBee/Atari è stata possibile utilizzando la libreria LDG " POLARSSL.LDG ".

Le funzioni IMAP4 sono state migliorate, inoltre sono stati corretti alcuni errori. Attualmente, le funzioni SSL sono disponibili solo con MiNT+MiNTNet. L'SSL richiede un computer Atari potente (~1 MB di RAM solo per POLARSSL.LDG), ma naturalmente questo non è un problema per il FireBee ;-) Comunque, senza SSL, Troll 1.7 funziona ancora sugli Atari più "piccoli" (come in precedenza).

Importante : I file LDG per le funzioni SSL e per i backup compressi (archivi "POLARSSL.LDG" e "DEFLATE.LDG") non sono inclusi nella cartella "GOODIES". Si prega di scaricare questi archivi separatamente.

È possibile scaricare Troll 1.7 (versioni inglese, francese, italiana e tedesca) ed i file aggiuntivi dal sito web di Rajah Lone.


01/28/2014 Nuove icone ed aggiornamento di TeraDesk
Nuove icone per l'ambiente operativo Atari. Lodovico Zanier ha creato un proprio set di icone minimaliste. "Linear Grey" è prevalentemente un set di icone a toni di grigio con alcuni tocchi di colore, creato per il desktop open source TeraDesk e per computer Atari-compatibili veloci.

Iconset

Questo set contiene 158 icone che coprono i dispositivi, le cartelle, i simboli di alcuni formati di file ed applicazioni specifiche. Le icone, nel formato 48x48, offrono maggiori dettagli visivi delle versioni più piccole.

E' disponibile una nuova versione di TeraDesk: Djordje Vukovic ha pubblicato la versione 4.05. Le principali novità sono:

- Una correzione di diversi bug che avrebbero potuto impedire l'uso del drive "Z" - Un migliore posizionamento delle icone su desktop e finestre.

Sul sito di TeraDesk, i collegamenti ai file tradotti potrebbero non essere ancora aggiornati (collegati alla precedente versione 4.04). In ogni caso questi file (tedesco, francese, italiano ed russo) si possono trovare come sempre su kurobox FTP server


01/26/2014 HypView e PH vCard
HypView è un visualizzatore ipertesto di Philipp Donzé creato per sostituire il popolare ST-Guide. Il codice sorgente è stato rilasciato nel 2006 ed ora è stato ricompilato per la CPU ColdFire del FireBee.

I file binari sono disponibili per 68000, 68020-060 e ColdFire. HypView già funzionava in precedenza sul FireBee, ma non come applicazione nativa ColdFire. Il build nativo è stato ritardato a causa di codice assembler in Hypview.

PH vCard: Le vCard sono biglietti da visita digitali ed alcuni utenti di Internet allegano i propri dati di contatto alle loro email come vCard. Utilizzando il nuovo vCard Viewer di Probe Software House, questi file ora possono essere visualizzati correttamente su un FireBee.

I vCard sono semplici file ASCII che possono essere aperti con qualsiasi editor di testo. PH vCard legge questi file e li visualizza in un elenco formattato con sottosezioni.

Come con le altre applicazioni della Probe House Software, sono disponibili le versioni per 68000, 68020-60 e ColdFire. Altre applicazioni di PH Software comprendono un visualizzatore di Google Maps ed un programma di previsioni meteo.


12/24/2013 Samba, OpenSSH, MiNTLib: Nuovi Programmi & Strumenti per MiNT ed aggiornamenti
Natale per gli utenti MiNT significa un albero di Natale in ASCII o applicazioni Unix portate di recente o aggiornate. Uno dei migliori siti di tali programmi è la homepage di Vincent Rivière. Recentemente, ha pubblicato e aggiornato alcuni programmi MiNT, librerie e strumenti di cross development.

Gli sviluppatori possono scaricare MiNTLib CVS-20131219, Readline 6.2 e OpenSSL 1.0.1e . Readline fornisce funzioni per applicazioni che consentono agli utenti di modificare le righe di comando mentre vengono digitate e ricordare le righe di comando inserite in precedenza.

La lib Readline è utilizzata nella versione aggiornata 3.6.21 del software di rete Samba. Il smbclient supporta ora la storia della riga di comando e il completamento tab. Purtroppo, il problema "Too many open files" (Troppi file aperti) esiste ancora a causa di alcune limitazioni del kernel.

OpenSSH 6.4p1 utilizza le più recenti librerie MiNTLib e OpenSSL. Per la prima volta, OpenSSH è stato compilato per la CPU Coldfire del FireBee. Risolti in questa versione sono i problemi di connessione del client SSH con i server Linux. Per ultimo, ma non meno importante, sono state aggiornate le Coreutils, una collezione app per la modifica di file e documenti.


12/13/2013 Vincent Rivière ha compilato una suite software completa per il FireBee

Il GCC ha dovuto lavorare ore supplementari per la maratona di compilazione di Vincent Rivière. La maggior parte dei 40+ programmi sono ora compilati per 68000, 68020-60 e ColdFire e verranno eseguiti a piena velocità. Mentre la maggior parte delle applicazioni sono fatte per un ambiente a linea di comando, alcuni usano una interfaccia grafica.

Tra le applicazioni basate su testo vi sono alcuni programmi standard Unix come Bash, Make, Vim e Samba. Rivière ha colto l'occasione per compilare versioni più recenti delle applicazioni. Solo un tentativo di compilazione non ha avuto successo: HypView, il sostituto di ST-Guide, che contiene codice assembler. Altre applicazioni compilate degne di nota comprendono Hatari, l'emulatore Atari già convertito qualche tempo fa, l'editor di testo QED e lo sparatutto in prima persona Doom.

Anche gli sviluppatori che non pensano di usare questi strumenti, dovrebbero dare un'occhiata agli archivi, in quanto sono usati una configurazione e dei make file modificati che potrebbero essere impiegati come modelli anche per altre applicazioni.


11/28/2013 Per gli sviluppatori GFA: Nuova release del GFA Compiler

Mentre l'azienda GFA non è riuscita a modernizzare correttamente e ripulire il suo BASIC per l'allora nuova generazione di computer Atari, ci sono sempre stati sviluppatori pronti a introdurre nuove patch per rendere il GFA-BASIC più compatibile. Il patch più moderno e completo è realizzato da Lonny Pursell: Ha sviluppato un editor di GFA e modificato la biblioteca, il compilatore ed il linker. Adesso è arrivato un aggiornamento per il compilatore.

Gli sviluppatori GFA hanno una vasta selezione di patch e librerie alternative. Senza patch, i programmi compilati GFA, non girano sui moderni sistemi Atari compatibili. Il patch di Lonny vi permetterà di compilare programmi compatibili con i sistemi basati su 68k, nonché il FireBee.

Il compilatore GFA r22 risolve un bug oscuro dove End, Edit e Stop falliscono la generazione assembler se sono la prima riga di una subroutine.

Il download è disponibile dal sito di Lonny e comprende il compilatore, il linker e la biblioteca per sistemi 68k e Coldfire.


11/25/2013 Nuova snapshot EmuTOS con supporto della SD card del FireBee

EmuTOS è maturato in molto più di un semplice TOS sostitutivo per gli emulatori: Grazie a Roger Burrows, il sistema operativo open source supporta lo slot di schede SD del FireBee.

EmuTOS supporta più partizioni, ma a differenza del FireTOS, non considera la scheda SD come dispositivo A. Le lettere delle scheda SD vengono aggiunte dopo quelle della CompactFlash. In questa prima implementazione, l'individuazione del "media change" non è supportato. I proprietari di un FireBee, che utilizzano questo build, dovranno quindi evitare di sostituire la scheda SD mentre il computer è in funzione. Una correzione verranno aggiunta a breve.

Altre modifiche di EmuTOS build 2013/11/21:

  • Migliorata la determinazione della capacità del disco e delle dimensioni dei blocchi.
  • Migliorato il driver IDE.
  • Supportate fino a 4 interfacce IDE.


11/23/2013 GCC è disponibile per il FireBee

Mikro (Miro Kropáček) ha compilato un pacchetto GCC (GNU Compiler Collection) per il FireBee. GCC è uno degli strumenti più popolari per lo sviluppo cross-platform e compila codice C e C++ in programmi nativi Coldfire.

Il pacchetto contiene librerie e strumenti importanti, tutti compilati per la CPU Coldfire del FireBee. GCC può essere utilizzato per lo sviluppo di applicazioni anche per altre architetture CPU (68000, 68020-60). Il porting di GCC esisteva in precedenza, ma era stato compilato per le CPU 68000 ed i programmi per default erano generati per una CPU 68k.

I primi programmi come bench.app sono stati compilati correttamente con il nuovo GCC 4.6.4. I tempi di compilazione potranno migliorare in futuro attraverso ottimizzazioni del sistema operativo. GCC 4.6.4 è disponibile qui.

Le alternative per gli sviluppatori C sul FireBee sono AHCC (Pure C compatibile) e vbcc.


09/20/2013 vbcc per FireBee è disponibile!

Grazie alla grande collaborazione con lo sviluppatore esterno Frank Wille, siamo ora in grado di presentare il compilatore vbcc per FireBee. vbcc è un compilatore ottimizzante ANSI-C già disponibile per numerose piattaforme che è caratterizzato dalla presenza di gran parte del C99 standard ISO/IEC 9899:1999. vbcc, già disponibile per qualsiasi progetto possiate immaginare, è spesso utilizzato dai demo coders. Il codice sorgente è liberamente disponibile per qualsiasi ambizione non commerciale.

Grazie ad una generosa donazione, qualche mese fa è stato possibile fornire a Frank Wille un FireBee. Ole Loots ha poi aggiunto una distribuzione completa di FreeMiNT con tutti gli strumenti di sviluppo disponibili ed infine è arrivata Medusa Computer Systems con un secondo FireBee nuovo e del tutto aggiornato. Con l'inizio dell'estate e dopo un gran numero di ore di lavoro fornite gratuitamente, Frank Wille ed il Dr. Volker Barthelmann hanno potuto presentare sia una versione funzionante del back-end ColdFire, che numerosi miglioramenti per le versioni generiche Atari per GEM e MiNT.

Adesso Frank Wille ha prodotto un versione beta di vbcc nativa per il FireBee. Il compilatore può essere autocompilato su ColdFire, ed è in grado di produrre codice ottimizzato ColdFire o Atari-68k. Dopo AHCC e l'adattamento del GFA Basic, vbcc è la terza piattaforma di sviluppo per il FireBee. Molti ringraziamenti vanno a Frank Wille, che ora mantiene le versioni generale Atari e MiNT oltre a quella per Amiga. Il pacchetto completo contiene il vbcc stesso, il linker vlink e l'assemblatore vasm. Il compilatore genera programmi veloci e ben ottimizzati da 8 a 64 bit. E' molto bello vedere le nuove librerie GEM testate con successo su progetti più piccoli.

L'uso di vbcc è interamente a vostro rischio, e vogliamo avvertirvi che in questo software potrebbero essere ancora presenti delle bug. Gli sviluppatori sono in attesa di ricevere feedback, idee o segnalazioni di bug riguardanti questa nuova beta per FireBee.

firevbcc


07/05/2013 EmuTOS 0.9.1

EmuTOS 0.9.1 è stato appena stato rilasciato.

Le principali caratteristiche utili per il FireBee sono:

  • Aggiunto il supporto per la modalità a 256 colori del Falcon.
  • Aggiunto il nuovo EmuCON2, con il completamento TAB.
  • Aggiunto il supporto per la ridenominazione delle cartelle.
Questa versione include anche il supporto per le schede di valutazione ColdFire. Questo hardware era l'unica opzione per testare il software ColdFire quando il FireBee non era ancora disponibile.

EmuTOS 0.9.1 corregge anche una bug di overflow dello stack che impediva EmuTOS 0.9.0 di eseguire xaloader.prg dal desktop con FreeMiNT e GEM = ROM.

Scaricate EmuTOS 0.9.1 da: http://sourceforge.net/projects/emutos/files/emutos/0.9.1/

Scaricate emutos-firebee-0.9.1.zip, poi effettuate il flash di emutosfb.s19 con il vostro strumento preferito.

Buon divertimento!


07/01/2013 Pubblicata una nuova versione ufficiale di Aniplayer

Questo fine settimana - per la prima volta dal 2004 - è stata pubblicata una nuova versione del player multimediale Aniplayer di Didier Mequignon. Aniplayer può essere descritto come il player più conosciuto per i sistemi Atari. Accanto a molte novità per i cloni, l'aggiornamento delle schede ecc. c'è soprattutto una caratteristica di grande interesse per il FireBee: la decodifica audio MPEG ora utilizza le istruzioni MAC Coldfire. Questo significa niente altro che gli MPEG possono essere riprodotti con un basso carico di sistema (anche in background) per Aniplayer.

Buon divertimento con la versione ufficiale 2.23 di Aniplayer!

http://aniplay.atari.org


06/28/2013 Nuova versione BETA pubblica di FireTOS

Oggi presentiamo una nuova versione BETA del nostro Sistema Operativo. Come sempre Didier Mequignon ha dedicato molto tempo all'ulteriore sviluppo e miglioramento dei seguenti punti del TOS:

  • L' IDE ora funziona con LBA48. Questo vuole dire che adesso il limite teorico per la memorizzazione di massa del FireBee è di 2 TeraByte.
  • E' stata implementata una correzione EmuTOS. Il Sistema Operativo Open Source EmuTOS può essere nuovamente lanciato dal menù di avvio FireTOS. Pertanto è anche possibile che EmuTOS utilizzi i driver USB e alcune funzioni minori del FireTOS. Questo avviene completamente senza driver USB in EmuTOS, o che EmuTOS debba conoscere l'USB. Nella maggior parte dei casi, una modifica della posizione dei DIP-switch non è più necessaria.
  • Sono state apportati alcuni miglioramenti al driver lwIP del chip ethernet.
  • Il driver USB è stato sensibilmente migliorato, e la maggior parte dei problemi con l'USB dovrebbero essere una cosa del passato. Sopratutto, il bug del tasto shift è stato corretto. L'uso quotidiano di tastiere USB dovrebbe essere finalmente possibile.
  • Supporto monocromatico. Il TOS ora offre la possibilità di lavorare, e di eseguire l'avvio in Bianco e Nero. Di massima, questo significa che l'avvio è stato sensibilmente accelerato - anche con schermi di grandi dimensioni (da full HD in su). Il B/N funziona con il VDI nonché con il VT52 (console seriale).
  • E' disponibile un nuovo Pannello di Controllo l'avvio in B/N, che funziona senza problemi con COPS, il server Pannello di Controllo da noi distribuito. Chi desidera usare queste possibilità deve utilizzare questa nuova versione di CPX invece della precedente.
  • Il webserver è ora per default alla porta 8080.
  • Il nuovo FireTOS è stato oggetto di diverse ulteriori modifiche tecniche interne. In alcune istruzioni l'utilizzo DMA è stato disattivato per migliorare la compatibilità (grazie a questo DGEM è ora funzionante), "logbase ()" è stato corretto, c'è una nuova subroutine per le future nuove funzionalità TOS (come l'USB), "stop instructions" è stato sostituito per passare un po' di tempo ad altri compiti, le istruzioni 68k all'interno del patcher ikbdevc per MiNT sono state rimosse, "setscreen" è stato migliorato, e molto altro.
Una delle cause che vi ha privato per qualche tempo della nuova versione di FireTOS, è che abbiamo condotto anche diversi test con versioni interne, che usavano la ST RAM dalla FPGA/Memoria Grafica dal (invece che, come più recentemente, all'interno della memoria principale da 512 MB). Questo doveva consentire la suddivisione della ST-/Fast-RAM esattamente come negli Atari originali, senza alcuna necessità di artifizi software come avviene attualmente, e quindi di poter aumentare sensibilmente la compatibilità dei programmi ST o Falcon. Purtroppo abbiamo incontrato un problema con l'AC'97 e riteniamo che un FireBee senza alcun suono sia un enorme passo indietro. Per questo motivo la nuova caratteristica RAM è stata nuovamente disabilitata fino a quando non avremo trovato una soluzione.

Tutte le altre nuove caratteristiche sopra descritte ne legittimano la distribuzione, anche se la ST RAM è ancora all'interno della memoria principale da 512 MB. Per molte funzionalità, come ad esempio quelli per le tastiere USB, siete già stati in trepidante attesa! Non dimenticatevi che si tratta ancora di una versione BETA. Un versione ufficiale sarà disponibile sul sito di Didier - come di consueto - non appena a portata di mano. Effettuate il flash del nuovo TOS con FLASH060.PRG direttamente dal desktop TOS (alcuni sviluppatori consigliano di non farlo da MiNT). Buon divertimento con i test! Saremo felici di ricevere il vostro feedback sulla nostra mailing list.

FireTOS


05/03/2013 Set di icone 2.0 per Thing! e TeraDesk

Il set di icone 2.0 per Thing! e TeraDesk, è un importante aggiornamento del set 1 (solo per Thing!) contenuto del setup del FireBee. Anche se la maggior parte delle icone di base del set 1 non sono state modificate, il numero totale di icone è quasi raddoppiato con l'inserimento di nuove icone per applicazioni, cartelle e file. I set di Thing! e TeraDesk condividono la maggior parte delle icone, con alcune varianti specifiche al desktop. Il set di Thing! contiene 294 icone (principalmente in 32x32 in 16 e 2 colori), mentre il set di TeraDesk contiene 258 icone (tutte in 32x32 in 16 e 2 colori). Entrambi gli archivi includono i file di configurazione, con la maggior parte delle nuove icone già assegnate. Il file desktop.inf di TeraDesk contiene una configurazione di base per il Firebee (simile a quella di Thing!). Tenete presente che sostituendo questo file andranno perse tutte le vostre personalizzazioni del desktop. L'uso della paletta colori NVDI è altamente consigliato. Con la paletta GEM classica la maggior parte delle icone appariranno leggermente più scure. Agli utenti FireBee che desiderano effettuare l'aggiornamento, si consiglia di eseguire per prima cosa il backup dei loro set di icone e dei file di configurazione (per il desktop Thing!: Icons.rsc e icons.inf, e per TeraDesk: cicons.rsc, icons.rsc e desktop.inf) .

Download del set 2 di icone per Thing!
Download del set 2 di icone per TeraDesk

Ricordate che questi set sono ottimizzati per il FireBee e, a causa delle loro dimensioni, non sono pensati per essere usati (così come sono) su computer TOS di fascia bassa.

Icone "Linear Grey" (v. 0.9 alpha) fissati per TeraDesk

Il "Linear Grey" è un set di icone a 256 colori (NVDI palette) per TeraDesk in stile minimalista. Sebbene sia nato come un esperimento di stile, si è poi evoluto in un set di icone basico per TeraDesk. Contiene 59 icone originali nel classico formato 32x32, nelle varianti a 256, 16 e 2 colori. Un file Desktop.inf è anche incluso, con una configurazione di base per il FireBee. L'uso della "NVDI palette" è obbligatoria. Con la paletta GEM, la maggior parte delle icone sarà visualizzata con colori sbagliati. Siate consapevoli che si tratta di una versione preliminare e qualche ulteriore ritocco potrebbe ancora risultare necessario.

Agli utenti FireBee che desiderano testare questo set, si consiglia di eseguire per prima cosa il backup dei loro set di icone e del file di configurazione (vale a dire: cicons.rsc, icons.rsc e desktop.inf).

Download del set di icone Linear Grey (v 0.9 alfa).


04/24/2013 Uno zoom dentro il PIC

Negli articoli precedenti "Uno zoom dentro", abbiamo descritto i due principali componenti programmabili della scheda FireBee: il ColdFire e il chip FPGA. Ma ce n'è un terzo, che interpreta il ruolo di direttore d'orchestra: il PIC.

PIC significa "Peripheral Interface Controller". Si tratta di una famiglia di microcontrollori della società Microchip. I PIC sono componenti programmabili molto compatti e di costo contenuto. Incorporano una CPU di base, ma anche una memoria flash dedicata, un po' di RAM e diverse porte di entrata/uscita. Possono essere programmati sia in assembler che in linguaggio C.

Il PIC del FireBee è un PIC18F4520 della Microchip. Il suo software può essere aggiornato con un programmatore esterno hardware (o, in futuro, semplicemente da software). Il PIC è responsabile di diversi compiti importanti, quindi non si ferma mai. Il LED blu del FireBee lampeggia lentamente per indicare che il PIC sta funzionando.

  • Pulsante di accensione/reset. Il PIC monitora costantemente questo pulsante, per accendere, spegnere o resettare i componenti principali della scheda FireBee.
  • Salvataggio dell'orologio in tempo reale e della NVRAM. Come descritto nel precedente articolo, il chip dell'orologio in tempo reale e della NVRAM del Falcon è implementato nell'FPGA. Ma quando si spegne il FireBee, si perde lo stato dell'FPGA. D'altro canto, il PIC non si spegne mai. Quindi, al momento dello spegnimento, i dati NVRAM e dell'orologio sono trasferiti dall'FPGA al PIC, dove sono tenuti aggiornati. Poi all'accensione del FireBee, i dati vengono trasferiti dal PIC all'FPGA, quindi è esattamente come se l'FPGA non si fosse mai fermato.
  • Monitoraggio della batteria. Il PIC monitora costantemente la batteria. Se la carica diventa troppo bassa, il FireBee si spegne automaticamente. Questo impedisce problemi hardware a causa di basse tensioni, e mantiene una potenza sufficiente nella batteria per far funzionare il PIC e conservare per mesi i dati NVRAM e orologio.
  • Porta PS/2. Questa porta è collegata direttamente al PIC, ma è attualmente inutilizzata. In un aggiornamento futuro, una funzionalità simile alla scheda Eiffel sarà implementata all'interno del PIC. Poi il FireBee sarà in grado di utilizzare in modo trasparente una tastiera ed un mouse PS/2, come se fossero periferiche standard Atari.
  • Porta Giochi. Attualmente disabilitata, questa porta interna permetterà di collegare direttamente al FireBee un mouse ed un joystick standard Atari.
  • Interfaccia programmatore/debugger. Si tratta di una interfaccia fisica che consente di collegare un programmatore/debugger come il PICkit di Microchip. Tale dispositivo deve essere collegato ad un altro computer. In questo modo, il software PIC può essere aggiornato da remoto, e gli sviluppatori possono anche eseguire un debugger per eseguire il software passo passo.
È possibile trovare la documentazione dettagliata sul PIC18F4520 sul sito web della Microchip: http://www.microchip.com/wwwproducts/Devices.aspx?dDocName=en010297


03/07/2013 Diverse nuove applicazioni

Decoder MPG-1 per mxPlay
Il titolo principale delle notizie di oggi avrebbe potuto essere "decodifica MP3 per il FireBee". Ed in effetti è già sensazionale! Il nuovo mxPlayer, recentemente pubblicato, è già un grande MOD player. Dato che possiede una bella API, ulteriori pug-in audio possono essere sviluppati da sviluppatori esterni. Subito dopo il rilascio, molte persone hanno chiesto il supporto MP3. Dopo alcuni giorni MiKRO ha annunciato "eccolo".. MPG_CF.MPG, questo è il nome del plug-in audio MPG, è basato su "mpg123". Il piano iniziale era quello di usare MAD, ma la sua API non è molto facile da usare. Così è diventato mpg123, il che significa che altre funzionalità già presenti in mpg123 possono essere facilmente implementate in mxPlay da altri programmatori. Già funziona la decodifica MPEG-1 Layer I, II e III. Oltre ad una BETA di Anyplayer mai ufficialmente distribuita, questa nuova versione "mxPlay 2.1", con in più il suo plugin MPG_CF.MXP, è ora il primo player MP3 per FireBee.



Questo screenshot mostra Highwire che visualizza una immagine di mxPlayer durante la decodifica di file MP3.

Nuovo Highwire
Highwire, il browser Web solo per Atari, è stato ricompilato per V4e. Anche se aveva sempre funzionato nella versione 68k, i piccoli miglioramenti sono interessanti, e l'aumento di velocità rendono Highwire più fruibile nei compiti quotidiani. Lo sviluppatore m0n0, che già ci ha portato il grande browser Netsurf, è responsabile anche per questo Highwire e, con questa versione, continua ad avere cura di tutte le esigenze di networking del FireBee. Potete trovare Highwire per V4e dal suo sito web.

Nuovo cliente FTP, KK-Commander, fVDISnap, Meg, Crésus, Joe - Editor HTML, ...
Rajah Lone è uno sviluppatore esterno inarrestabile. Continua il miglioramento e la ri-compilazione di diversi programmi utente. Nella scorsa settimana c'è stato un nuovo rilascio di Litchi e JOE. Questa versione 1.2C del grande cliente FTP ha avuto diversi miglioramenti. La versione 1.5 di Joe, un bel HTML Editor, è ora disponibile anche per Coldfire. Abbiamo anche Meg del 3 marzo, un controllore di mailbox e filtro spam. KK Commander è un clone Total Commander e fVDI Snap è una applicazione snapshot che ora funziona anche su sistemi non fVDI. Date un'occhiata al sito di Rajah e scaricate questi nuovi interessanti programmi.

Setup FreeMiNT del FireBee per ARAnyM
Diversi utenti erano entusisti del setup FreeMiNT per il FireBee di Jo Even Skarstein. La facilità e la completa dedizione al GEM del setup (il che significa nessun materiale Unix) è risultato di interesse anche per altri utenti senza un FireBee. Così, dopo che era emerso "Vanilla MiNT" - una sorta di spinoff del setup FreeMiNT del FireBee - un setup molto semplice da usare sul restante hardware Atari, ora uno sviluppatore esterno ha curato una implementazione 1:1 del nostro setup Firebee per ARAnyM, le macchine virtuali, che esistono già per diversi host system. La configurazione MiNT è identica a quella disponibile per il FireBee, tranne che i file binari sono stati sostituiti con quelli per ARAnyM. Alcune applicazioni GEM non sono in grado di funzionare, in quanto richiedono l'hardware reale. Tale configurazione è disponibile nella forma di disco immagine, per l'uso immediato. Il feedback iniziale è andato molto bene, e sembra che l'iniziativa di ProTOS è arrivata al momento giusto, per supportare gli utenti ARAnyM.

zView 1.0

Un altra applicazione che ha ricevuto molti miglioramenti e correzioni da parte del Sig. Miro Kropacek http://mikro.atari.org è zView. Questo programma - che può essere considerato come "il" recente viewer di immagini e PDF per la piattaforma Atari - realizzata inizialmente, nell'anno 2005, da Zorro . MiKRO, che ha già compilato la prima versione FireBee di questa grande applicazione, ha ora apportato numerosi miglioramenti. Nuove funzionalità concernenti i livelli di zoom PDF e migliori preferenze per la visualizzazione (o meno) dei file non-immagine nel browser sommario, così come la visualizzazione di file UNIX nascosti. La documentazione e l'RSC sono stati aggiornati da Sascha Uhlig. Sono stati corretti diversi errori riguardanti il protocollo AV, i filtri PNG e GEM(X)IMG, la dieresi nell'elenco di navigazione PDF, il ridimensionamento nella modalità a schermo pieno (non più linee colorate in basso alle immagini a schermo pieno!), così come la compatibilità TOS e MagiC, e molto altro ancora. zView può essere considerato maturo e molto affidabile. Grazie a MiKRO è uno dei migliori strumenti per i nostri FireBee.La versione 1.0 è appena stata distribuita.


03/01/2013 Ancora audio, miglioramenti di EmuTOS e della Libreria GFA, traduzioni di TeraDesk

mxPlay 2

Il 20 Febbraio è stato distribuito "mxPlay 2", un player MOD (musica MOD). mxPlay è stato sviluppato da MiKRO di Mystic Bytes per consentire ai computer FireBee e Falcon CT6x di eseguire qualunque (!) formato MOD disponibile. Questo player audiomedia per Atari arriva con il drag&drop, il supporto dei LFN, un interfaccia moderna, dispone di 10 skins, playlist, una API plugin e molto altro ancora. Una nuova eccezionale caratteristica è che 32 canali sono adesso disponibili sui FireBee quando si eseguono i formati ""XM" o "S3M". E' un progetto aperto. mxPlay per il vostro FireBee è disponibile sulla loro pagina Sourceforge.


Potete trovare file MOD music (moduli) su "Fading Twilight", per esempio. E' musica che arriva da tanti musicisti Atari sparsi nel mondo. I moduli SAP possono essere scaricati da Atari Sap Musik Archiv.

Nuovo EmuTOS 0.9.0

Il team EmuTOS ha reso disponibile una nuova versione del loro Sistema Operativo open source. Questa nuova distribuzione migliora il supporto dell'hardware Atari. E stata distribuita anche la versione FireBee. Si ricorda che la versione FireBee è nativa ColdFire (cioè nessun workaround per le istruzioni M68K mancanti) e non supporta l'hardware aggiuntivo dei FireBee. Le nuove funzioni utili per i FireBee sono: il supporto delle schede CompactFlash senza partition table ed un file selector migliorato. È possibile effettuare il flash di EmuTOS (emutosfb.s19) nella ROM del FireBee con l'utility FLASH060.PRG. EmuTOS è disponibile nella pagina del progetto.

Distribuito un aggiornamento della libreria GFA-BASIC

Lonny Pursell ha ulteriormente migliorato il GFA-BASIC con l'aiuto di alcuni programmatori GFA. Nella libreria il binding GDOS è stato ricodificato in base alla documentazioni ufficiale Atari. La modifica del compilatore è: "Annullato il test per le dichiarazioni CASE mancanti". Scaricate l'ultima versione dal sito di Lonny.

Traduzioni di TeraDesk 4.04

Negli ultimi giorni sono state distribuite la maggior parte delle traduzioni di TeraDesk. Gli archivi sono scaricabili rispettivamente da:

RSC & ST Guide in Tedesco
RSC in Francese
RSC in Italiano
RSC & ST Guide in Russo

Fate attenzione che i nuovi file risorsa (desktop.rsc) sono compatibili unicamente con la distribuzione ufficiale di TeraDesk 4.04.


01/31/2013 Distribuito TeraDesk 4.04 !

Djordje Vukovic ha da poco distribuito una nuova versione di TeraDesk, un desktop molto snello già disponibile nella corrente distribuzione del Setup del FireBee e di altre distribuzioni su base FreeMiNT. La nuova versione 4.04 è fondamentalmente una versione bug fixing senza nuove funzionalità. L'archivio TeraDesk comprende anche una versione ottimizzata ColdFire (desk_cf.prg). Gli utenti Firebee che voglio aggiornare la loro attuale configurazione FreeMiNT, dovranno rinominare il file desk_cf.prg in desktop.prg, lasciando intatte le impostazioni correnti ed i file delle icone (vale a dire teradesk.inf e cicons.rsc/icons.rsc).

Le nuove versioni nazionali di TeraDesk saranno disponibili a breve, comprese una versione Francese aggiornata (grazie al lavoro di un team ad hoc) ed un nuovo archivio Italiano. Le versioni nazionalizzate (tedesco, francese, italiano, russo e greco) saranno scaricabili attraverso la pagina web di TeraDesk o direttamente dal server ftp Kurobox o dalle pagine web dei rispettivi autori.

È possibile scaricare TeraDesk dalla consueta pagina web: http://solair.eunet.rs/~vdjole/teradesk.htm


01/26/2013 Il GFA-Basic sul FireBee

Grazie al duro lavoro di Lonny Pursell, il GFA-Basic è ora tecnicamente maturo per il FireBee. GBE - L'editor GFA-Basic - è stato ora ricompilato con l'ultima libreria per il Coldfire, diversi bug (come RECALL) sono stati eliminati e c'è stata una estesa rielaborazione come nel caso del "Test del menù a discesa". Il GFA è ora così bene sviluppato che una semplice ricompilazione assicura che i programmi non ancora funzionanti, siano immediatamente utilizzabili sul Firebee. Lonny ha distribuito una nuova e migliorata versione il 24 Gennaio u.s..

Impressionante è il lavoro di Rajah Lone che, da alcune settimane, sta ricompilando tutti i suoi programmi GFA sul suo nuovo FireBee. E la maggior parte di loro ora funziona perfettamente! Per esempio Litchi, che può essere considerato il miglior cliente FTP per il Bee, DGEM un clone di Dungeon Master, Cresus un ottimo manager di conti bancari, e molto altro ancora.


01/11/2013 Cosa avete fatto ultimamente ?

Prima di spiegare cosa porterà il 2013 e quali novità ci saranno per il FireBee, cercheremo di riassumere quello che è accaduto nelle ultime 10 settimane.

La lega professionale del team di sviluppo ACP ha conseguito importanti miglioramenti in alcuni campi chiave, che dovrebbero semplificare i futuri contributi esterni. Il nostro "più giovane" collega, Markus Fröschle, dopo settimane di duro lavoro, ha finalmente completato il port del BAS (il nostro BasicSystem per la inizializzazione dell'hardware) dal prodotto commerciale Codewarrior a quello gratuito GCC, con l'attivo sostegno di Vincent Rivière. Inoltre, Wolfgang Förster ha interamente riscritto l'attuale configurazione FPGA usando il più semplice VHDL, così da consentire futuri contributi ed ottimizzazioni con il più strutturato e chiaro VHDL. Questa nuova configurazione sarà testata nelle prossime settimane, e se le cose procedono come previsto, il prossimo passo sarà l'implementazione di un Blitter, simile a quello già disponibile nel progetto Suska. Dopo questo, ci auguriamo che nuovi programmatori VHDL part-time offrano il loro sostegno. Vincent Rivière ha lottato per due settimane con una bug di FreeMiNT, praticamente senza dormire. Di fatto, con le versioni più recenti di XaAES, TeraDesk andava in crash in fase di avvio. Questo bug è stato fortunatamente risolto. Adesso è disponibile un built completo del nuovo kernel FreeMiNT che funziona perfettamente su FireTOS e EmuTOS.

Didier Mequignon ha iniziato a trasferire gli indirizzi ST-RAM dalla memoria FastRAM da 512 MB a quella RAM della FPGA. In tal modo la ST-RAM potrà essere indirizzata indipendentemente dalla FastRAM, come già accade sul Falcon, e senza alcun artificio software. Si tratta di una funzione lungamente richiesta da diversi sviluppatori, che consentirà un corretto funzionamento di ulteriori programmi. Verrà eseguita direttamente attraverso il FireTOS.

Medusa ha testato un gran numero di tastiere. La precisa richiesta del coordinatore del progetto era per una tastiera USB economica per le prossime confezioni complete del FireBee, senza tasti appartenenti a Sistemi Operativi alieni. Un compito davvero difficile al momento attuale! Ma ora abbiamo trovato una tastiera dal prezzo conveniente, disponibile nei layout di diverse lingue (UK, US, UK, ES, FR, CZ), e funziona al 100% sul FireBee. Un altro task che ha richiesto molto tempo, è stato quello di trovare una soluzione per un alimentatore poco costoso, utilizzabile in tutto il mondo. Dato che sempre più clienti hanno problemi o non sono certi di trovare localmente un alimentatore AC/DC, ci piacerebbe poter offrire in futuro, direttamente dalla Svizzera, una soluzione adatta a differenti tipi di alimentazione e prese elettriche e, allo stesso tempo, nonostante i nostri volumi contenuti, non aumentare eccessivamente i costi.

Questo ci conduce direttamente ad un aggiornamento di situazione per quanto riguarda i problemi con la tastiera USB. Al momento ne esistono due. Per il primo, dopo molti giorni di prove, si è scoperto che, bastava cambiare la lingua di sistema in Francese o Tedesco con il CPX FireTOS, anche con un differente layout di tastiera selezionato, quasi ogni tastiera può essere considerata "error free". Per il secondo, il bug "tasto shift-funziona-come-caps-lock" che si verificava in alcuni casi, non siamo riusciti a identificarne la causa fino allo scorso Dicembre, quando è stata resa disponibile una versione interna di FireTOS, che inviava gli scancodes tastiera alla console seriale. Una soluzione è venuta a portata di mano ed è attualmente sotto test da parte del team.

Un altro errore di applicazione è stato identificato da Miro Kropacek. Diversi utenti hanno segnalato che la versione di zView fornita "di serie", non visualizzava i caratteri dei file PDF. Questo errore, come sappiamo ora, è facile-da-risolvere a livello utente. Basta creare una cartella temporanea in una qualsiasi posizione. Questa Cartella "tmp" deve essere dichiarata, nel file di configurazione di MiNT, come variabile d'ambiente usando la sintassi "setenv TMPDIR c:/path/to/file/tmp". A questo punto i file PDF saranno visualizzati in tutto il loro spendore, e relativamente più velocemente, anche con l'antialiasing.

Dato che la gentile ditta a cui vengono inviati i pagamenti, ci informa via e-mail in maniera irregolare di quando è stato acquistato un Firebee, alcuni utenti hanno dovuto aspettare molto tempo per la consegna dei loro nuovi computer. Ce ne dispiace veramente! La soluzione è quella di inviare una email di notifica a acpinfo at atari dot org, anche quando l'acquisto è stato effettuato direttemente da Medusacomputer.com. Inoltre, questo uso "parsimonioso" delle email ha comportato uno scostamento tra la situazione reale e quella nominale dei mini case presenti in magazzino.

Ma tutto questo ha portato alla consapevolezza che stiamo per ordinare una nuova serie di mini-case, per poter disporre nuovamente di tutte le colorazioni. Detto, fatto! Una nuova serie di casi sarà presto disponibile -probabilmente per la fine del primo quadrimestre- nelle già note 4 colorazioni e nelle combinazioni Blu/Nero o Magenta/Nero. Sono inoltre state sviluppate due piccole ottimizzazioni del case. A Vienna abbiamo progettato una staffa di raccordo dei futuri convertitori SATA, che potrà essere fissata con una sola vite all'interno della parte superiore del case. Inoltre, abbiamo costruito una piccola clip con cui sospendere internamente l'altoparlante. Le clip saranno prodotte con una stampante 3D e opzionalmente potranno essere utilizzate anche nei mini-case già consegnati, in costituzione dell'incollaggio a caldo dell'altoparlante interno.

Il lavoro è progredito anche nell'attuazione della nostra pagina firebee.org - una delle nostre storie senza fine. La realizzazione tecnica con NetBSD è quasi completa. Abbiamo ottenuto, attraverso un certo sostegno dalla Slovenia, un nostro server gratuito con connessione su fibra. Non è ci aspettiamo un accesso massiccio alla pagina, ma non è detto, non è dannoso e così saremo pronti ad ogni evenienza. L'aspetto e la grafica sono stati realizzati nella Germania meridionale, mentre i contenuti, presentati in forma chiara ed informativa, sono ancora da ottimizzare.

Un ulteriore campo è quello delle piccole questioni che raramente vengono discusse. E' ora disponibile una piccola applicazione GEM che consente di passare tra AES differenti, grazie a Oliviere Landemarre. Se i test avranno successo, "SELGEM" sarà distribuito insieme al prossimo Setup ufficiale FreeMiNT.

Purtroppo, non abbiamo avuto lo stesso successo per quanto riguarda la stampa in rete. Abbiamo cercato di inserire l'lpd di MiNT98 nelle versioni più recenti di FreeMiNT, ma questo ha funzionato solo in parte. In effetti già si può stampare direttamente, ma sul nostro Milan(per i Test) ogni PrintJob deve essere avviato manualmente. Fortunatamente, Marc Anton Kehr è venuto in nostro soccorso, prendendosi la briga di ricompilare lpd 5.1. Purtroppo ci mancava una libreria di base, che non siamo riusciti a trovare (e che presumibilmente dovrà essere ricompilata per il FireBee in ogni caso). Così Mannke ha ricompilato la versione libera più recente di lprng. Adesso siamo a questo punto, ma dobbiamo ancora accordare la configurazione dei filtri. Nel frattempo sono emerse alcune notizie esterne per la stampa in rete. ProbeHouse Software ha scritto un cliente lpd in grado di stampare direttamente tramite server lpd disponibile in rete. Questi possono essere sia altri computer con Linux, Win o Mac OS X, o stampanti con incorporato un server lpd o i cosiddetti printserver (bene implementati in molti router recenti), che conoscono questo protocollo. Questo cliente è stato testato con successo, e chi non è intimorito dal processo di configurazione, può già stampare attraverso un server lpd della sua LAN. Idealmente si potrà, in tempi successivi, eseguire il nostro lpnr direttamente sul FireBee quale server e stampare direttamente da PH Easy Remote Print su tutte le stampanti di rete, senza deviazioni su di un server esterno o un server di stampa.

A Roma è stato realizzato un importante aggiornamento del nostro set di icone. Per ogni nuova applicazione ricompilata o scritta ex-novo per i FireBee nella seconda metà dell'anno, sono ora disponibili icone individuali. Un totale di 286 icone con 256 assegnazioni (configurazioneThing), in 16 colori. Particolare cura è stata posta nel mantenere il set coerente con i ben noti standard Atari, e perchè avesse buone caratteristiche distintive per una maggiore facilità d'uso. Il set sarà pubblicato insieme alla prossima installazione ufficiale FreeMiNT, attualmente sotto intenso sviluppo in Norvegia. Sarà disponibile per i desktop Thing! e TeraDesk.

Alla fine di ottobre è stato pubblicato "grfX2" per V4e. Si tratta di una applicazione Pixel-Painting molto popolare originariamente per Amiga. Indipendentemente dall'ACP esiste anche una versione sperimentale per la CT6x. La versione FireBee ha richiesto un notevole lavoro di sviluppo per essere completata. Il risultato finale è anche una patch di SDL, che può essere ottenuta, insieme all'applicazione stessa, da m0n0.

Un altro punto di interesse è esterno a ACP. Infatti il ​​team di Netsurf ha adattato il loro build giornaliero degli ultimi sorgenti per comprendere e fare il build automatico anche delle versioni Atari. Non sono così ottimizzate come quelle di m0n0, ma consentono di avere una anteprima dei miglioramenti e dei sviluppi in corso nel Browser. Possiamo solo fare un appello per il suo uso ed il suo test, e per fornire un feedback al team di Netsurf su questa versione di prova. Anche con bugreports e attività similari. In ogni caso, questo rappresenta un segno di accettazione da parte del browser Netsurf nei confronti della comunità Atari!

Un altro "punto esterno" è quello di Freescale. Abbiamo provato con forza ad avere qualcosa in più di una affermazione "stiamo sotto offensiva di ARM", ma con risultati modesti. Queste preoccupazioni hanno costruito una vera barriera a barriera intorno a loro e, chi non rappresentava un giocatore globale, non erano in grado di superarla. I nostri speciali ringraziamenti vanno a Genesi, che ci ha sostenuto attivamente e che ci ha garantito senza esitazione e generosamente lo stesso sostegno dato al progetto NATAMI (che ci ha gentilmente garantito il contatto) di pochi anni prima.

Per fare capire appieno quanto ampio sia un progetto come l'ACP, vorremmo fare adesso un altro annuncio interno. Nel nostro forum di sviluppo, dove nel frattempo orbitano 65 persone, trovare un qualsiasi allegato, versioni di software, documenti o immagini, sta diventando sempre più complicato, in quanto si tratta già di un numero a 4 cifre. m0n0, senza ulteriori indugi, ha scritto un plugin per phpBB che fornisce una funzione di ricerca molto buona e completa degli allegati.

Infine, un annuncio di grande interessante. Douglas Little ci ha da poco fornito all'ACP il codice di Apex Media! Per quelli che non conoscono Apex Media, si tratta di un'applicazione ampia e matura, in precedenza commerciale, per l'editing artistico delle immagini, il video grabbing, morphing, l'animazione e molto altro ancora. Apex media attualmente funziona solo sul Falcon originale, in quanto fa un ampio uso del DSP. Siamo attualmente considerando di sviluppare ulteriormente Apex Media, per consentirne il funzionamento su tutti i computer GEM di fascia alta, come i FireBee, i Milan e gli Hades. Ovviamente, non si tratta di una impresa facile e veloce ma, grazie al supporto di Douglas, dovrebbe in linea generale risultare possibile. E, ancora più importante, il codice sorgente è ora al sicuro!

Ultimo aspetto, ma non meno importante, che vorremmo nuovamente evidenziare, è che l'ACP è un progetto non commerciale ed aperto. Chi vuole lavorare con noi ed è disponibile ad assumersi delle responsabilità (condivise), o è semplicemente desideroso di sostenerci in un qualunque settore, può contattarci in ogni momento. Al momento servono sopratutto sviluppatori VHDL. Ma qualsiasi altro contributo potrà risultare utile! Più importante è che chi vuole unirsi a noi lo deve fare con una prospettiva a medio termine e con buona regolarità, così da contribuire al progresso della piattaforma Atari.

Un felice 2013!


11/10/2012 Uno zoom dell'FPGA

Sapete che il FireBee ha due circuiti principali: il ColdFire (descritto nel precedente articolo "Zoom in"), e il chip FPGA. Oggi vi mostreremo quanti componenti già conosciuti risiedono nell'FPGA, e come questo sia possibile.

FPGA è l'acronimo di "Field-Programmable Gate Array". Si tratta di un componente elettronico che contiene un elevato numero di porte logiche, riprogrammabili a piacimento con il linguaggio di programmazione VHDL. Così è possibile implementare dei ben conosciuti circuiti complessi semplicemente riconfigurando l'FPGA. Questa tecnica è estremamente potente. Per esempio, il progetto Suska è in grado di implementare l'intero hardware ST in un FPGA.

Sulla scheda FireBee, abbiamo un FPGA Altera Cyclone III. E' un componente molto potente, che contiene quasi 40.000 elementi logici. La maggior parte dei pin dei connettori del FireBee sono collegati direttamente ad esso. Di conseguenza, il comportamento dell'hardware FireBee può essere modificato semplicemente riconfigurando l'FPGA. Questa operazione può essere fatta da software.

La scheda madre del FireBee è stata costruita utilizzando esclusivamente componenti elettronici moderni. Tutti i componenti classici Atari sono implementati nell'FPGA, e si comportano esattamente come nel Falcon. Molti componenti virtuali del FireBee derivano dal progetto Suska, mentre altri (come il VIDEL) sono del tutto nuovi.

  • VIDEL: il noto chip grafico del Falcon.
  • DMA del disco: il circuito usato per il trasferimento dati dei dischi floppy e ACSI.
  • MC68901 MFP: il controller di interrupt, timer, porte I/O..
  • WD1772 FDC: il controller del floppy con il supporto per i dischi HD.
  • ACIA 6850 IKBD: l'interfaccia per tastiera/mouse/joystick.
  • ACIA 6850 MIDI: l'interfaccia per dispositivi MIDI esterni.
  • YM2149: il famoso circuito audio dell'ST.
  • NVRAM: l'orologio Real Time del Falcon e memoria non volatile.
  • Audio DMA: il circuito audio DMA dell'STE.
  • IDE: l'interfaccia IDE del Falcon per le unità IDE e le schede CompactFlash.
  • JTAG: non è proprio un dispositivo, ma una interfaccia fisica per collegare un debugger hardware.
Avrete notato che mancano diversi componenti hardware standard del Falcon: Blitter, DSP56001... Appariranno quando qualcuno li implementerà in VHDL.

E, naturalmente, l'FPGA non è limitato all'hardware Atari. Potrebbe essere impiegato per implementare qualsiasi tipo di hardware, circuiti esistenti o personalizzati. Questo, in combinazione con la potenza del ColdFire, rende il FireBee la piattaforma di scelta per gli hacker hardware.

È possibile trovare ulteriori informazioni sul Cyclone III sul sito Altera: cyclone3


10/26/2012 Hatari in esecuzione sul FireBee

Di certo conoscerete Hatari, il famoso emulatore ST/Falcon per computer di nuova generazione. Ma lo sapevate che nel 2004, il team Hatari ha rilasciato un binario di Hatari 0.50 in grado di girare su macchine Atari? Era possibile perché Hatari utilizza la libreria SDL come layer indipendente dal sistema operativo. E, come avete visto nella precedenti news, SDL è già disponibile per ColdFire.

Dal momento che tutti i requisiti sono stati soddisfatti, Vincent Rivière ha ricompilato Hatari 0.50 per ColdFire. Questa versione è piuttosto vecchia e supporta solo l'emulazione ST, ma rappresenta una prova di concetto. Le applicazioni SDL sono in grado di funzionare sia a schermo intero che in una finestra GEM, e questo vale anche per Hatari. A schermo intero, ci sono ancora alcune bug a causa del VIDEL FireBee, ma è piuttosto veloce. In una finestra GEM, è molto lento, ma funziona. È possibile scaricare il build Hatari diVincent Hatari da: http://vincent.riviere.free.fr/soft/m68k-atari-mint/archives/mint/hatari/

Dovete tenere a mente che l'obiettivo del FireBee è quello di eseguire il software più vecchio in modo nativo, senza emulazione hardware - perché il FireBee dispone già dell'hardware Atari. Ma la possibilità di eseguire un emulatore software completo come Hatari sul FireBee ad una velocità accettabile a schermo intero, dimostra la versatilità della nostra macchina.

Di seguito potete vedere Hatari che esegue sul FireBee Flip-O-Demo in una finestra GEM.


10/19/2012 Il GFABASIC è arrivato sul FireBee.

Lonny Pursell ha ricodificato alcune parti del suo pacchetto GFA in modo da renderlo compatibile FireTOS. Adesso è possibile costruire programmi GFA per FireBee semplicemente ricompilando il codice sorgente con una nuova libreria. AtarIRC e Atari VNC sono già stati ricompilati per FireBee e testati con successo.

Inoltre, Joakim Högberg ha pubblicato una versione di test del suo cliente ICQ, AtarICQ. Sia Lonny che Joakim non hanno un FireBee e devono fare affidamento sulla comunità Atari per testare i programmi.

Di seguito i prodotti menzionati e dove è possibile trovarli:
GFA Editor
GFA Compiler
AtarIRC
Atari VNC
AtarICQ


10/19/2012 LDG, SDL e PmDoom

Vincent Rivière e Olivier Landemarre hanno completato il porting su ColdFire del pacchetto LDG-DEV. Come risultato, i programmi che utilizzano le librerie LDG possono essere compilati per ColdFire. Inoltre, le stesse librerie LDG possono essere ricompilate per ColdFire. Delle prove con LDG per ColdFire erano già state effettuate in precedenza, ma ora le modifiche sono inserite nel repository ufficiale. Di conseguenza, Vincent ha integrato le librerie di sviluppo LDG nei suoi cross-tools GCC. http://vincent.riviere.free.fr/soft/m68k-atari-mint/

Analoghi progressi sono avvenuti per SDL, la ben nota libreria multi-piattaforma per la creazione di giochi. Era già stata adattata alle macchine Atari da Patrice Mandin diversi anni fa, e Patrice aveva anche incluso il pieno supporto ColdFire. Tra le altre cose, SDL richiede LDG. Come risultato, Vincent ha aggiunto le librerie SDL ai suoi cross-tools GCC. Si tratta di un importante passo avanti per aiutare gli sviluppatori a compilare i loro giochi che utilizzano SDL, anche per ColdFire.

Infine, dato che le 2 librerie di cui sopra erano disponibili, Vincent ha anche compilato su ColdFire PmDoom di Patrice, come prova di concetto. Come previsto, era solo una questione di ricompilazione. Lo potete trovare su: http://vincent.riviere.free.fr/soft/m68k-atari-mint/archives/mint/pmdoom/ Questo binario di PmDoom è 100% ColdFire e può funzionare sia con FireTOS e EmuTOS sul Firebee. Ci sono ancora i bug della tastiera in SDL, e problemi Videl sul Firebee, ma sono estranei a PmDoom stesso che sarà un banco di prova ideale per la soluzione di questi problemi.

Sotto potete vedere PmDoom in esecuzione con FireTOS e XaAES.


10/04/2012 FreeMiNT e AHCC

Vincent Rivière ha modificato FreeMiNT per funzionare in EmuTOS per ColdFire. Anni fa, Didier Méquignon e Olivier Landemarre avevano modificato FreeMiNT per funzionare in FireTOS su schede di valutazione ColdFire. Poi Vincent ha modificato i sorgenti assembler per ColdFire perchè FreeMiNT fosse il più efficiente possibile sotto FireTOS, pur restando compatibile con la sua emulazione 68060. Ora Vincent ha modificato FreeMiNT per essere compatibile con gli ambienti nativi ColdFire. Come risultato, mintv4e.prg adesso può essere eseguito sia in FireTOS che EmuTOS. È possibile ottenere il nuovo mintv4e.prg nell'archivio trunk quotidiano.

Ricordate che EmuTOS non fornisce l'emulazione 68000, quindi solo i programmi 100% ColdFire verranno eseguiti in FreeMiNT su EmuTOS. Questo è un buon test per verificare che un file binario è davvero al 100% ColdFire. I moduli kernel ColdFire forniti con il setup ufficiale FreeMiNT per il FireBee, sono compatibili sia con il FireTOS che l'EmuTOS, ad eccezione del driver di rete fec.xif, che attualmente utilizza caratteristiche specifiche di FireTOS. La buona notizia è che XaAES funziona perfettamente con il VDI di EmuTOS che è limitato a 640x480x16 colori.

Allo stesso tempo, Henk Robbers ha pubblicato AHCC 4.13 (poi 4.14), un aggiornamento del suo famoso compilatore C. Questa versione corregge tutti i bug rimanenti su ColdFire. Come risultato, AHCC funziona perfettamente in EmuTOS per ColdFire, con o senza FreeMiNT. E la cosa migliore di tutte, è che produce ancora eseguibili compatibili sia con 68020+ e ColdFire. Come al solito, è possibile ottenere AHCC sulla home page di Henk.

Sotto potete vedere una immagine che mostra AHCC in esecuzione su XaAES, FreeMiNT ed EmuTOS sul Firebee.


09/01/2012 Sono state spedite alcune macchine per sviluppatori

Oggi siamo stati in grado di inviare gratuitamente due macchine di sviluppo a due famosi ed eminenti programmatori Atari. Un computer è stato fornito direttamente da Medusa. Ma un nostro ringraziamento speciale va a swift.consult che ha interamente sponsorizzato un computer che resterà a disposizione degli sviluppatori, case incluso. Queste macchine possono essere prestate direttamente da noi, per un periodo di 1-4 mesi, agli sviluppatori Atari per la realizzazione di progetti specifici. Inizialmente queste macchine resteranno con Ulf Dunkel di Invers per un primo studio sull'adattamento di Calamus e con Martin Elsässer per un possibile miglioramento di ACSPro che già comunque funziona.

Per una macchina di sviluppo supplementare, la comunità di lingua tedesca ha già iniziato a raccogliere fondi. Mancano ancora circa 300 euro per una ulteriore macchina di sviluppo. Quelli di voi che vogliono contribuire con una donazione possono contattarci.

Auguriamo tanto divertimento ad entrambi gli sviluppatori!


08/08/2012 Elansar - Il primo gioco commerciale per FireBee è disponibile

Oggi, vogliamo mettere in evidenza uno sviluppo particolarmente interessante. Sono iniziate le spedizioni del gioco Elansar. Si tratta di un gioco d'avventura "point-and-click" (punta e clicca). Elansar è ora completo per Falcon e FireBee, e le consegne sono già iniziate. Si evidenzia che su FireBee (e Falcon con CTPCI), ha una grafica 32 bit di alta qualità. Inoltre, lo sviluppatore ha posto particolare attenzione anche alla qualità audio del gioco. Elansar può essere giocato in inglese, francese e tedesco. Il CD contiene le varianti del gioco nelle tre lingue per i Falcon originali e per i FireBee.

Anche se Elansar è un progetto creato nel tempo libero -lo sviluppatore ha lavorato per oltre due anni-, la presentazione è molto professionale. Il gioco richiede un FireBee con display 640x480 (Elansar viene eseguito a schermo intero), altoparlanti e 90 MB di spazio su disco. Diverse ore di gioco sono assicurate per chi ama gli enigmi in stile Myst. È possibile acquistare il CD contenente tutte le versioni a 15 euro, importo che rappresenta più un incoraggiamento per lo sviluppatore piuttosto che una remunerazione.

Siamo molto soddisfatti dell'arrivo di un nuovo gioco per Falcon e FireBee, e speriamo che molti altri sviluppatori esterni faranno lo stesso. Siamo particolarmente lieti che la prima versione del gioco contenga anche una versione -migliorata- per il FireBee. Ciò significa che non è solo il primo gioco commerciale disponibile per FireBee, ma anche il primo gioco rilasciato appositamente per il FireBee!

Orionsoft


03/08/2012 Inizio ufficiale delle consegne del Mini-Case FireBee!

C'è voluto un tempo relativamente lungo, ma sono finalmente disponibili: i case costruiti appositamente per il FireBee. I case in questione sono in alluminio e con dimensioni il più piccole possibili, con la scheda FireBee saldamente avvitata sul fondo. A tale scopo sono impiegate 6 viti sulla scheda e quattro distanziatori removibili D-Sub. Sul coperchio sono presenti due staffe parallele per collegare un disco rigido 2 "1/2 ad un'altezza di 9 mm. Lo spazio consente di installare un disco rigido IDE da computer portatile o un SSD, al momento fino a 128 GB. Le staffe servono anche come componente stabilizzante per mantenere la forma della parte superiore del case.

Il coperchio è fissato con una unica vite zigrinata nella parte superiore del case, due dadi distanziatori (sovrapposti) e due dadi UNC laterali sulla porta DVI. Pertanto, si può facilmente rimuovere il coperchio quasi istantaneamente. Sul case sono presenti due LED blu per il "power on" e per l'attività del disco rigido (o la scheda CompactFlash). Lo slot CompactFlash, che consigliamo di utilizzare a causa della sua natura non-meccanica, può arrivare fino a 128GB. Ciò si traduce in una capacità totale di archiviazione massima di 256GB, una dimensione ben al di sopra delle esigenze degli utenti Atari. Il case viene fornito con una scheda CompactFlash da 16 GB. Questa scheda contiene pre-installato il nostro sistema operativo open-source FreeMiNT. Dal nostro punto di vista, questi 16 GB, che sono già molti per le macchine Atari, rappresentano attualmente il miglior rapporto qualità / prezzo per le schede CompactFlash.

Nel case ci sono anche un altoparlante e un connettore per stampante parallela, così come richiesto dalla comunità. Inoltre, all'interno è presente una batteria che garantisce 1/2 ora di funzionamento, che può essere incrementata a richiesta. Il supporto SATA e/o eSATA possono anche essere inclusi.

Dopo uno rivestimento di base aggiuntivo, il case è stato verniciato sia all'interno che all'esterno. Così come richiesto è disponibile in 4 colori. Grigio Atari con lettere nere per gli utenti che vogliono lo stesso look della loro tastiera originale Atari. Varianti più attuali sono il rosa o blu scuro con lettere bianche. E, infine, il classico nero con lettere azzurre.

Sul frontale c'è una rientranza per l'etichetta in 3D con il logo FireBee. Sul lato posteriore, c'è una piccola fessura per quelli che vogliono portare all'esterno del case un connettore a nastro. Come bonus, è fornita una serie di quattro piedini in gomma con funzione antiscivolo e, se necessario, per migliorare la ventilazione.

Medusa Computer Systems garantisce un uso senza ventole entro le specifiche tecniche fino ad 38 ° C di temperatura ambientale, se il case viene posto orizzontalmente, o fino a 45 ° C di temperatura ambientale, se il case viene posto verticalmente. Durante un uso intensivo, può capitare che il case diventi caldo - fino a 40 ° C, in quanto l'alluminio agisce anche come dissipatore.

Vogliamo evidenziare che il case è stato interamente prodotto a Vienna /Austria da una piccola impresa a conduzione familiare. Il design e la progettazione sono disponibili sotto licenza Creative Commons BY-NC-SA.

La confezione descritta contiene i seguenti elementi:

  • case in alluminio, verniciato e stampato
  • altoparlante interno
  • LED
  • connettore aggiuntivo per stampante parallela
  • alloggiamento per HD/SSD
  • pulsante di accensione / spegnimento
  • etichetta logo in 3D
  • tutte le viti e dadi
  • 4 piedini in gomma
  • scheda CompactFlash da 16 GB
  • già assemblato e pre-configuato
  • bella confezione di vendita per la serie Alpha
Prezzo: 99 euro

Questo prodotto viene esportato dalla Svizzera. I clienti che desiderano ordinare dalla Svizzera, vale a dire quelli che hanno già ricevuto il loro FireBee e che ora hanno solo bisogno di un case, possono contattarci per un'offerta speciale. Gli ordini possono essere inviati con effetto immediato a "acpinfo at atari dot org". Le consegne sono già iniziate. Quelli di voi che aveva già scelto una specifica variante di colore sono pregati di indicarla nel loro ordine.


13/07/2012 La Probe House Software ha rilasciato software per Coldfire

La Probe House Software (wongck su atari-forum.com) ha rilasciato le versioni Coldfire di alcuni nuovi programmi decisamente cool:

  • PH SyncTime: per sincronizzare l'orologio con un server NTP
  • PH Weather: le previsioni del tempo per quasi ogni luogo nel mondo
  • PH Clock: un bell'orologio analogico
  • PH Gmap: un cliente Google Maps per GEM
Un video di Google Maps sul FireBee si può vedere su: http://youtu.be/uSEF7ESaXW4

Il download è disponibile su: https://sites.google.com/site/probehouse/download/phsw-Atari-software-downloads


06/07/2012 Arkanoid in esecuzione sul FireBee:

http://youtu.be/6B1xjo4VkyM

Il noto Klapauzius ha adattato il suo primo gioco al FireBee. E' stato scelto Arkanoid perché è un gioco relativamente semplice da modificare e, mentre il risultato non è ancora perfetto al 100%, il gioco si svolge esattamente come su di un ST. Come sempre con le patch di Klaz, il gioco può essere eseguito da MiNT ed esce in modo pulito.

Ci sono ancora alcuni problemi da risolvere, e non tutti i monitor saranno in grado di gestire la risoluzione ST bassa. Il problema principale finora, sembra essere il modo in cui il FireTOS gestisce l'interrupt VBL ed i timer.


17/06/2012 Photoline

Quando il caso porta la luce. L'ultima versione di Photoline per gli Atari classici. Gerhard Huber, della compagnia "Computerinsel", ha fornito una chiave per questo strumento di ritocco professionale. Con questa chiave si può attivare e personalizzare la versione 2.30 del programma. Grazie alla nostra insistenza, abbiamo ottenuto un ulteriore beneficio. "Entro due mesi, tutti quelli che ordineranno Photoline dal sito tedesco (http://www.pl32.de) inserendo in basso il codice "ACP" otterranno uno sconto di 5 Euro - una licenza per 54 Euro invece di 59." Questa occasione deve essere sfruttata! Mostra a Computerinsel che "ci siamo ancora". Altri prodotti dei fratelli Gerhard e Martin Huber sono driver per scanner professionali, schede grafiche e molto altro.

Riassumendo ancora: Computerinsel ha offerto in omaggio alla comunità Atari il programma professionale Photoline per la manipolazione delle immagini e della grafica vettoriale! In aggiunta, fino al 20 luglio, c'è uno sconto per tutti quelli che acquisteranno una nuova licenza per Mac o PC da http://www.pl32.de inserendo il codice "ACP" nell'ordine. Chi sa cosa può significare questo in futuro? Ora, tocca a ciascuno di mostrare che c'è ancora una domanda per la piattaforma Atari.

PhotoLine Version 2.30 Numero di serie: 645762849

gentilmente offerto da:

Gerhard Huber supporto presso: http://www.pl32.de

Computerinsel GmbH, Zur Limestherme 4, 93333 Bad Gögging Amtsgericht Regensburg, HRB 5891 Geschäftsführer: Gerhard Huber, Martin Huber


7/5/2012 FireBee in Azione Multitasking

Oggi abbiamo un video di dieci minuti che mostra le attuali possibilità - come anche i limiti - del software FireBee sulla più recente installazione FreeMiNT. Questo video offre una bella panoramica delle capacità multitasking del FireBee. Si vedono anche le prestazioni "dal vivo" di alcune applicazioni di rete, multimediali e 68k. Guardate il tutto online. Vi sono anche alcune sorprese.


3/5/2012 Fotocamere digitali

Siamo orgogliosi di annunciare che FireBee è già compatibile con le fotocamere digitali che utilizzano lo standard USB per le memorie di massa. Dovete solo collegare la fotocamera, avviare FireBee e potete scorrere le vostre foto usando zView. Qui potete vedere una recente fotocamera da 10,2 pixel usata con una risoluzione del desktop di 1680 X 1050 a 32 bit.

In questa schermata potete vedere tutti i colori disponibili per lo small enclosure.


13/04/2012 Rilascio ufficiale del setup FreeMiNT

Come già preannunciato, il FireBee sarà inviato con FreeMiNT preinstallato. La distribuzione completa è ora disponibile per il download per i proprietari di FireBee già esistenti. La distribuzione consiste in un qualcosa di più del semplice FreeMiNT, in quanto rappresenta un Sistema Operativo completo che vi consente di usare immediatamente il FireBee.

  • FreeMiNT e XaAes
  • Una scelta tra tre desktops ed un programma GEM per scegliere quale di essi usare
  • Un programma patch e istruzioni su come installare NVDI5 sul FireBee
  • Le ultime versioni di tutto il firmware (EmuTOS, FireTOS, FPGA...) e uno strumento per l'update della memoria FLASH
  • Connessione di rete con DHCP abilitata. Semplicemente connettete FireBee alla vostra LAN e accendetelo
  • Un programma GEM per configurare i settaggi di rete
  • Il web-browser NetSurf 2.9.
  • zView per vedere immagini e files PDF
  • Una serie di strumenti utili
  • Software di sviluppo: AHCC, Digger e ResourceMaster.

La distribuzione può essere scaricata da http://atari.nvg.org/firebee-mint/


11/04/2012 Parecchi nuovi rilasci di software

Negli ultimi pochi giorni la nostra squadra è stata in grado, grazie ad alcuni supporti internazionali, di pubblicare parallelamente alcune nuove versioni di software che portano potenziamenti di funzionalità e qualità:

  • Nuovo Browser Netsurf
    Il nuovo browser Netsurf 2.9 presto in via di rilascio è una delle più rilevanti notizie che abbiamo da dirvi oggi. E' in generale molto più veloce della precedente versione e potenzia altrettanto la stabilità. Inoltre abbiamo potenziato le capacità di download. Questi ora finiscono in una cartella col nome intero in linea. Ora possiamo caricare senza alcun problema i forms e caricare gli allegati meglio di prima, e quasi tutti i tipi di testi form lavorano del tutto correttamente. Ciò significa che Squirrelmail ora lavora al 100% e la piattaforma Atari è riuscita ad ottenere completo accesso ai servizii SSL IMAP!

  • Nuovo Qextract
    Uno sviluppatore esterno ci ha fornito la scorsa settimana una speciale edizione FireBee dello spacchettatore integrato Qexctract. La versione 0.5, fatta da Christos Tziotzis, porta il Drag and drop come " spacchettamento a doppio cliccaggio" di tutti i formati di compressione conosciuti dal nostro FireBee. Inoltre Vincent Rivière ha ricompilato tutti gli spacchettatori quali ha, unzip, zoo, unrar etc. ai binarii nativi FireBee. Lo spacchettamento ora lavora a piena, nativa e impressionante velocità, il più semplicemente possibile. Interessante è il fatto che Qextract è una pura applicazione GFA-Basic.

  • Setup FreeMiNT ulteriormente potenziato
    Entrambi i pacchetti sono già incorporati al nostro nuovo setup FreeMiNT che presto sarà reso disponibile per il pubblico e sarà preinstallato in ogni FireBee che sarà distribuito d'ora in poi. Contestualmente il setup ha avuto qualche piccolo ulteriore potenziamento..

  • Nuovi rilasci Linux per il FireBee
    Dato che stavamo preparando tutto il software e Sistema Operativo per un facile scarico dal nostro sito web per i nostri clienti, una conclusione è stata realizzare due differenti pacchetti di binarii uCLinux per il FireBee. Una versione "normale" così come una con pieno supporto MMU era stata fornita due giorni prima da Greg Ungerer dall'Australia. Vogliate visitare la pagina uCLinux e vedere le pagine Coldfire recentemente aggiornate per ulteriori informazioni. Gli utilizzatori che desiderino dare un colpetto ad uCLinux, devono lanciare dBug nella FlashROM FireBee, che è disponibile dal sito di Dider Méquignons. Di seguito persino un avvio di rete è immediatamente possibile. Noi saremmo lieti di sentire da alcuni utilizzatori dei rapporti su come lavora FireBee in ambiente Linux.

  • Nuove icone
    In conclusione dell'uso di parecchi nuovi mezzi di stoccaggio di massa del FireBee, ci siamo trovati d'accordo sul fatto che abbiamo bisogno di un alcuni nuovi set di icone. Il primo passo è stato fatto dal membro del nostro team Lodovico Zanier, che ha disegnato tre nuovi set di icone. Uno consiste di 8 nuove icone Logo FireBee, la seconda di 28 nuovamente create icone SD card e USB stick e la terza contiene 19 delle 36 icone colorate in B/N per i vostri display monocromi o più vecchi Atari. Entrambi i colorati sono in 36 colori e usabili con qualsiasi computer Atari, se state usando un editor di risorse come "Resource Master". Divertitevi! icons.zip


27/03/2012 Patch della patch di PEXEC!

Migliorata la compatibilità
Abbiamo di recente scoperto sul FireBee una delle principali ragioni di incompatibilità tra software e XaAES. Molti programmi compilati con PureC semplicemente non funzionavano in XaAES, anche se lavoravano bene in ambiente FireTOS. La ragione era semplice - una routine che avrebbe dovuto risolvere alcune incompatibilità con la CPU Coldfire, non veniva chiamata quando un programma era avviato da XaAES. Questo bug è stato corretto e molti programmi che in precedenza non funzionavano in XaAES ora stanno lavorando correttamente.

Compatibilità ulteriormente migliorata
Oltre alla correzione della patch PureC citata in precedenza, c'è un%92altra grande innovazione che sarà inserita in questa distribuzione. La compatibilità con i programmi esistenti è molto importante per il team FireBee, e attualmente circa il 50% delle applicazioni 68k testate, lavorano senza problemi. Per migliorare ulteriormente tale situazione, diverse tecnologie potranno essere utilizzate in futuro, come un 68000 completo nella FPGA e un sostituto migliorato dell%92attuale layer di compatibilità CF68Klib. C'è un altra opzione che è già disponibile - una CPU 68k emulata in software. L'emulatore è stato scritto da Vincent Rivière e si basa sull'emulatore Musashi 68k. E%92 un brillante componente software che consente a programmi individuali di essere eseguiti in CPU 68k virtuali separate ad una velocità accettabile. L'emulatore è trasparente per l'utente, tutto funziona come previsto e programmi emulati e non emulati possono interagire tra loro (ad esempio attraverso il protocollo AV). Per utilizzare questo emulatore si configura il desktop per aprire i file *.68k nel programma emulatore. Quindi si deve modificare il suffisso del programma che si desidera emulare in "68k" e fare doppio clic. L'emulatore è ora avviato, e caricherà automaticamente il programma emulato. È possibile eseguire contemporaneamente tutti gli emulatori desiderati. L'emulatore può sin d'ora essere scaricato da qui:

http://vincent.riviere.free.fr/soft/68kemu/

Questo emulatore non risolve tutti i problemi - la CPU è solo una parte dell'equazione. Come tutti sappiamo dal Falcon, alcuni programmi hanno bisogno per funzionare di un vero ST. Questa non è la soluzione finale per la compatibilità. E' solo un'altra possibilità per gestire le applicazioni 68k. Naturalmente stiamo migliorando la compatibilità generale 68k del FireBee con altre possibilità! Questa emulazione può comunque essere di interesse, nel frattempo, per alcuni di voi, e, infine, è l'unica possibilità per eseguire applicazioni 68k in EmuTOS che non ha compatibilità 68k integrata.

FreeMiNT/XaAES pre-installato sul FireBee
A fianco di questo enorme passo avanti, il nostro team sta lavorando duramente al completamento della distribuzione FreeMiNT ufficiale per il FireBee già citata nel precedente aggiornamento delle notizie. Dall%92anteprima, ci sono state molte correzioni e aggiornamenti minori, ed abbiamo anche aggiunto uno strumento GEM per la selezione e la modifica del layout di tastiera. Questa distribuzione sarà disponibile per il download alla spedizione del FireBee.

Aggiornamento di AHCC
C'è anche una nuova versione di AHCC - il nostro compilatore favorito per il FireBee. Come sempre questa è disponibile per il download sulla pagina web di Henk Robbers.

http://members.chello.nl/h.robbers/

La versione 4.10 presenta alcuni bugfix e delle novità. Il FireBee verrà spedito con AHCC pre-installato.

Infine, il team ha portato avanti alcuni "piccoli lavori". Alcuni di questi compiti sono collegati agli sviluppi in corso, come la spedizione del cabinet piccolo, o la realizzazione del nuovo sito web del prodotto. Per i nuovi sviluppi e progetti per il futuro; continueremo a renderli pubblici non appena nuove soluzioni e/o prodotti saranno pronti per il pubblico.

E a proposito, abbiamo già detto già l'ACP ha bisogno di sviluppatori VHDL? ;)


10/03/2012

Versione FreeMiNT per ColdFire/FireBee
Vincent Rivière sta attualmente offrendo versioni ColdFire del corrente FreeMiNT 1.18. Questa versione include il kernel, XaAES e l'ethernet - e drivers di files di sistema. Vi è anche un completo archivio di codici sorgenti e uno shell-script per realizzare i binari ColdFire dai sorgenti.

http://vincent.riviere.free.fr/soft/m68k-atari-mint/archives/mint/freemint/

Qualsiasi domanda concernenete l'uso di questa realizzazione dovrebbe essere diretta alle mailing lists FireBee o FreeMiNT.

UNA RAPIDA SCORSA AL SETUP FireBee FreeMiNT.

Il FireBee sarà rilasciato col FreeMiNT preinstallato e preconfigurato sulla flash card Compact Flash. L'allaccio in rete è preconfigurato e usa il DHCP per connettersi automaticamente alla vostra rete. Ulteriori dettagli seguiranno, nel frattempo potete prendere visione del seguente video: http://youtu.be/GfsVC6ty_dg

ColdBoot Update
m0n0 ha rilasciato una nuova versione del suo gestore di avvio ColdBoot. Nuove in questa versione sono alcune capacità basilari di scrittura. http://freeshell.de/~monokrom/geeklog/staticpages/index.php?page=ColdBoot

Nuovo NetSurf.
Un nuovo NetSurf era stato rilasciato due giorni prima di Natale. La nuova versione corregge molti bugs e porta parecchi potenziamenti; il maggiore è che ora usa il nuovo NetSurf core 2.8 che supporta frames e iframes. http://freeshell.de/~monokrom/geeklog/index.php?topic=20110219230358215

Firmware FPGA corretto
Fredi Aschwanden ha scoperto e risolto un serio problema con la linea MIDI interrotta nel FPGA. Ciò ha anche risolto il problema con le tastiere Atari instabili che alcuni avevano rilevato.

PIC
Abbiamo un nuovo aggiornamento del controller PIC. Le nuove prestazioni sono: spegnimento via software, come passo innanzi verso la programmazione del PIC dall'MCF via software! Per quelli che già hanno i FireBee e non vogliono acquistare un proprio PicKit, o periferiche similari, potete contattarci per riceverne una.

HypView
La nostra famosa applicazione Atari per ipertesti è stata riformulata. E' ancora a 68k, ma ora lavora bene con FireTOS/FreeMiNT/XaAES. Prendete l'ultima versione dal sito di Vincent: http://vincent.riviere.free.fr/soft/m68k-atari-mint/archives/mint/hypview/
Una nuova versione di MyAes
C'è una nuova versione di MyAES con parecchi potenziamenti, e una realizzazione specialmente per FireBee. La versione 0.95 può essere scaricata dal sito di Oliviere Landemarre. http://myaes.lutece.net/

Nuovi membri
Abbiamo alcuni nuovi membri da Canada e Austria. Cionondimeno la nostra richiesta di supporto specialmente nel campo FPGA è sempre valida.

I case sono quasi pronti
I piccoli case sono quasi pronti. La spedizione partirà presto. Per favore preparate il pagamento se avete preordinato. State all'erta, seguiranno aggiornamenti.


15/11/2011 L'ACP presenta: Il nuovo rapporto trimestrale;)

-) Sviluppi completati

  • Ethernet driver sotto MiNT
  • MyAES
  • Case box
  • Dispositivi DVD
  • Tastiera USB sotto MiNT
  • Orologio NVRAM
  • Nuovo FireTOS
  • Un nuovo FIRECONF.CPX
  • zView (PDF!)
  • Nuova versione EmuTOS

-) Parti del progetto in via di sviluppo

  • Sviluppi Linux
  • NetSurf per FireTOS
  • Alimentatore ATX
  • Micro controoler PIC integrato

-) Ulteriori discussioni interne al team

  • Unità Floppy-USB
  • Infogrames USA
  • Mancano programmatori VHDL
  • Compatibilità
  • Flash Layout

-) Percezione pubblica del FireBee

-) Ulteriori informazioni

  • Etichette 3d
  • GEM Demo
  • Backplane PCI passivo
  • Schede grafiche Radeon



Dal nostro ultimo importante aggiornamento, la squadra ACP ha portato a termine i seguenti sviluppi su cui vi vogliamo aggiornare:

Driver Ethernet Treiber sotto MiNT
Una delle principali novità è rappresentata da un driver Ethernet per MiNT. Questo ci consente di sfruttare appieno tutti i servizi di rete installati attraverso il connettore RJ45 della scheda di rete integrata sulla FireBee, anche in multitasking. Dato che MiNT è un OS compatibile Posix, ora possiamo utilizzare il meraviglioso mondo del networking. Mentre con il FireTOS era possibile utilizzare sFTP ed i clienti STiK attraverso un proxy per alcuni servizi di rete, è ora possibile usare tutti i clienti MiNTnet esistenti. La caratteristica più spettacolare è quella di poter navigare direttamente in rete con il browser Netsurf. Ulteriori protocolli o servizi sono adesso pronti all'uso. Il driver di rete è stato convertito da FireTOS a MiNT dal membro del nostro team m0n0 durante un mese di duro lavoro e viene a coprire quindi una delle più grandi lacune. Il Networking con MiNT è una delle caratteristiche più richieste del FireBee.

MyAES
MyAES è finalmente compatibile con il FireBee, grazie al lavoro congiunto di Vincent e Olivier. MyAES è un AES alternativo piuttosto moderno, che presenta alcuni elementi grafici rinnovati per il mondo delle nostre macchine Atari. MyAES è ora ottimizzato per il FireBee, cosa che ha significato diverse settimane di duro lavoro di programmazione. Alcune bug hanno richiesto un intensa attività di individuazione e correzione. L'uso della cache, che sembrava impossibile da realizzare in MyAES, è stato ottenuto grazie al lavoro di squadra di Olivier e Vincent Rivière. Si sono rese necessarie anche alcune correzioni minori di MiNT. A nostro avviso il risultato di questo sviluppo è notevole.

Scarica MyAES

Case box
Lo sviluppo del nostro piccolo case personalizzato è terminato. Tutte le modifiche che avete richiesto sono state incorporate. Ad esempio, il case dispone di un connettore aggiuntivo parallelo/stampante e di una porta SATA, che può essere utilizzata internamente ed esternamente come eSATA. Inoltre, sono state aggiunte alcune ottimizzazioni. Per esempio, il case dispone di uno slot interno da 2 1/2" per dischi rigidi. Sarà prodotto, in base alle vostre richieste, in quattro colori. Blu scuro, grigio, rosa e nero. Il prezzo definitivo sarà conforme a tutte le prenotazioni anticipate. Ma per tenere basso il prezzo abbiamo deciso di non realizzare ulteriori prototipi modificati, ma di ordinare direttamente la prima serie di produzione. I case saranno prodotti a Vienna e consegnati in Svizzera, alla fine di novembre.

Case box PDF

Unità DVD
Sono stati aggiunti allo SCSIDRV del TOS i comandi PACKET (Atapi per i comandi SCSI). Pertanto è ora possibile, con il software Extendos, usare i DVD con i masterizzatori DVD.

Tastiera USB sotto MiNT
Con una patch alle routine ikbd_scan di MiNT, che non hanno lo stesso formato del TOS, le tastiere USB possono essere utilizzate in MiNT allo stesso modo confortevole e veloce del TOS. Nel corso di queste modifiche è stato aggiornata anche l'inizializzazione dell'AC'97 attraverso il sistema di base (BaS).

Orologio NVRAM
L'orologio interno della NV-RAM funziona perfettamente nel FireBee dall'inizio di Ottobre.

Nuovo FireTOS
A parte le già citate routine di interrupt ID e la inizializzazione AC'97, è stato aggiunto al PCI-Bios il "Supporto Bus", con cui è fissato lo stadio per l'utilizzo di adattatori PCI Express. I nuovi limiti sono: quattro bus, 32 dispositivi per ogni bus e quattro funzioni per dispositivo. Inoltre, tutte le possibili chiamate IDE all'interno delle routine di avvio dopo il rilevamento delle periferiche SCSI, che potevano risultare non valide, sono state corrette (attenzione: lo SCSI non è ancora implementato). I dispositivi ATAPI sono stati aggiunti ovunque nello SCSIDRV, per contro, i dispositivi IDE son stati rimossi. Questi sono ora abilitati da comandi Inquiry nel corso della scansione, durante l'avvio di SCSIDRV. Nel FireBee adesso, quando è selezionata la voce "TOS 4.04 per MiNT" del menu di avvio, viene disabilitato il driver FEC della Ethernet, per un funzionamento ottimale con il nuovo driver MiNT-net.

Un nuovo FIRECONF.CPX
Il pannello di controllo FIRECONF.CPX è ora disponibile in lingua tedesca.

zView
Il programma zView, grazie al lavoro di Miro Kropáček, è ora disponibile in versione FireBee. Questo significa avere a disposizione il formato PDF nel FireBee! zView è un software per la ricerca e la visualizzazione di file da dispositivi di archiviazione di massa attraverso un browser di anteprima. Possono essere visualizzati e convertiti file in formato bitmap e vettoriale del tipo JPG, TIFF, Degas, BMP, Eureka, GIF, IMG, NEOChrome, PNG, TGAs e, come già detto, PDF. zView significa che LDG ha dovuto essere adattato, e tutti i codec essere ricompilati. Il risultato è una versione al 100% ColdFire di un software - relativamente giovane nella tempistica Atari.



Nuova versione di EmuTOS
C'è una nuova versione del sistema operativo GPL EmuTOS. La versione 0.8.6 di EmuTOS, grazie al lavoro diligente di Vincent Riviere, è la prima con il supporto ufficiale ColdFire. Molti miglioramenti, tra cui l'utilizzo di file system fino a 2 Gb, sono state introdotti in questa release, la prima dopo il 2010. EmuTOS è anche - come alternativa gratuita - preinstallato in ogni FireBee. La versione dell' 8 novembre è pronta direttamente all'impiego sul FireBee.

-) Parti del progetto in via di sviluppo

Sviluppi Linux
Greg Ungerer ha realizzato diverse patch Linux che forniscono il supporto dei core ColdFire e soprattutto per il FireBee. Dopo uClinux, che è già eseguibile sul nostro computer, l'obiettivo è ora l'adattamento di Linux-m68k. Questi sono i primi passi per una completa distribuzione Linux (server, desktop, ecc.) Per informazioni dettagliate si raccomanda la mailing list.

NetSurf per FireTOS
E' proseguito il lavoro per il browser Netsurf su FireTOS puro (single tasking). Questo non ha una alta priorità all'interno del team, e deve essere citata solo per motivi di completezza.

Alimentatore ATX
Dopo alcune discussioni e considerazioni sull'utilizzo di alimentatori ATX in case di maggiori dimensioni con il FireBee, abbiamo deciso di sviluppare un piccola PCB aggiuntiva per consentire l'uso di un alimentatore ATX in un computer FireBee integrale, montato in un case standard. Questa scheda conterrà un micro controller, alcuni connettori ed alcuni componenti. I vantaggi sono: l'uso dei FireBee con case box differenti è più facile, senza la necessità di modificare ponti di saldatura, anche l'uso con backplane passivi PCI (vedi sotto), immediata totale funzionalità degli switch Power e Reset dei case box ATX e mini-ITX, senza la necessità di dover programmare il controller PIC micro dei nuovi FireBee (anche nei computer già consegnati), utile per effettuare ulteriori test degli alimentatori ATX in assenza di schede madri ATX. La realizzazione è già iniziata. Il piccolo circuito stampato sarà probabilmente realizzato completamente all'interno della comunità Atari ad un costo di pochi euro.

PIC-Micro Controller integrato
Il codice del controller PIC-micro che si trova sul FireBee è da poco tempo sviluppato da due persone. Dato che l'alimentazione elettrica è a sua volta gestita dal PIC, vogliamo posticipare l'inizio ufficiale della distribuzione al termine di questo sviluppo. Presumibilmente c'è, a fianco dei costosi ICD-PIC-Burner, un'alternativa economica Open Source, compatibile con il FireBee, per la programmazione della PIC. Vi terremo informati.

-)Ulteriori discussioni interne al team

Unità floppy-USB
All'interno del codice sorgente U-boot, che fornisce le funzionalità USB del FireTOS, è già presente il supporto per le unità floppy USB, che purtroppo non sono un normale dispositivo di "mass storage". Riteniamo quindi che non dovrebbe essere particolarmente difficile fornire un driver per una unità floppy USB.

Infogrames USA
Siamo stati testimoni di una iniziativa molto preoccupante da parte della Infogrames, l'attuale detentrice dei diritti Atari, contro diverse persone della comunità "non commerciale" Atari, principalmente nei campi 8 Bit e Console. Ma per fortuna, dopo numerose lamentele della comunità, si sono scusati per l'azione di dissuasione e le ingiuste rivendicazioni. Anche se - soprattutto nella forma - le accuse formulate non sono sostenibili e, nonostante che il nostro progetto non sia stato per nulla colpito, speriamo che Infogrames si concentri in futuro su una coesistenza positiva con le comunità in tutti i campi, ed i loro più di 40000 membri. Che si tratti di console, 8-Bit o 16/32 bit. In particolare, se si tratta di iniziative non commerciali, in parte attive fin dal 1994 - vale a dire 9 anni prima di Infogrames - nell'area Atari. Vogliamo augurare alle persone colpite di continuare a divertirsi con il loro hobby Atari, assicurando loro la nostra solidarietà.

Mancano sviluppatori VHDL
Ultimamente c'è carenza di sviluppatori VHDL nell'ACP. Abbiamo discusso alcune possibilità, su come "arruolare" nuove persone, che possano portare avanti nel loro tempo libero compiti specifici come, ad esempio, il completamento del DSP. Purtroppo noi non disponiamo di una soddisfacente soluzione a questo problema, e siamo senza risorse in questa direzione. Saremmo felici di qualche supporto al riguardo.

Compatibilità
La compatibilità tra CPU e ColdFire 68k CPU è realizzata essenzialmente con la CF69kLib liberamente disponibile ed alcune patch all'interno del FireTOS. Questa funziona in molti casi, ma non in tutti, ed è in parte relativamente lenta. Fin dall'inizio, è stato chiaro all'interno dell'ACP, che la compatibilità deve essere fortemente aumentata, per essere in grado di far funzionare la maggior parte delle applicazioni Atari. Quindi, già nel 2010, è stato avviato lo sviluppo di un nostro layer di compatibilità per il FireBee, progettato tramite BaS. Ma dopo la riuscita implementazione della CF68kLib direttamente all'interno del FireTOS, questo sviluppo per qualche tempo si è arrestato . Ora abbiamo deciso di riprendere lo sviluppo della emulazione delle istruzioni mancanti. Questo sarà realizzato principalmente con delle "branch tables" ma, per alcune istruzioni - che si comportano differentemente - come LineA, arriverà fino al livello di un compilatore JIT. Con questo nostro sviluppo ci aspettiamo, nel medio termine, una compatibilità sensibilmente migliorata e l'aumento della velocità dei programmi che fanno ampio uso delle istruzioni 68k, non più presenti nel Coldfire. Sarà realizzato come libreria utilizzabile all'occorrenza da tutti i sistemi operativi come TOS o MiNT, fornendo alle applicazioni 68k la velocità ideale sul ColdFire. Per questo ulteriore sviluppo è stato arruolato il noto sviluppatore Miro Kropáček di Bratislava. Al suo completamento, la CF68kLib potrà essere interamente sostituita dal nostro sviluppo. Il lavoro inizierà alla metà di novembre.

Configurazione Flash
Ci sono state alcune discussioni sulla configurazione della memoria interna flash di 8 MB. Adesso al suo interno si trovano il BaS, la configurazione FPGA, l'EmuTOS, così come il FireTOS. Ora abbiamo discusso su come dBug, un boot loader gratuito di Freescale - possa essere integrato nel sistema, e su come tutte le componenti possano lavorare insieme in modo ottimale. L'integrazione di dBug ha il vantaggio di mettere a disposizione degli sviluppatori alcuni preziosi strumenti, e di poter avviare direttamente da esso sistemi operativi come Linux - ad esempio anche dalla rete. Presumibilmente consentiremo al BaS di svolgere alcune inizializzazioni di base come la RAM e la FPGA. Successivamente il BaS avvierà - o meno - uno dei vari livelli di compatibilità che sono stati selezionati con i DIP-switch, passando poi ad uno dei sistemi operativi come dBug, EmuTOS o FireTOS. Questo vuole dire alcuni adattamenti di dBug ma dovrebbe determinare, al suo completamento, una collaborazione ideale tra tutti i componenti e la massima flessibilità per quanto riguarda i Sistemi Operativi. Anche dopo l'integrazione di dBug ci sarà dello spazio libero all'interno della ROM per eventuali sviluppi non ancora previsti.

-) Percezione pubblica del FireBee

Il FireBee è stato nominato negli ultimi mesi più volte al di fuori della scena Atari.

  • In un paragrafo su Heise-Newsticker - Dedicato ai giochi per l'antico rivale Amiga ;)
  • Nel Giornale dell'Università Parigi 1 Pantheon-Sorbona
  • Come scheda FPGA-Board su aufzu.de

-) Ulteriori Informazioni

GEM Demo
La DEMO per GEM funziona completamente e senza problemi sul FireBee. I valori per la grafica della FPGA sono:

87 (1x), 75 (x2), 18 (x4) a una risoluzione di 1600 x 1200 @ 16 Bit
e
75 (1x), 53 (x2), 12 (x4) a una risoluzione di 1920 x 1440 @ 16 bit

Backplane passivo PCI
Per le persone che vogliono utilizzare il loro FireBee con un bus PCI, è ora disponibile un idoneo PCI-backplane. Questo backplane passivo dispone di quattro slot, è prodotto in Germania e sarà leggermente modificato da noi. E già stato testato e funziona molto bene con il FireBee, con un il prezzo inferiore a 20 euro. La disponibilità è assicurata.

Schede grafiche Radeon
Per le persone che vogliono utilizzare le schede grafiche Radeon sui loro FireBee, abbiamo cercato dei produttori attuali. Al momento sembra che abbiamo trovato un partner a lungo termine, che può fornire schede grafiche 9200 per PC a meno di 40 euro. Il modello per i bus PCI a 3,3 Volt è immediatamente disponibile. Comunque, faremo produrre una scheda per bus PCI a 3,3 e 5 Volt in modo da consentirne l'uso in tutti i sistemi Atari abilitati Radeon. Le specifiche sono: scheda 9200 PCI, bus PCI a 3,3 e 5 Volt, 256 MB di RAM ed interfaccia a 128 bit, GPU / RAM con 200MHZ/325MHZ, Chip 215 ATI Radeon 9200 , basso profilo, raffreddamento passivo! Le schede saranno disponibili per la produzione per gli anni a venire, e saranno costruite da una società tedesca entro 14 giorni dal nostro ordine. La Radeon 9200 è inoltre più veloce rispetto al modello 9250, che è stato distribuito più tardi. Un primo esemplare è in arrivo.

Etichette 3d
Per il prossimo box case, abbiamo delle etichette 3d fornite gratuitamente da un utente Atari, Tom Kristensen, della Danimarca, che possiede un'agenzia pubblicitaria e lavora quotidianamente con i suoi cloni Atari Hades . Anche queste etichette sono state realizzate con Calamus su un computer Hades!


23/08/2011 ACP-Novità-Agosto-2011

  • NVDI adattato al FireBee
  • cURL sul FireBee
  • GnuPG per Atari
  • Bugfix Release di AHCC
  • Nuovi membri del team
  • Nuova versione beta del FireTOS e documentazione firetos.cpx
  • Miglioramenti nell'USB
  • FreeMiNT

NVDI adattato al FireBee

Sul FireBee è ora possibile utilizzare una versione modificata di NVDI. Questo consente di testare sul FireBee tutti i programmi che richiedono NVDI (ad esempio Texel, Artworx, Papillon). Le funzioni GDOS di NVDI ora rendono possibile la gestione e l'uso di differenti font. Da un punto di vista teorico, dovrebbero essere utilizzabili anche le funzioni di stampa, che tuttavia non sono state ancora sperimentate. L'adattamento è stato testato con successo sulle versioni 5.00, 5.01 e 5.03 del programma.

Dal momento che NVDI non è un software libero, e che non si può più acquistare (nuovo), non è possibile offrire (legalmente) il download completo della versione modificata. Ogni utente dovrà modificare la propria versione di NVDI. Per quelli che vogliono evitare l'uso di un editor esadecimale, Ole Loots ha scritto un programma patch. Ulteriori informazioni ed il download della patch sono disponibili sul wiki tedesco newtosworld. E' disponibile anche un tutorial in tedesco su come modificare NVDI manualmente.

cURL sul FireBee
Ole Loots ha effettuato il port di cURL sul FireBee. CURL è un piccolo programma che consente di trasferire i dati da Internet sul computer locale. Funziona molto bene in combinazione con FreeMiNT, XaAES e bash. Purtroppo si deve scendere a compromessi con il FireTOS perché il download diretto non è (ancora) possibile. Come soluzione alternativa Ole raccomanda di impostare un proxy locale per installare ed utilizzare cURL. Il file è scaricabile all'indirizzo curlfire.zip .

GnuPG per Atari
Bernd Mueller ha effettuato il port di GnuPG per MiNT. GnuPG è una implementazione libera di PGP (Pretty Good Privacy), un programma progettato per cifrare e decifrare file ed e-mail nonché per creare e verificare le chiavi digitali. E' quindi ora disponibile su Atari un sistema crittografico sicuro.

Per farlo funzionare correttamente è necessario un po' di lavoro manuale, in quanto, al momento, non è disponibile una interfaccia grafica.

Serve un editor di testo come QED, joe, nano, ...

Questo esempio descrive come usarlo con aranym ed easymint:

  • Scaricare uno dei file archivio
  • estrarre i file
  • copiare i contenuti dell'archivio in /opt
  • modificare /etc/bashrc aggiungendo la riga : export PATH=/usr/sbin:/sbin:/bin:/usr/bin:/usr/local/bin:/usr/X11R6/bin:/root/bin:/opt/gpg-atari/bin
  • riavviare bash
gpg-atari.tar.bz2
gpg-atari.zip

Versione Bugfix di AHCC
Henk Robbers ha rilasciato un aggiornamento preliminare di AHCC, che corregge alcuni errori relativi alla FPU nel target Coldfire. Chi desidera ottenere questa speciale versione di AHCC, lo deve contattare per e.mail http://ahcc.atari.org.

Nuovi membri del team
Heinz Schmidt e Marcel Schön si sono uniti in questo mese alla squadra. Heinz e Marcel stanno lavorando insieme alla creazione della sezione howto e della documentazione. Oltre a questo, Marcel effettuerà il porting di alcuni software Linux.

Nuova versione beta del FireTOS e documenti di fireconf.cpx
Sul suo sito web, Didier Méquignon ha pubblicato una pagina sul FireTOS e FireConf.CPX. In questa pagina descrive i parametri che possono essere modificati utilizzando FireConf.CPX. Si può vedere molto bene il progresso che ha fatto negli ultimi mesi con il FireTOS. Sul suo sito, a partire dal 27 luglio 2011, è disponibile l'attuale versione beta pubblica del FireTOS. Questa versione contiene tutti i miglioramenti ed i bug fix descritti nelle recenti notizie ACP.

Miglioramenti USB
Didier Méquignon ha da poco risolto un problema di lunga data nella gestione dell'USB, che impediva ai dispositivi di memoria di massa di funzionare correttamente. Il problema era causato da un bug hardware nello stesso chip Coldfire, ma che, per fortuna, è stato possibile aggirare via software. Come risultato, è ora possibile l'accesso ai dischi ed alle memoria di massa USB in ambiente FireTOS e FreeMiNT. Con FreeMiNT è anche possibile accedere a unità disco e PenDrive formattati FAT16/FAT32 su di un PC, cosa che rende lo scambio di dati con un PC o Mac più facile che mai.

FreeMiNT
E' stato raggiunto un importante traguardo nello sviluppo di FreeMiNT per ColdFire. Vincent ha adattato al ColdFire tutto il codice in assembler presente nel Kernel, in XaAES e nei moduli principali. Sono state apportate modifiche in 337 punti differenti.Tutto è stato trasferito nel CVS repository ufficiale di FreeMiNT. Di conseguenza, il kernel mintv4e.prg corrente, che si può trovare nel daily trunk archive , è completamente ottimizzato per FireTOS e la sua emulazione 68060. Il supporto di EmuTOS arriverà in tempi successivi.


maggio 2011 Aggiornamento sulla situazione

Lo scorso mese è stato caratterizzato da una varietà di lavori su tutti i fronti del progetto. La maggior parte di questo lavoro è stato a favore degli utenti finali ma di limitato interesse ed è stato portato avanti in silenzio. Tuttavia è arrivato il momento di fornire un aggiornamento sulla situazione maggiore, rendendo pubblici i risultati conseguiti.

Il nuovo logo FireBee

L'avvenimento più importante delle ultime settimane è rappresentato dalla decisione finale sul logo FireBee. Dopo un processo molto lungo, il team ha finalmente approvato il suo aspetto definitivo, così da poterlo presentare ufficialmente.

Il nuovo logo FireBee non solo decorerà il nostro prossimo case, ma servirà anche come marchio di riconoscimento di FireBee. Speriamo che serva come segnale che l'Atari non solo è sopravvissuta, ma che ha continuato ad evolversi con la moderna tecnologia. Vogliamo caldamente ringraziare tutti quelli che ci hanno supportato con proposte, progetti e suggerimenti. Il nuovo logo FireBee è disponibile per il download in formato vettoriale.

color.eps color.svg black.eps black.svg

Benvenuti nel Team

Un altro punto importante sono i nuovi membri che si sono uniti al team che, oltre a dargli il benvenuto, vogliamo presentare pubblicamente.

Geir Ĝyvind Vĉlidalo %96 ha supportato il progetto fin dall'inizio. Da quando ha ricevuto il suo FireBee, ha deciso di unirsi al gruppo come sviluppatore e di adattare il TTF GDOS al sistema operativo FireTOS.

Jean-Pierre Feicht %96 un volto relativamente sconosciuto e di recente arrivo %96 ma proprio al momento giusto%96 che ha risposto ad un appello pubblico nel 2010. Jean-Pierre è un media designer indipendente che ha assunto la responsabilità della grafica promozionale e del design del nuovo logo FireBee. Attualmente è anche responsabile per l'attuazione della pagina del prodotto firebee.org ed assumerà un ruolo maggiore nelle conseguenti attività di progettazione.

Marc-Anton Kehr %96 grazie al suo lavoro con Easy-MiNT, è conosciuto dalla maggior parte degli utenti Atari. Per prima cosa, preparerà una nuova versione di Easy-MiNT per l'uso con il FireBee. Ha anche concordato di partecipare alla attuazione, attesa da tempo, della pagina prodotto firebee.org ed di alcuni aspetti tecnici.

Ole Loots - in realtà è uno sviluppatore "esterno" che si occupa della conversione in ambiente TOS del browser Netsurf. Una volta adattato e reso disponibile il suo Netsurf per FireBee, ha avuto senso estendere la cooperazione tecnica tra gli sviluppatori del Sistema Operativo e quelli delle applicazioni. Pertanto, i due progetti ACP ed il port di NetSurf sono ora più vicini. m0n0 attualmente è anche consulente di ACP ma, oltre al browser, è già risultato particolarmente utile in molti altri modi.

Progressi tecnici

Vi è stato molto lavoro sul FireTOS. Rispetto alle precedenti notizie, abbiamo ricevuto quattro nuovi aggiornamenti. Il FireTOS adesso offre, direttamente nel TOS, un supporto USB di base migliorato, cosa che rende possibile l'uso di dispositivi di memoria di massa con hot plugin. Avviare il Firebee con i dispositivi USB già inseriti, adesso non è più necessario. Sono inoltre stati eliminati errori causati da problemi GCC nella implementazione di lwip. (In cambio, questi piccoli e fastidiosi errori hanno messo radici nella inizializzazione AC'97).

Un sensibile progresso si è avuto nel supporto XHDI. L'arresto casuale del FireTOS ed alcune inspiegabili perdite di dati in ambiente MiNT NEWFATFS hanno tenuto impegnati gli sviluppatori per 15 giorni. Dopo aver eliminato questi problemi, l'implementazione XHDMI può ora essere ottimizzata.

FreeMiNT è stato migliorato per funzionare sul FireBee. Questo comprende, tra l'altro, l'ottimizzazione di XaAES per i processori V4e. Questo sviluppo ha richiesto più di un anno per essere completato. La versione ottimizzata al 100% del modulo kernel XaAES per ColdFire, porta anche grandi vantaggi agli altri processori. Mentre in precedenza alcune parti di XaAES erano state scritte solo per processori 68000, adesso tutte le parti di XaAES possono essere compilate ed ottimizzate per ogni tipo di processore (es. 68030).

Internamente, ovviamente, abbiamo messo in cantiere la risoluzione di diversi altri problemi e l'avvio di nuove fasi di sviluppo. Ad esempio, l'inserimento in flash, altri errori GCC, le risoluzioni video DVI + VGA e la polarità di sincronizzazione, problematiche con il BDOS e l'IDE, una possibile offerta in opensource di GDOS+ da parte della CodeHeads, l'uso di FVDI o oVDI (ampiamente misconosciuto), la possibile implementazione di una porta parallela, il debugging di HD Driver, la preparazione di un elenco dei programmi compatibili, l'aggiornamento, atteso da tempo, del sito web, maggiori capacità del PIC microcontroller, ecc.

In chiusura, abbiamo ancora un messaggio molto positivo. Nel molto lungimirante ambiente ACP, tutti i programmi di Sven Kopac, i cui sorgenti sono tuttora disponibili sotto licenza GPL / Artistic License, sono stati forniti e resi accessibili. I file binari sono adesso freeware. Questi comprendono, per esempio, Emailer, PPP- Connect (con CAB.OVL), WinCom, Alice e 2nd Chance.


13/04/2011 Novità USB

Ilmembro della squadra ACP David Gàlvez ha ultimamente lavorato sul supporto USB in FreeMiNT. Il risultato del suo lavoro può esser visto in questo video:

come scaricato in AVI (XviD).

Ciò che vedete qui è la pila USB di David che gira come un kernel FreeMiNT su un Falcon con CT 60 e scheda EtherNat. Un driver di tipo memoria di massa con supporto XHDI è stato implementato, il che in termini semplici significa che FreeMiNT può accedere a drives USB con formato Atari o MS-DOS FAT16 o FAT 32 con o senza VFAT (files dai nomi lunghi). Può anche avere accesso a partizioni di Linux ext2, o a qualsiasi altro formato possa essere supportato da FreeMiNT in futuro. Scambiare dati con computers di tipo commerciale non è mai stato più facile.

Come il video mostra, i drives USB possono venir cambiati a caldo e molteplici drives possono essere utilizzati contemporaneamente. La pila USB ha un disegno modulare in cui sia i drivers di periferiche sia quelli di interfaccia USB sono implementati come moduli esterni. Il driver del giusto tipo si inserisce automaticamente appena la periferica USB viene collegata. Grazie a questo disegno modulare il lavoro di David permetterà a tutti gli utilizzatori di FreeMiNT di usare l'hardware USB.


06/04/2011 Il Desktop Thing diventa GPL

La squadra ACP è orgogliosa di annunciare che il popolarissimo desktop per ambienti Atari Thing - che fu originariamente creato da Arno Welzel - sarà distribuito gratuitamente. Con la cooperazione degli autori di Thing noi abbiamo accresciuto il numero di desktop Open Source disponibili, il che è sfociato in una cooperazione a lungo termine.

Thing è, insieme con jinnee, il miglior desktop esistente, con le più ampie basi di utenti, e fino a poco fa non era un prodotto commerciale. Dato che le fonti di jinnee, secondo diverse fonti d'informazione, sono andate perdute, sembrava che qualsiasi futuro sviluppo fosse impossibile. Inizialmente sembrava che il FireBee sarebbe stato limitato al desktop Open Source TeraDesk, nella misura in cui poteva essere compilato in versione nativa per ColdFire. Tuttavia gli autori di Thing hanno sostenuto da subito lo sviluppo del FireBee e non si sono contentati di rendere gratuiti i binarii, ma hanno anche pubblicato Thing come Open Source.

Contemporaneamente, esiste una versione di Thing 1.29 senza dialogo di registrazione, che è stata realizzata da Dirk Klemmt.Gli sviluppatori Thing lavorano proprio ora sul seguente approccio: per prima cosa tutti i sorgenti (1.27, 1.27b, 1.29, 1.30) saranno fusi il più possibile e il codice rivisto. Successivamente vi sarà la pubblicazione di una versione gratuita per 68k senza registrazione od alcun'altra limitazione. Qualche tempo dopo i sorgenti di Thing saranno pubblicati sul nostro repository CVS presso Atari Forge. Un ulteriore sviluppo da parte di altri membri dell'ACP è in fase di considerazione. Benché Thing stia già girando bene come semplice versione 68k, una completa versione nativa ColdFire apporterebbe un considerevole aumento di velocità.

Siamo molto compiaciuti di quest'ampliata collaborazione con i programmatori di Thing, ed ora possiamo fornire questo dono alla comunità Atari. Thing funziona anche con gli Atari più piccoli e quindi risulta essere un beneficio per tutti gli utenti Atari, non solo per FireBee.

Ecco qui, ora, per la pubblicazione immediata, la chiave pubblica: user "PublicACP": ochl Piie juQd Kg6h kfUW ZiTh zbBr UHbx


04/04/2011 FreeMiNT in arrivo per il FireBee

Grazie al lavoro di Olivier Landemarre, Vincent Rivière e Didier Méquignon, FreeMiNT e XaAES ora girano su FireTOS con il FireBee. Il lavoro è ancora lontano dall'esser terminato, il kernel è ancora parzialmente collegato al ColFire, ma come mostra la schermata d'avvio, è già capace di far girare le applicazioni GEM sorprendentemente bene.

Questa mostra una quantità di applicazioni che girano sotto l'ultimo XaAES. Tutte queste applicazioni lavorano come ci si aspettava, e malgrado il relativamente lento FireTOS VDI, ogni cosa appare ben messa. Perfino BoinkOut2 produce suoni. ;)


10/03/2011 Cooperazione per usare GNU/Linux

L'ACP è orgoglioso di annunciare una collaborazione con Greg Ungerer per far girare FireBee su sistemi GNU/Linux. Greg è un manutentore principale dell' uClinux project e ha lavorato per molti anni su hardware ColdFire. uClinux, l' "Embedded Linux/Microcontroller Project", è una ben nota porta di Linux per processori privi di Memory Management Unit (MMU). Greg ha fatto i primi passi con un FireBee che gli abbiamo spedito in Australia, ed è stato capace di lanciare uClinux via Freescale's dBUG loader, caricando immagini di sistema attraverso la porta Ethernet da un altro computer. Ottenere una semplice configurazione uClinux girante sul FireBee era un lavoro direttamente ulteriore con un set periferico di base supportato. Greg lavorerà ulteriormente ottenendo un pieno funzionamento di Linux con il supporto MMU. Con quello al suo posto, complete distribuzioni GNU/Linux desktop (come Debian per esempio) possono lavorare sul nostro hardware. L'ACP dà un grande benvenuta a questa opportunità di lavorare insieme con sviluppatori di sistemi operativi "esterni", specialmente di quelli Open Source. Vi terremo informati sui progressi conseguiti nell'usare GNU/Linux sui FireBees.


04/03/2011 Tenetevi forte!

Nelle ultime dieci settimane così tante cose sono accadute che non riuscivamo a tenervi dietro rilasciandone notizia. La maggior parte di ciò che state per leggere sarebbe valsa una apprezzabile notizia di per sé. Ciononostante speriamo di non abbattervi con la gran mole di testo. Gustatevi la lettura!

Il rilascio del FireBee sarebbe stato possibile già nel 2010, ma sfortunatamente stiamo ancora lavorando sul completamento del software per l'utente normale. Dopo una piccola, ufficiosa inchiesta su Atari Home e tramite la nostra mailing list, abbiamo deciso di aspettare ancora qualche mese piuttosto di rilasciare un prodotto che non sia ancora perfettamente funzionante e che quindi potrebbe frustrare chi lo usi. Così abbiamo ritardato la consegna per gli utenti finali. Chi voglia cimentarsi con JTAG o BDS, o voglia unirsi nello sviluppo certamente può ordinare la macchina in qualsiasi momento. Semplicemente lanciateci una mail. E ora per qualche recente sviluppo: Già in Novembre riscontrammo un problema con l'alimentazione elettrica del chip USB sul bus PCI. Questo bug ha preso parecchio lavoro e tempo ma alla fine è stato risolto in modo molto semplice. Ogni FireBee sarà equipaggaiato con un condensatore da 1000 uF connesso vicino all'accumulatore. Ora il PCI è stabile benché l'USB non sia perfetto a causa di altre questioni. Appena prima del cambio di anno arrivarono soluzioni per il chip USB (errore Chip 35, cicli di accesso alla scrittura I/O) e per la Radeon 9250, che pure ora siede sul bus PCI.

Un altro campo che abbiamo coltivato è stato quello del differente hardware esterno che è necessario per successivi sviluppi, ad esempio programmatori PIC o adattatori BDM. Quest'ultimo doveva lavorare senza difetti via o porta parallela o USB, il che ha comportato una quantità di test in Dicembre. Due questioni importantissime che dovevano essere risolte prima della consegna erano il software flash e il codice per il microprocessore PIC (per l'interfaccia PS/2 e altre cose). La codifica PCI è stata presa in carico da Alan Hourihane, ben noto per "Eiffel". Alan ha trasferito una considerevole mole di codice (che era stato costruito da MCS tra estate e autunno) da assembly a C. Il lavoro sul PIC procede permanentemente. Il software flash è stato completato alla fine del 2010. Didier ha adattato il suo software flash per il CT6x in modo tale che un update TOS per la ROM FireBee è possibile via TOS. Addizionalmente ha adattato il controllo X e il CT6xconf che ora lavorano entrambi su FireBee.Il FireTOS sta ora lavorando senza errori con differenti linguaggi, comandi di boot e altre cose. Il software può essere scaricato dalla pagina di Didier come GPL. Dirigete i vostri browsers su http://ct60conf.atari.org and http://ctpci.atari.org .

Il FireTOS stesso è stato sottoposto a non meno di cinque updates dopo il rilascio dell' ultimo notiziario. Il driver SD-card di Fredi è stato implementato nel FireTOS e i limiti del BDOS sono stati allargati.Il driver SD lavora senza FPGA! TOS ha ottenuto capacità di network via LWIP. Protocolli come TFTP, telnet e altri sono possibili. Tre parametri flash sono stati aggiunti a FireBee per essere in grado di configurare ethernet se FireBee è fatto partire da BaS (base system) e non da dBUG. L'indirizzo ethernet MAC ora può essere cambiato da un CPX. Successivamente FireTOS ha ottenuto capacità USB di base, cosicché devices di stoccaggio e mouse possono già essere usati! Per la fine di Novembre anche l'IDE è stato approvato: ora tre periferiche IDE a dati di 32 bit possono essere usati. La card CF è implementata a 0xFFF0'0000-0xFFF0'003F proprio come IDE su tutte le macchine 16/32 capaci di IDE. Un update del firmware FPGA ha aperto la possibilità di scambiare i bus IDE. Dalla metà di Dicembre FireBee è in grado di utilizzare la lista delle risoluzioni supportate dai monitors EDID ed offrirle all'utilizzatore. Abbiamo pubblicato il nostro primo frammento mostrando ciò. Esso può essere scaricato come MPG4 o visto come stream.

Ciò è diventato possibile, oltre ad altre cose, grazie ad un ampio lavoro su FPGA, che ha avuto luogo durante tutto Dicembre. Sono state accresciute le risoluzioni ST. Il "Video clock PLL" è stato implementato e il "Pixel-Clock" è aggiustabile per passi di 1 MHz. Assieme all'update del BaS l'update del FPGA ha portato la possibilità di settare gli indirizzi "Videso-base" ovunque entro la RAM ST. Ciò risolve ogni questione di compatibilità ST (nella misura in cui concernono il Video). Un'operazione di scrittura entro la RAM Video è ora divisa tra un' area "Atari-" e una "ACP-Video" . Questo update FPGA ha recato non solo le accresciute possibilità video, ma anche il summenzionato completo Ethernet,così come il nuovo - da taluni futuri utenti richiesto - nuovo comportamento di reset/boot del pulsante di accensione (0,5 sec. boot, 0,5 sec.reset, 3 sec spento). L'FPGA sta ora fornendo tutte le frequenze a 20 volte il clock, il che è richiesto dal FireBee. Queste frequenze sono state aggiustate. Il FireBee ora gira a 264 MHz. Inoltre l'update ha portato anche un utilizzo potenziato del floppy.Attualmente la lettura di floppies HD funziona sotto FireTOS. Per la scrittura come DD vi sono ancora problemi. Già a metà di Dicembre parecchi Floppy bugs in Emu TOS potrebbero essere risolti. Di Emu TOS è disponibile, sin da poco dopo il nostro ultimo update, una versione che funziona completamente senza MMU. Ciò può essere usato per tests come riferimento o un sistema ColdFire pienamente ottimizzato. Per la compatibilità Atari è naturalmente necessaria la MMU. Un ulteriore sviluppo che ci piace presentare oggi è il prototipo del nostro piccolo contenitore custom. Questo è appena lievemente più grande di due HD 3,5" posti fianco a fianco. L'intento era quello di produrre il più piccolo contenitore possibile per il nostro PCB.

Per ora esso include diversi LED, un altoparlante, spazio per una card CF, spazio per una seconda batteria e quindi c'è un'ora di uso possibile senza alimentazione esterna,nicchie per tutte le porte esterne così come una parte superiore facile da aprire. Il case può essere aperto girando una vite spaccata mentre il computer resta saldamente fisso nel fondo. Recentemente stiamo considerando se inserire anche le guide per un HD da 2 1/2" e una porta SATA. Il contenitore stesso è privo di ventilatore e, con la card CF, è anche libero da parti meccaniche. E' totalmente silenzioso.

Ci saranno nuove informazioni in extenso sul contenitore nel prossimo futuro.

Debugging seriale: ora è possibile aggiustare la scelta di Rsconf-Boot con una CPX (una lista a 16 baud come il Falcon 030 HSMODEM), e fare ebug con programmi come KiTTY, minicom, ZOC, o Hyperterminal, via un semplice cavo modem nullo. A inizio Febbraio un nuovo bug è stato individuato da un test NV-RAM. Zorro ha fermato il suo lavoro su zDesk. Dopo un pubblico dibattito con parecchi utilizzatori, che desideravano l'ulteriore sviluppo del suo mai pubblicato zDesk, lo stato recente del software è stato pubblicato come GPL, come era avvenuto precedentemente per tutte le "z-applicazioni". Il codice sorgente è ora disponibile presso Atari-Forge.

Sono state pubblicate due nuove versioni di AHCC. Il Compilatore/Assemblatore GPL è ora disponibile in Versione 4.4 da Henk Robbers .

C'è una nuova versione di MyAES (0.9.3) disponibile alla pagina di Olivier.

A metà Gennaio Vincent ha fissato GCC, per avere una libreria matematica utilizzabile con m68020-060.

Per la Visione GEM c'è una patch disponibile,che è basata sul lavoro di Guillaume Tello e che è stata fatta da Lonny Pursell.Con questa patch l'applicazione dovrebbe funzionare immediatamente presso FireBee appena FireMiNT sarà traslato completamente.

Didier recentemente sta lavorando tantissimo all' AC'97. Ciò ha portato già a parecchie possibilità che vi presenteremo separatamente. Vi diremo questo solo, gli MP3 possono già essere decodificati con la sola CPU, e il mixer GSBX sta lavorando come ACC inclusi tutti i controlli al FireBee.

Un ulteriore importantissimo punto, che sperabilmente delizierà alcuni di voi, sono le applicazioni user. Ultimamente stiamo testando ed adattando HDDriver, Calamus e Netsurf. Già adattati sono Doom per GEM, che sta girando bene, o ugualmente POV Ray. Un punto anche più ansiogeno potrebbe essere questo: con la recente implementazione di cf68klib già parecchie applicazioni a 68 (!) semplici k stanno lavorando. Andiamo col nome di QED (3 e 5), Wdialof, ST-Guide, STING, Packman (GEM version), l'Atari Mouse Accelerator, o Papyrus. Come illustra qui un po' di ritratti di programmi strettamente 68k che lavorano presso FireBee sotto FireTOS senza alcuna patch:


Vision


Netsurf


Atari Works


WenSuite


Thing Desktop

Last but not least, due altre notizie riguardanti la nostra homepage: con Pavel Salac noi ora abbiamo un nuovo membro nella nostra squadra, che è responsabile per la traduzione in Ceco. Pavel ha ulteriori conoscenze, che spenderà nei prossimi mesi nell'ACP. E la sezione links della nostra pagina ha avuto un ampio update a fine Dicembre. Guardatela. Perfino per qualche maestro della rete ci potrebbe essere qualcosa da recuperare.


18/11/2010 Dal momento che una grande mole di lavoro è stata compiuta o addirittura portata a termine recentemente, ecco una breve panoramica delle ultime realizzazioni.

Vincent ha ritoccato l'EmuTOS per allineare i programmi e i buffer Malloc() a multipli di 4 bytes. Ciò garantisce che i programmi girino sempre al massimo della velocità. Infatti l'accesso ai valori a 32 bit è molto più veloce quando essi sono allineati sul limite dei 4 bytes, specialmente su ColdFire. Questo era già il caso con TOS e FreeMiNT.

Fredi lavora su di un problema di crashes nei lunghi accessi suLL' interfaccia IDE.

Henk ha deciso di lavorare sul perfezionamento dell'EmuTOS VDI, per esempio consentendo ai VDI di usare gli 8bpp e le modalità a 16/24/32 bit.

Didier ha implementato il protocollo 12C entro il FireTOS permettendo il reperimento automatico del monitor. FireTOS può esser fatto girare a 1920 x 1080!

Abbiamo posto il controllo delle fonti della versione all'indirizzo http://www.atariforge.org/gf/project/firebee dove gli sviluppatori man mano depositano i loro lavori.

David sta facendo bei progressi sull'USB, cercando di assicurare al meglio la compatibilità della sua memoria USB con il NETUSBee!

Didier e Fredi hanno debuggato lo hardware USB (interruzioni OHC11 e OHC12) e ottenuto mouse e tastiere USB lavorando con FireTOS! Adesso è iniziato il lavoro sullo stoccaggio di massa USB.

Vincent e Fredi hanno implementato un livello di emulazione di errori di bus, così ora è possibile far girare programmi poggiando su di esso (per esempio per ottenere una lista di hardware disponibile). Ora EmuTOS è capace di dei bei messaggi di errore con una copia di registro quando un programma difettoso accede a un'area di memoria guasta.

Vincent ha trovato la causa dell'infame rallentamento BaS. La modalità cache non era settata al meglio (write-trough invece di copy-back), finalmente EmuTOS + BaS girano alla massima velocità!

Didier è in grado di far girare nativamente Kronos in tutti i test escluso il materiale nativamente AES.

Didier e Fredi stanno debuggando degli errori di consumo di corrente bel bus PCI. Didier si è messo alla prova essendo un maniaco dell'Atari saldando 240 fili da una piastra CTPCI inutilizzata solo per dare a Fredi dei risultati di test! A quel punto Fredi ha comperato qualche slot PCI per non dover più ogni volta fare saldature per risolvere problemi di bug!

Vi sono state anche migliorie nell'ambiente di sviluppo. EmuTOS gira AHCC senza alcun livello di emulazione, e Henk attende AHCC per ricompilarlo da sé in modalità CF! Henk ha iniziato il lavoro su solo supporto delle istruzioni CF per risultati migliori.

Quindi noi abbiamo tre compilatori capaci di produrre programmi TOS perfettamente compatibili ColdFire. VBCC e AHCC possono certamente girare su FireBee, mentr GCC ancora deve girare come compilatore incrociato su un'altra macchina.


16/10/2010 Alcune novità

Il resto della prima serie è stato completato presso la fabbrica ed è arrivato alla Medusa Computer Systems.

Vi sono state diverse reazioni e suggerimenti dalla comunità in risposta al video pubblicato da Fredi. Dando seguito a questi, il comportamento del pulsante di accensione è ora il seguente: Accensione tenendo premuto il pulsante per 0,5 secondi. Ripartenza tenendo il pulsante premuto per 0,5 secondi. Spegnimento tenendo il pulsante premuto per 2,5 secondi.

Il driver USB sta progredendo: David Galvez ha continuato il lavoro svolto da Didier Mequignon col driver di stoccaggio di massa XHDI al punto che tutti i tipi di partizione supportati da MiNT lavorano bene (FAT16, FAT32, ext2).

Alan Hourihane si è assunto l'onere di implementare il supporto PS/2 e sta adattando Eiffel al nostro PIC. Ciò significa che il lavoro di base per la PS/2 è ormai compiuto.

Henk Robbers ha pubblicato una nuova versione del Compilatore AHCC che gira nativamente su ColdFire.

Anche il compilatore vbcc è stato portato su ColdFire da sviluppatori esterni. Vi sono attualmente degli obiettivi sia per TOS sia per MiNT su ColdFire. Nel prossimo futuro vi sarà anche una porta vbcc nativa FireBee.

Alla fine della prossima settimana faremo richiesta di un prototipo di minicase ad una ditta di Vienna.


26/09/2010 TOS in Russo

Siamo orgogliosi di annunciare che Дима Соболев (Dima Sobolev) ha terminato il suo lavoro di traduzione dell'EmuTOS in Russo. Di conseguenza saremo in grado di consegnare il FireBee con il Sistema Operativo Russo completo così come anche TeraDesk è disponibile in Russo. E' la prima volta che un Clone Atari sarà disponibile in produzione di serie coll' alfabeto cirillico e il desktop tradotto così come anche l'OS. Speriamo di rendere l'uso dell' ambiente Atari in Russia, Ucraina etc. più interessante o addirittura semplicemente possibile. Questo sviluppo ha preso il via con l'ACP, ma ha preso piede sopratutto entro la squadra EmuTOS, e pertanto il nuovo linguaggio può essere anche, ovviamente, usato con Aranym o in altri ambienti. Questo è uno degli esempi di come il progetto desideri migliorare la situazione per l'intera scena Atari 16/32.

Vogliate gradire le foto qui sottostanti fatte a due diverse serie di schede del FireBee.


16/09/2010 L'estate sta finendo, così ecco le novità

Dapprima le brutte notizie: oltre al ritardo nella produzione, le prime 24 schede hanno un piccolo difetto nel PCB. Il KiCAD (l'applicazione che noi abbiamo usato per disegnare il circuito stampato della scheda) ha riempito un' area sopra le Via in modo indesiderabile. Conseguentemente il Bus PCB non lavora correttamente. Queste schede saranno corrette a mano. Le altre schede non hanno questo difetto, sono state corrette a livello di produzione. Le buone notizie. Le prime schede sono state inviate agli sviluppatori del software. Per via dei ritardi nella produzione ora noi abbiamo una situazione inaspettata, qualcosa come una "serie degli sviluppatori" Dal lato del software noi recentemente abbiamo lavorato sul sistema di base, il gestore a 68k, il PIC (Clock in tempo reale,PS/2,...), il DSP in VHDI, il driver USB, l'adattamento di MiNT e i compilatori nativi ColdFire.

La nostra squadra è cresciuta ulteriormente. Più di 50 persone ora contribuiscono il loro sapere e devolvono il loro tempo per far avanzare il FireBee e per continui futuri sviluppi. I nuovi membri saranno presentati qui presto.

Un altro aspetto dell'ACP che ha progredito e da cui ci aspettiamo risultati concreti è la realizzazione di un nostro contenitore originale. Questa è una questione spesso posta dai nostri clienti. Ed ora noi siamo pronti a dire che entro la fine dell'anno la prima mini confezione personalizzata costruita esclusivamente per il nostro FireBee sarà offerta.

L'ultima informazione positiva per oggi. La questione delle licenze hardware sarà presto ora risolta. Lo schema, che è stato disponibile per più di un anno liberamente scaricabile dal nostro sito, sarà rilasciato sotto licenza GPL/GPL o simile. Il circuito della scheda sarà pubblicato sotto licenza Creative Commons BY-NC-SA. Di conseguenza il nostro computer può essere ora considerato come un hardware Open Hardware.

Ultimo ma non minimo: vorremmo presentarvi un video in cui sono spiegate le operazioni iniziali di FireBee.

L'originale può essere scaricato (misura: 220MB):
o potete Guardarlo direttamente


07/09/2010 Foto liberamente disponibili



Tutte le foto del FireBee Prima Serie da Barbara Brandstätter, 03-09-2010 sotto Creative Commons BY-NC-SA. Addizionalmente stampabile liberamente, richiesta copia deposito.


Foto 1 ad alta risoluzione (CMYK, 3,3MB)



Foto 2 ad alta risoluzione (CMYK, 6,3 MB)



Foto 3 ad alta risoluzione (CMYK, 5,8 MB)



Foto 4 ad alta risoluzione (CMYK, 5 MB)



Foto 5 ad alta risoluzione (CMYK, 3,9 MB)




09/07/2010 Ritardi nella produzione

In fase di produzione della prima serie, durante la prima metà di giugno, la nostra società di assemblaggio svizzera ha avuto un elevato tasso di scarti. Hanno riscontrato problemi a causa di circuiti troppo vicini, con un conseguente reale fallimento di produzione nella realizzazione dei circuiti stampati. Grazie al controllo effettuato sulle schede da Fredi Aschwanden di MCS, siamo stati in grado di identificare il problema prima che le parti fossero assemblate. Pertanto abbiamo 24 schede correttamente funzionanti, che sono state assemblate nelle ultine due settimane e che arriveranno a MCS entro la prossima settimana. Queste saranno quanto prima girate agli sviluppatori, dopo che avremo istallato il software di base per inizializzare l'hardware. Per il resto della serie saremo completamente indennizzati. Dato che l'errore è stato compiuto dalla società di assemblaggio, avremo la serie completa senza costi aggiuntivi, ma con un ritardo stimabile tra le 4 e le 6 settimane. Pertanto le prime schede non saranno spedite ai clienti a luglio. Si fa presente che nessuna delle schede difettose sarà riparata e messa in vendita, ma saranno prodotte nuove schede dal nostro fornitore.

Siamo lieti di aver scelto una società svizzera che fornisce la normale garanzia di due anni per tutti gli errori di produzione dell'hardware e che consegnerà senza problemi la serie completa, come concordato. La garanzia di due anni vale anche per le schede consegnate ai clienti. Poiché questa domanda si ritrova spesso nei forum o nella mailing list, vogliamo assicurarvi che avrete una piena garanzia sull'hardware del vostro computer, come da standard Europei.

Ci scusiamo per il ritardo!


30/05/2010 AHCC 4 e TeraDesk
Il 27 Maggio Henk Robbers ha pubblicato la versione 4 del suo compilatore Pure-C compatibile AHCC. Questo è - a nostra conoscenza - il primo ambiente di sviluppo al mondo capace di generare programmi che possano essere eseguiti su CPU ColdFire così come su processori 68020, 030, 040 e 060. Come prova concettuale Henk ha ricompilato TeraDesk usando AHCC. Come conseguenza TeraDesk sta girando su ColdFire

ottimizzato alla massima velocitù su prototipo Firebee:Gli stessi binari sono eseguibili su 68020 e superiori: Sia QHCC che TeraDesk sono pubblicati come progetti Open Source:

Qui potete vedere una foto del 21 Maggio 2010 con il TeraDesk ottimizzato per il ColdFire V4e che gira su uno dei nostri prototipi.


17/05/2010 La prima serie di Firebee è ora in produzione!

Poche settimane fa abbiamo mandato l'ordine alla nostra compagnia manifatturiera di avviare la produzione della prima serie di Computer FireBee. La compagnia assemblatrice ha risposto con esito positivo circa la fornitura di parti. Tutte le parti arriveranno in Svizzera per il 4 Giugno. Ancora, i multilayer PCB saranno prodotti per allora. Il 7 Giugno la Medusa Computer System supervisionerà le schede e la realizzazione sul luogo, una volta di più direttamente presso la compagnia assemblatrice. Cominciando dall'8 Giugno, la prima serie FireBee andrà in produzione. Successivamente, avremo bisogno di altre settimane per implementare il software.

Spediremo agli sviluppatori e a coloro che hanno alte cognizioni tecniche, che hanno prenotato, il più presto possibile. A tutti gli altri utilizzatori finali sarà mandato entro la seconda metà del 2010. Ancora una volta, noi vogliamo esplicitamente ringraziare tutti quanti voi che già dall'Agosto 2009, col vostro duro investimento, avete reso possibile il nuovo Atari-compatibile, e quindi ne avete reso altrettanto possibile la produzione. Ci avete dimostrato di volerne portare avanti lo sviluppo con noi.

La prima serie di computerFireBee è ancora disponibile per 599 Euro sul nostro sito.


22/04/2010 Aggiornamento sullo stato dei prototipi

  • La Flash-Rom è pienamente funzionante. EmuTOS e FireTOS is basically bootable.
  • Il connettore BDM è stato testato ed è funzionante.
  • Il processore Coldfire è operativo.
  • il Bus PCI è stato testato ed è funzionante (Nec), il "Direct Edge" è ancora da testare.
  • La Ram funziona perfettamente, tutti i 512 MB sono accessibili dal TOS.
  • IDE/Compact Flash ora funziona, ok i driver, ok il boot di TeraDesk da CompatFlash.
  • La porta ROM funziona.
  • L'AC'97 funziona. Al momento è possibile inviare il suono dell'ST dall'YM-2149 all'AC'97, unirlo ad una qualsiasi altra sorgente e inviare il mix al Sound-Out o all'Audio-Out (onboard).
  • Il Floppy disk drive funziona, dopo un notevole lavoro. Al momento è supportato solo il formato HD. Wolfgang Förster e Fredi Aschwanden risolveranno il problema dei timing nel FPGA in modo che possa essere utilizzato anche il formato DD.
  • La porta Game è rilevata e connessa correttamente.
  • Akku funziona (incluso il caricamento dell'elettronica).
  • La porta PS/2 è rilevata, ma al momento non è presente alcun software PIC, per cui non è stata testata.
  • Il connettore per la tastiera Atari funziona (lo sviluppo avviene con tastiere e mouseoriginali Atari).
  • Gli ingressi Sound IN/Sound OUT sono stati testati e funzionano correttamente (vedi AC'97).
  • La porta seriale ad alta velocità è stata testata ed è ok.
  • I 128MB di video e special RAM sono accessibili ed utilizzabili correttamente dal FPGA.
  • Il FPGA funziona correttamente; i chip Atari già implementati sono: MFP, ACIA, Ajax, YM-2149, Glue, SCSI, Videl. Il sistema grafico è configurato con 4 diverse modalità (tutte le risoluzioni di ST, TT e Falcon le nuove specifiche dell'ACP). E' già possibile passare da una modalità all'altra mentre il computer è in funzione. Il DSP e il Blitter al momento mancano.
  • L'interfaccia DVI funziona. Sia la connessione DVI sia quella analogica sono state testate e funzionano molto bene.
  • Anche la porta Ethernet funziona e alcune funzionalità di rete sono già possibili con FireTOS.
  • L'SD-Card funziona senza il FPGA, questo significa che potrebbe essere possibile usare l'SD-card per fare il flash della ROM.
  • Tutti i 6 connettori USB (4 esterni, 1 interno o interno via connecting plug) sono stati testati e funzionano bene. Dispositivi di input e memorie di massa USB sono già funzionanti in FireTOS.
  • Tutte le altre interfacce sono connesse al FPGA e pertanto non c'è bisogno di test approfonditi, i pins possono essere cambiati via software. La maggior parte della rimanenti interfacce sono state misurate "solo" una volta.
  • Consumi elettrici. I prototipi al momento funzionano a pieno potere. Tutte le componneti ricevono la massima energia possibile e i primi test hanno mostrato che la scheda madre richiede 12 Watts. Riteniamo che sia possibile ridurre sensibilmente i consumi spegnendo via software le parti non in uso e ottimizzando la configurazione del FPGA. Sembra però che non saremo mai in grado di raggiungere i 3 Watts ipotizzati lo scorso anno.
  • Convertitori DC/DC. I convertitori DC/DC sono stati cambiati. La documentazione del precedente modello era errata, cosa che ha condotto alla "morte" di uno dei prototipi, in quanto un pin che non doveva essere connesso era indicato come "GND"; inoltre anche gli altri convertitori hanno dato problemi. Abbiamo quindi sostituito tutti i convertitori DC/DC (sono necessari 7 differenti voltaggi) con il Nec LM2854. L'operazione è stata condotta a mano su uno dei nostri prototipi senza danneggiare la scheda e i test con i NEC sono andati alla grande! Pertanto la serie sarà prodotta con i nuovi convertitori.
La scheda madre è pronta per la produzione della prima serie. Devono essere fatti alcuni piccoli cambiamenti nel layout delle vie di connessione, in quanto alcune sono troppo vicine tra loro per la produzione in serie (cosa non troppo delicata per i tre prototipi). La fabbrica ha già cominciato ad ordinare le componenti necessarie e a breve sarà fatto l'ordine finale della prima serie.


19/03/2010 Frank Neumann ci ha lasciato

Abbiamo ricevuto oggi la triste notizia che il nostro co-sviluppatore Frank Neumann è deceduto il 12 Marzo 2010. Frank era ben noto per il suo brillante lavoro con FreeMiNT a quasi qualsiasi persona nella comunità Atari. Sosteneva il Progetto Atari Coldfire sin dall'inizio e voleva dare aiuto con l'ottimizzazione del software per il nostro nuovo computer. La comunità Atari adottò l' idea dell'Open Source principalmente per mezzo della generosa abilità di Frank Neumann.Ora spetta ad altri continuare il suo lavoro, che è stato reso possibile dalla visione di Frank. Comunque vi sarà un grande vuoto entro la ristretta comunità Atari per via della sua incredibile conoscenza e comprensione del Sistema Operativo Atari.

Frank ci ha lasciato troppo presto, alla davvero troppo giovane età di 34 anni. Nella comunità Atari si era fatto un nome e non sarà dimenticato, dato che ogni macchina all' avvio ancora ben mostrerà il suo nome nel futuro. Frank mancherà a molti. Anche il Progetto Atari Coldfire ha perso un membro di eccezionale sapere.

Il nostro pensiero e compianto va alla sua famiglia e ai suoi amici intimi.


01/03/2010 Il nome ufficiale

Siamo orgogliosi di annuciare che la comunità ha scelto il nome del nostro computer. Da adesso in poi Firebee sarà il nome ufficiale del nostro hardware.


23/02/2010 Passaggio ad un nuovo sistema di voto

Il sistema di voto che abbiamo utilizzato fino ad ora non è il migliore, come riconosciuto da numerose persone. Ecco perché il team ha deciso di passare ad un sistema che prevede anche una conferma via mail, per rendere più difficile votare centinaia di volte il nome preferito! ;)

La scadenza per votare il nome del nostro nuovo computer è quindi prorogata al 28 febbraio. Per favore votate nuovamente per il vostro favorito. Stavolta dovrete dare conferma via e-mail affinchè la vostra preferenza venga convalidata. Il nome ufficiale sarà pubblicato l'1 di marzo.

Gli indirizzi e-mail saranno utilizzati esclusivamente per verificare il voto. Ultimate le votazioni saranno tutti cancellati e non ne resterà traccia nei nostri archivi.

Ci scusiamo per l'inconveniente!


11/02/2010 La votazione - Fino al 20 Febbraio

Sta diventando una cosa seria: ora avete la possibilità di votare una delle 10 seguenti proposte che ci sono arrivate dalla comunità per scegliere il nome che preferite per l'imminente computer compatibile Atari sviluppato dall'ACP. Ognuno di voi ha un solo voto da attribuire al nome che preferite. Per prima cosa vi presentiamo tutte le nominations. Di seguito potrete votare cliccando sul corrispondente link.

Saranno validi i voti espressi fino alle 23:59 del 20 Febbraio. Il 21 febbraio sarà presentato il nome ufficiale con cui il computer sarà prodotto. Ecco le opzioni:

  • Avatari
    Interessati alla palingenesi? Il computer sarà una manifestazione divina, che sta prendendo forma, oppure qualcuno ci ha "semplicemente" inviato la forza per poter compiere una missione particolare. Avatari deriva da Avatar, che -nella mitologia indiana- significa la manifestazione di una divinità in forma di persona. In questo caso la reincarnazione degli Atari, il dio degli Atariani.

  • Benu
    O una resurrezione dalle proprie ceneri? Nell'antico Egitto gli uomini vedevano al tramonto un Falco (Falcon;), nato al sorgere del sole come airone. Pertanto è stato indicato Benu, il nome di un antico dio egizio degli inferi, ma anche l'anima del dio del sole Ra. Il mito narra che ogni diverse centinaia di anni, un Falco viene incenerito al sorgere del sole, per risorgere dalle sue ceneri e volare in alto verso il cielo.

  • Blue Kea 7454
    Le caratteristiche da mettere in evidenza sono: velocità, intelligenza, versatilità e bassi consumi. Il Kea, un pappagallo della Nuova Zelanda, è uno degli uccelli più intelligenti e senza dubbio il migliore utilizzatore di attrezzi e i più esperti in meccanica. Si dice che, se avete bisogno di smontare una macchina, basta che la parcheggiate vicino a una colonia di questi uccelli e una settimana più tardi potrete raccogliere i pezzi. Inoltre, il Kea è stato ampiamente cacciato, in quanto questo uccello delle dimensioni di uno stormo, caccia ed uccide le pecore. Un animale intlligente e versatile!

  • Caribou
    I Caribù sono impetuosi animali della famiglia dei cervi. A partire circa dal 1000 a.c. questi resistenti animali sono stati utilizzati dagli uomini dell'estremo nord, tuttavia se ne trova un numero maggiore nei grandi spazi aperti che non in allevamento. I Caribù, con i loro 1,4 m, sono più piccoli di mucche e cavalli, ma vengono utilizzati in vari modi, per il trasporto, come animali da tiro e come fonte di carne - a volte solo da alcuni umani! Peculiarità dei Caribù: sono gli unici animali della loro classe che possano essere addomesticati dall'uomo e continuano ad essere allevati e ed utilizzati anche se non in maniera intensiva; inoltre, sono in grado di vivere negli ambienti più freddi. I Caribù tipicamente vivono fino a 15-20 anni ed i loro cuccioli diventano autosufficienti in tempi estremamente brevi.

  • Coldari
    Coldari è il nome interno del nostro progetto per la scheda madre. Già nel dicembre 2008, ancora prima dell'esistenza di un team, Fredi Aschwanden ha avuto questa idea - pur non essendone del tutto sicuro. La scelta del nome giusto è stata sospesa e, con il procedere della storia, il nome Coldari si è in qualche modo affermato. Diverse persone nel frattempo si sono affezionate al nome e alcuni addirittura pensano che sia legato agli ultimi 14 mesi - dopo che tutti i nostri prototipi portano il nome Coldari...

  • Colddream
    Un sogno che si avvera... almeno per alcuni di voi. Nessuno si aspettava che dopo più di 10 anni qualcuno riuscisse a creare di nuovo un computer compatibile compatibile con l'Atari. Una delle caratteristiche rilevanti della nostra scheda madre è la sua bassa temperatura - non utilizza né dissipatori né ventole. Un FuocoFreddo (ColdFire), cosa potremmo dire di più...

  • Firebee
    Non è un rapace ma vola ugualmente! L'ape è probabilmente uno dei simboli per eccellenza che ci connette con i nostri Atari. Se è occupata e viene visualizzata al posto del cursore, rimaniamo in attesa finché l'ape non scompare. Il nostro computer sembrerà un'ape con il fuoco alle calcagna. Un'ape di fuoco (Firebee), difficile da rivedere...

  • FirST v4e
    Il nostro primo computer sarà costruito a breve. È per questo che FirST potrebbe essere una buona scelta. Inoltre questo nome potrebbe ricordare agli utenti il famoso computer ST - o ancora di più un ST infuocato (Fire ST), come l'ape con molto più fuoco dentro. Vedremo sicuramente un computer compatibile Atari con un processore Coldfire ed eseguiremo il nostro software per l'ST con una velocità mai conosciuta prima.

  • Gemhenge
    Qualcosa di "vecchio" e un po' mistico (forse alcune caratteristiche che la maggior parte delle persone non conoscono). Costruito con materiale robusto, per durare per i millenni a venire e resistere a tutto ciò che potrebbe accadere. Un palazzo per il nostro amato GEM - uno Stonehenge per il GEM - giacché le gemme sono pietre e "gem" in danese significa "salvare".

  • TOSfire
    TOS è il nostro sistema operativo. Ci sono ancora persone che amano questo sistema singletasking e la semplicità che offre. Semplicemente, funziona. È per questo che forniremo il computer con una licenza TOS e terremo d'occhio lo sviluppo del nostro sistema operativo di base. Il ColdFire porterà di nuovo molto fuoco al nostro TOS - una macchina TOSfire in garanzia!


10/02/2010 Proposte per il nome

Il Team dell'ACP vuole dire grazie a tutte le persone che hanno contribuito al processo della ricerca del nome per il nostro computer. Complessivamente ci avete mandato 183 proposte, 173 delle quali purtroppo non hanno trovato posto nella lista finale.

Da domani in poi troverete qui le migliori 10 idee ed avrete l'opportunità di votare per scegliere il nome definitivo. L'esclusione della maggior parte delle idee non presenti nella lista finale è dovuta alla presenza di marchi o prodotti già esistenti o all'esistenza di copyright sul nome. E' stato davvero un peccato dover escludere alcune delle proposte, quali "Leningrad", che è un clone dello ZX-Spectrum, "Colibri", esistendo già una scheda Colibri, o "AINA - AINA is no Atari", dato che è anche l'acronimo dell'IEEE International Conference on Advanced Invormation Networking and Applications.

A titolo di informazione, qui potete trovare tutte le proposte che non hanno raggiunto l'ultimo round delle votazioni:

@-R-E, Aarcti, Aarctic, AartiC, Aarctik, Aarctiq, Abroad, ACF 5400, ACM - Atari Coldfire Machine, ACP, ACP 1, ACP 010, ACP 474 ST, ACP 512, ACP-700, ACP 2010, ACP BEE-EATER 010, ACP BEE-EATER 2010, ACP BEE-FORTRESS 010, ACP BEE-FORTRESS 2010, ACP Cold ST, ACP Cougar, ACP Falcon Pro III, ACP Fire ST, ACP Hellfire, ACP Kea, ACP Koldbrann, ACP ONE, ACP ULTOS M 010, ACP ULTOS M 2010, ACP ULTOS 010, ACP ULTOS 2010, AINA- AINA is no Atari, Alinka, Ataconda, Atacondor, Antarctiqq, Antarcticc, Artic Lava, Artic Magma, Artic Vulcano, Arcticc, Arctiqq, ATARINA, Ataspic, Basilisk, bennu, Blizzard, Bluedream, Catari, CGM Coldfire GEM Machine, CGP Coldfire GEM Project, CCS - ColdfireComputerSystem, Cirata, CLDFRE, Colda, Coldac, Coldak, Coldarko, coldbird, coldboard, coldbox, Coldias, Coldiak, Coldibrik, Coldibriq, Coldic, Coldina, Coldinka, Colfir, Coldfirek, Cold Turkey, Colibri, Coldibri, COLTARI, Coltari Falcon, Comet v4e, Condor, Coolfusion, Cooltari, C/Fire, C-LDA, ACP Critter, Difference, Dream, Dreamfire, Eisvogel, Facepower, Falcon V4e, (acp) firebird, Firebird, (acp) firebox, FireGEM, FreeNet, Frenchfree, Fujiboard, Fujijama, Fujiyama, Gather, GemFire, GigaST, GoC - GEM on Coldfire, Goticc, Harrier, Hawk, (ATARI) HCS - HomeComputerSystem, i@Re, iceDream, Icefuji, Falcon - ColdFire Falcon compatible, iceGEM, Icehawk, Ice Kea 7454, IceTos, iDream, Incendia, I N C I T A R I, IrataC, iSpirit, Kestrel, Kolibric, Kolibrik, Kolibriq, Leningrad, LitleMouse, Malinka, MCS Newera V4e, Medusa Coldfire, Medusa Mintari, Medusa Phoenix CF, Merlin, MILAN CF, Mintari, NATARI, Nectaric, Nectaricc, Nektarik, Nectarin, Nektariq, NetCrasy, Newera, Newera ACP, Newera PCI, Newera V4e, Newera CF, NEXTOS, Nextos, Nixiek, Opening, phoenix, Pixelik, Poeticc, Poetiq, Ppoemm, Ppolarr, P-xyp, Pyro60+, Qotiq, Rainbow, Raptor, Sansan, Sierra, Spirit, Spirit v4e, ST(ultra), te ari, The fabulous Ice machine, The Love Machine, Ukeru, Vulcan, Volcano, Vulkan, Widel, Yleqotiq


31/01/2010 Nuovi sviluppatori

Da quando abbiamo annunciato lo sviluppo dei driver USB il team dell'ACP si è arricchito di nuovi sviluppatori. E' quindi venuto il momento di presentarli ufficialmente. Siamo molto felici di aver potuto accogliere persone che un anno fa non avevano la possibilità di collaborare con noi o che avevano interrotto la propria attività sulla piattaforma Atari. Chi tra di voi conosce la scena Atari riconoscerà la maggior parte dei nomi - parlano da soli!

Come membri del Team diamo il benvenuto a:

  • Alexander Beuscher
  • Olivier Landemarre
  • Bernhard Pavelka
  • Odd Skancke
  • Jo Even Skarstein
  • David-Harley Strango-Saunders
Come consulenti possiamo ora contare anche su:
  • Thomas Baumgärtner
  • Dirk Klemmt
  • Miro Kropacek
Ovviamente questo non significa che il nostro team di sviluppo sia completo e che tutti i settori siano coperti a sufficienza. C'è ancora molto da fare! Abbiamo ancora bisogno di aiuto, anche in quei campi che non richiedono specifiche competenze nello sviluppo di hardware o software.


21/01/2010 La nostra mainboard

Il seguente poster fornisce una buona visione d'insieme della mainboard. Stampandolo in A3 si otterrà una versione in scala 1:1 del nostro hardware. Una precedente versione è stata presentata per la prima volta all'Eurocon in Vienna e, successivamente, al Chaos Communication Congress (26C3) in Berlino.

OriginalboardIT.pdf

Dato che la domanda è stata posta più volte, il prezzo definitivo della mainboard è di Euro 599 (+ IVA, + spese di spedizione) e la sua produzione è assicurata. L'hardware sarà costruito da Medusa Computer Systems (Svizzera), che fornirà anche una normale garanzia. I preordini sono stati possibili a partire da metà 2009 via mail ufficiale del nostro progetto.


07/01/2010 Nome del computer

Abbiamo stabilito di lasciar decidere alla comunità Atari il nome per il nostro computer. Attualmente il nome che utilizziamo è "Coldari", non particolarmente gradito da alcune persone. Vogliamo pertanto che siate voi a trovare il nome giusto - voi che ci avete sostenuto e contattato per suggerimenti e richieste durante questo anno.

Proponiamo un ampio dibattito su Atari-Home.de, Atari-Forum.com e nella nostra mailing list. Vichiediamo di mandare le vostre idee a "acpinfo at atari dot org" entro il 31 gennaio 2010. Il team (che al momento è arrivato a contare 37 membri) scglierà la 10 migliori proposte e ne verificherà la possibilità di utilizzo. Sarà quindi indetta una votazione entro il 20 febbraio 2010 per assegnare il nome definitivo.

Vi preghiamo di fare attenzione ai trademark. "Atari 2010", "New Falcon" o "Microsoftkiller" saranno immediatamente scartati.

Il 21 febbraio battezzeremo il computer con il suo nome ufficiale da voi scelto e con cui sarà prodotto. Ci asterremo comunque dal lanciare un bottiglione di Champaigne contro uno dei prototipi!

Inviate numerosi le vostre idee...


24/12/2009 Zoomata dentro il ColdFire

Come il nome implica, il cuore del computer ACP sarà un microprocessore ColdFire. Abbiamo scelto il modello MCF5474, che è il più veloce. La famiglia di processori ColdFire è disegnata e prodotta dalla Freescale Semiconductor, la consociata di Motorola per i semiconduttori. Il chip ColdFire non è solo una CPU (come era la famiglia 680x0), esso è effettivamente un semiconduttore.Una quantità di utili controllers addizionali è costruita direttamente entro il chip ColdFire. Essi sono direttamente utilizzabili sul nostro computer, fornendo un davvero elevato livello di integrazione. Ecco perché il ColdFire è la miglior scelta per disegnare un moderno computer Atari-compatibile.

- CPU 266 MHz Il componente principale del MCF5474 è un ColdFire V4e Core. E' molto simile alla famiglia 680X0,ma non pienamente compatibile. Fondamentalmente, alcune istruzioni e modalità di indirizzamento complesse o raramente usate sono state rimosse. Pertanto il ColdFire è più semplice ed economico di qualsiasi CPU 680x0, pur essendo molto più veloce. Con un software addizionale di livello leggero, la CPU ColdFire può esser resa compatibile con i programmi 680x0 esistenti.

- FPU La Unità a Virgola Mobile è il coprocessore matematico. Quando in uso, essa fornisce una grande velocità ulteriore usando funzioni di calcolo intensive. La FPU ColdFire è simile alla 68881, ma ha limitazioni nel set di istruzioni e nelle modalità di indirizzamento, come la CPU.

- MMU La Unità di Gestione della Memoria può essere usata per fornire Memoria Virtuale o protezione di memoria tra due differenti processi che stanno girando su di un sistema operativo.

-Cache 32 KB x 2 La cache ColdFire è divisa in una cache a 32 KB di istruzioni e in una cache a 32 KB di dati. L'uso delle caches accresce grandemente la velocità della CPU, ottimizzando gli accessi alla memoria esterna.

- SRAM 32 KB La RAM Statica è una memoria ad alta velocità posta dentro il ColdFire. E' richiesta per i trasferimenti DMA, ma può anche essere utilizzata per qualsiasi altro scopo quando sia richiesta un prestazione elevata .

- EMAC unit L'Unità Potenziata di Accumulazioe Multipla è un'unità simil-DSP che supporta operazioni integrali e a virgola fissa. Può essere usata per accelerare taluni specifici processi quali la compressione di immagini.

- PCI controller Il bus PCI è divenuto lo standard per le schede di estensione nei computer desktop. Il ColdFire ha un supporto per controllare le periferiche PCI. Ciò permette l'utilizzo delle centinaia di schede PCI disponibili sul mercato. Ovviamente specifici drivers dovranno venir sviluppati per ogni card PCI.

- Controller DDR-SDRAM Il ColdFire può lavorare con SDRAM DDR esterne, per prestazioni eccellenti. La scheda ACP ha 512 MB di SDRAM DDR costruiti internamente.

- Controller interruttore. Il controller interruttore inserito può essere comparato con il MFP 68901, ma molto più flessibile e potente. Esso può utilizzare fino a 63 sorgenti di interruzione con uno specifico vettore di interruzione per ciascuna sorgente.

- Timers. 4 Timers per Scopi Generici (GPT) e 2 Timers Porzionatori (SLT) sono disponibili. Essi sono comparabili ai Timers A/B/C/D del MFP 68901, ma più configurabili.

- Controller ad Alta Velocità RS-232. Il Controller Programmabile Seriale inserito (PSC) può essere configurato come un'interfaccia RS-232 per trasferimenti ad alta velocità, compresi quelli a 115200 bps.

-Controller Ethernet 10/100. Un Controller Ethernet standard è inserito direttamente dentro il processore. Ciò permette una connessione istantanea alla rete locale e a Internet.

- Interfacce BDM / JTAG. Queste interfacce di debug possono essere usate con debuggers hardware o con software esterno per monitorare l'attività della CPU o per osservare le EEPROM. Come avete visto, il chip ColdFire MCF 5474 contiene un incredibile elenco di componenti utili, e ce ne sono perfino di più. La documentazione completa è disponibile al sito Freescale: MCF5475RM.pdf.


11/12/2009 Prima applicazione GEM funzionante
Abbiamo or ora abilitato il floppy drive sul nostro prototipo. Ciò significa che ora siamo in grado di far girare programmi ColdFire esterni. Questo è il primo. Esso è una piccola applicazione di test GEM che mostra un box di allerta. Il computer ACP così diventa utilizzabile: ciò apre la porta ad una schiera di nuovi programmi di prova.


26/11/2009 L'SDL è stato adattato alla nostra macchina

Intorno alla metà di novembre Patrice Mandin ha pubblicato una nuova versione di SDL. Questa versione 1.2,14 è la prima contenente il supporto ColdFire allo scopo di renderlo capace di girare col nostro ColdFire. Noi siamo grandemente deliziati per questo in quanto Patrice non è in alcun modo associato all'Atari ColdFire Project, e il Simple DirectMedia Layer sarà la prima applicazione esterna a supportare il nostro computer.

Questo supporto mostra - benché sia dovuto teoricamente a penuria di macchine per test - che noi possiamo contare su una larga accettazione tra i circoli dei programmatori e che la nostra iniziativa è un ulteriore buon modo di migliorare la situazione nel settore Atari a 16/32 bit. Noi speriamo di vedere numerosi casi di ottimizzazione di programmi nei prossimi mesi, compreso qualcuno al di fuori dell'area open source.

Ulteriori notizie su SDL in Patrice's web pages.


18/11/2009 Stato del Prototipo e primo Emulatore TOS sempli

Dalla fine di ottobre stiamo lavorando al prototipo. Quanto segue è stato testato e funziona:

  • Accensione e carica batterie
  • PIC18F5420 (Controllo di accensione)
  • MCF5474 (il LED lampeggia)
  • Flash
  • DDRAM (test di memoria diagnostica dell'hardware superato)
  • Programmazione FPGA (il LED lampeggia)
  • La DDR-RAM Video (dichiara tempi di attesa 0!!) è in funzione e testataed ha superato il test diagnostico dell'hardware
  • TFP410 e DVI sono testati e funzionanti.La qualità dell'immagine sembra buona
  • La SRAM per il FPGA ha superato il test diagnosico dell'hardware
  • Il PCI è funzionante e il Chip USB è stato rilevato..
Programmazione FPG
  • Il video è lfunzionante e testato sui 1680 x 1050, 167 MHz ed è OK. La qualità dell'immagine sembra buona
  • Il prossimo passo sarà di implementare I "chips Falcon" nell'FPGA.
Ieri siamo stati in grado di avviare per la prima volta una versione semplificata di EmuTOS, usando solo il VIDEL come uscita video.L'uso di altro hardware Atari (tastiera inclusa) è stato disabilitato per gli scopi del test. I componenti saranno abilitati uno ad uno nei prossimi giorni, per individuare facilmente e correggere eventuali errori passopasso.


27/10/2009 Progressi dell'audio

Da Luglio Didier è in possesso di un codec AC'97, che utilizzeremo sul nostro computer, saldato alla sua Scheda di Valutazione Coldfire. Scrivere il driver completo consta di 3 parti: l'XBIOS, il driver MCF547X/548X e il driver AC97. L'XBIOS è stato relativamente facile da implementare, basandosi su MagicSound (Aranym/MagiCmac), e quindi è pronto; usa gli stessi Nomi di Controllo di Linux per la compatibilità con l'ac 97_codec.c. Relativamente al codec dell'AC'97 sono stati utilizzati sorgenti Linux "azzerati", il che richiede parecchi aggiustamenti. I problemi di collegamento con il Coldfire (problemi di scrittura, reset dei registri) sono attualmente in corso di risoluzione.

L'XBIOS è compatibile con il software MilanBlaster/GSXB e permette di selzionare ciascuna sorgente: AUX (PSG sul Coldari), CD, LINE, MIC, ma anche FM (Beep del PC), e VIDEO.

La lista delle frequenze native dell'AC97 comprende: 8000 Hz, 11025 Hz, 16000 Hz, 22050 HZ, 32000 Hz, 44100 Hz e 48000 Hz.

Inoltre il driver per il LynxEM (chip grafico delle schede di valutazione montato su bus PCI) è pressoché pronto. Il test e le correzioni di questo driver avranno luogo nelle prossime settimane. Ora è quindi possibile usare le EVB con la grafica integrata e senza bisogno di una Radeon. Potete sempre seguire i progressi di Didier su questa pagina.

In quest'immagine vedete il risultato di un enorme lavoro di saldatura a mano di un codec AC' 97 su una Scheda di Valutazione Coldfire. Didier ha aggiunto un'uscita audio minijack sulla sinistra tra le porte Ethernet e RS-232.


08/10/2009 I prototipi sono arrivato





Picture 1 (high quality)

Picture 2 (high quality)

Picture 3 (high quality)

Picture 4 (high quality)

Picture 5 (high quality)


05/10/2009 Schede di valutazione ColdFire (EVB) a prezzo scontato

Mark, un membro del nostro team, ha stabilito dei contatti per una fornitura di schede di valutazione ColdFire (EVB) davvero molto economica. Abbiamo la disponibilità complessivamente di 20 esemplari di EVB M5485, da acquistare al prezzo di 125 USD ciascuno. Il prezzo di vendita originale è di 850 dollari. Sarà così possibile cominciare immediatamente (prima che il nostro progetto raggiunga la produzione in serie) l'adattamento e, sopratutto, i test del software per il processore Coldfire. Gli sviluppatori, specialmente quelli che si occupano della manutenzione dei programmi o che non fanno parte dell'Atari Coldfire Project, dovrebbe cogliere questa opportunità. Chi desideri ordinare una Scheda di Valutazione per 125 dollari, dovrebbe contattarci il più presto possibile. Per questa scheda di valutazione Didier ha adattato FireTOS e vi si può già istallare MiNT. Chi ne vuole una? Per quei programmatori che non sono così abili con l'hardware, Mark offre la possibilità di realizzare macchine di sviluppo ColdFire pronte all'uso. Esse saranno formate da una M5485 EVB, una delle più veloci schede Coldfire disponibili, una scheda Eiffel (CAN-Bus) per utilizzare tastiera e mouse PS/2, una scheda grafica Radeon, e una Compact-Flash. Anche HD Driver, FireTOS e MiNT saranno precaricati e configurati. Questa EVB già pronta, che costerà 500 USD, presenta le seguenti caratteristiche:

16MB Boot flash
64MB SDRAM (non espandibile)
2 slots PCI (1 usabile facilmente)
Real time clock
IRDA
2 porte Ethernet 10/100Mbit
Host USB ad alta velocità + 4 porte USB
1 porta USB client
2 porte ISA (per possibile uso futuro)
Controller video onboard (Lynx)
Serial null modem console cable
Cavo parallelo BDM

Per specifiche dettagliate e per le immagini vi raccomandiamo il sito Freescale del prodotto .

Didier sta attualmente lavorando ad un driver per il Lynx EM (chip grafico PCI - saldato sulle EVB) e prevede di finire di scriverlo in alcune settimane. Potete contattatare Piku direttamente al sito http://www.atari-source.org/ oppure al nostro indirizzo di posta elettronica acpinfo (at) atari.org


18/09/2009 Iniziato lo sviluppo del driver USB

Come parecchie volte riportato, noi ci aspettavamo che lo sviluppo del driver USB sarebbe stato uno dei compiti più impegnativi per il nostro imminente progetto. Oggi ci piacerebbe informarvi sulla nostra iniziativa e su tutto quanto sin qui accaduto riguardo l'USB.

Da circa tre mesi abbiamo un nuovo membro del team - Sascha Heinisch. Sascha ha deciso, dopo un breve tempo nell'ACP, di diventare curatore del generale progetto USB per Atari. Insieme con David Galvez egli forma un ristretto team che realizzerà lo sviluppo del driver a lungo termine, con la supervisione del resto del team. Il quale è, come è ovvio, aperto ad ulteriori persone. Noi particolarmente apprezzeremmo l'apporto di coloro che già da tempo hanno fatto della programmazione USB sull'Atari, e che non siamo riusciti a contattare nelle ultime settimane!

La lunga strada:

Al presente il team familiarizza con lo sviluppo del driver di basso livello secondo le specifiche OHCI ed EHCI. Il chip da noi usato è un'ulteriore parte bisognosa di ampio adattamento vocazionale. Oltre le tappe preliminari dall'interno della comunità Atari, ci sono due guide disponibili per noi:

1): Un driver Linux GPL per il NEC µPD720101. Poiché il Nec è usato con molte cards PC-USB, e anche il nostro chip sarà collegato via PCI-bus, nulla vieta di utilizzare qualsiasi card USB con il NEC µPD720101 sotto Aranym per poter iniziare subito lo sviluppo del driver.

2): La pila Poseidon per Amiga che è stata liberalizzata dal 27/08/09 (la pila è stata acquistata dalla comunità per Aros, e ora viene rilasciata sotto libera licenza Aros). Amichevoli rapporti sono stati stabiliti con il suo progammatore e precedente proprietario Chris Hodges.

Non per ultimo noi abbiamo potuto imparare qualcosa dalla scena 8-bit e utilizzare ragionevoli soluzioni da http://microusb.org/ L'ACP è preparato per uno sviluppo veramente di lungo termine. Per chiarire quanto ciò significa: noi ci aspettiamo la Periferica di Ingresso USB e la Memorizzazione di Massa USB non prima dell'estate 2010. Di conseguenza lo sviluppo può aver luogo ad un livello che può esser mantenuto per un lungo termpo.

Il nostro chip: contrariamente a quanto dapprima annunciato - che ci sarebbe piaciuto usare lo ISP1536 - noi abbiamo dovuto rapidamente riorganizzarci, in quanto il chip non viene più consegnato.Comunque noi pensiamo che il 95% dei nostri futuri sviluppi sarà fruibile per tutti i progetti Atari con USB e influenzerà il suo uso su tutta la piattaforma. Noi pensiamo a EtherNat, CTLink, NetUSBee e Suska, per le quali non esiste ancora pila USB. Tutti questi progetti dovrebbero, con piccoli adattamenti, trarre vantaggio dai nostri sviluppi Open Source.

Insieme: tutti coloro i quali abbiano piacere di prendere un ruolo di lunga durata nel progetto ACP sono. come sempre, chiamati a farsi conoscere e a supportare il team - eventualmente anche con piccole donazioni! Insieme molte cose si possono fare più facilmente, è semplicemente imperativo che noi ci si organizzi in modo efficace.


03/09/2009 Nuove fotografie.

Per soddisfare la vostra curiosità, in attesa dell'arrivo dei prototipi, eccovi alcune immagini dello schema cartaceo su cui sono stati posizionati i vari componenti. Si tratta dell'ultima versione dello schema, che è stata inviata in fabbrica per la produzione.




fotografie (2,9MB high quality)




fotografie (1,7 MB high quality)




fotografie (2,0 MB high quality)


27/08/2009 Canzone ufficiale dell'Atari Coldfire Project.

Siamo orgogliosi di annunciare la canzone ufficiale dell'Atari Coldfire Project, prodotta da Neo Bechstein nel luglio 2009. La voce "Atari Coldfire" è stata generata con STSpeech su un 1040 ST e la musica è stata registrata su un Falcon. Lo ringraziamo per i suoi sforzi di supportare il nostro progetto con questa iniziativa. Vogliamo così mostrare che ci sono molte possibilità di supportare il nostro progetto.

Neo Bechstein - Atari Coldfire Project.mp3 (21MB)
Neo Bechstein - Atari Coldfire Project.ogg (14MB high quality)
Neo Bechstein - Atari Coldfire Project.ogg (7MB low quality)


06/08/2009 Schema & Co.

Oggi abbiamo in serbo per voi il diagramma di assembliaggio e lo schema della nostra scheda madre. Di seguito potete scaricare la nostra quinta revisione, così come è stata inviata all'assemblatore per la produzione del prototipo.

Diagramma di assemblaggio
Schema


05/08/2009 Ordinati i prototipi

Il 4 di agosto abbiamo ordinato tre prototipi del nostro nuovo computer ColdFire. Si tratta della revisione 0.98 della nostra scheda madre con un connettore DVI ridisegnato e altri cambiamenti minori. La scheda dovrebbe arrivare entro 6 settimane circa a Medusa Computer Systems in Svizzera. Le persone che hanno preordinato si preparino, per favore, per il pagamento anticipato. L'ordine dei prototipi significa: il computer sarà costruito!


28/07/2009 Disponibile Suska III-C

Notizia molto importante, anche se non direttamente correlata all'ACP: la scheda madre Suska III-C è ora disponibile. Si tratta di un Clone dell'Atari-ST(e), con in più tutte le moderne connessioni. E' prodotta da Wolfgang Förster, membro anche dell'ACP. Questa scheda madre è stata realizzata principalmente da Wolfgang con un lavoro durato più di cinque anni (!). Tutti i chip specifici dell'Atari sono stati ridisegnati tramite reverse-engineering per essere configurabili in VHDL ed essere utilizzati in un moderno FPGA. In questo modo abbiamo tutti i chip custom disponibili come configurazioni open source per realizzare altri computers compatibili con l'Atari. Per di più a gennaio Wolfgang ha accettato di diventare membro dell'ACP e di aiutare Fredi Aschwanden nello sviluppo dell'hardware. La scheda madre ACP relativamente alla parte inerente all'FPGA è sostanzialmente basata sul core VHDL freeware sviluppato per la scheda madre Suska. Vogliamo quindi evidenziare il fatto che la scheda madre Suska è pronta e che per la prima volta da dieci anni a questa parte abbiamo disponibile un nuovo computer compatibile con l'Atari. La scheda madre Suska è un sostituto estremamente compatibile per i nostri Atari ST(e), che potrebbe essere interessante per coloro ai quali piace giocare con vecchi giochi o demo originali. La scheda madre Suska III-C è fin da adesso disponibile direttamente da Inventronic al prezzo di Euro 619,00 (IVA inclusa).

Ci fa piacere rassicurare che non vediamo i nostri progetti in competizione tra loro. Infatti l'imponente lavoro fatto per la scheda madre Suska contribuisce ad un rapido sviluppo dell'ACP. Le schede madri Suska e ACP rispondono a esigenze diverse e siamo orgogliosi del fatto che la nostra amata piattaforma compatibile con il TOS avrà presto disponibile un secondo computer.

http://experiment-s.de/en
http://shop.inventronik.de/store


20/07/2009 EmuTOS: dimostrazione di fattibilità

Vincent Rivière è stato in grado di far girare EmuTOS sulla M5484LITE Board in modalità testuale. Ha disabilitato l'AES, in modo che faccia il boot in EmuCON, la console iniziale. L'I/O della console è reindirizzato alla porta seriale della scheda ColdFire. In questo modo con un qualsiasi emulatore di terminale, possiamo digitare i comandi e vedere il risutato. Da sottolineare che questa versione di EmuTOS è interamente nativa per ColdFire e non contiene alcuna emulazione di codice 680x0. Al momento EmuTOS si carica istantaneamente e la velocità di visualizzazione è limitata soltanto dalla porta seriale.

Vincent ha anche implementato una ramdisk per far girare alcuni programmi per il TOS su ColdFire. Sta inoltre integrando in maniera pulitail supporto per i processori ColdFire nella repository ufficiale del CVS di EmuTOS, con l'aiuto degli sviluppatori di EmuTOS. In questo modo, dopo il FireTOS (il TOS 4.04 patchato) di Didier Méquignon, questo è il secondo OS Atari a girare su processori ColdFire.

In questa immagine potete vedere un emulatore di terminale che gira su un altro computer, connesso alla mainboard ColdFire attraverso un cavo RS-232. Il file emutos2.sre, contenente le EmuTOS ed i dati della ramdisk, è scaricato nella scheda attraverso una connessione Ethernet via protocol TFTP. Quindi EmuTOS può avviarsi e accedere alla ramdisk attraverso il drive A:. Questo OS al momento può far girare solo programmi nativi per ColdFire (ad esempio quelli compilati con GCC e la MiNTLib per ColdFire); in seguito sarà aggiunto un layer di emulazione addizionale per far girare programmi standard per 680x0.


12/07/2009 Trasferimenti di hardware

Il lavoro sta progredendo continuativamente. Recentemente all'interno del nostro team sono avvenuti parecchi trasferimenti di hardware.

Fredi Aschwanden ha ricevuto un campione del nostro Codec AC'97 e lo ha inviato a Didier Méquignon. Didier lo ha connesso alla sua ColdFire evaluation board e sta al momento lavorando al lato software. Markus Fichtenbauer ha inviato un NetUSBee a Sascha Heinisch.

Olivier Landemarre ha inviato la sua ColdFire evaluation board - che aveva avuto da Mark Duckworth - a Vincent Rivière, cosa di cui lo ringraziamo sentitamente. Vincent ha ricevuto anche un adattatore Eiffel da Alan Hourihane, così da poter usare tastiera e mouse PS/2 con la scheda. Da ora in poi sarà in grado di fare esperimenti sul vero hardware, per una migliore comprensione del processore ColdFire. Inoltre sta anche eseguendo il porting di EmuTOS per ColdFire e la maggior parte del lavoro è già stata portata a termine.


12/06/2009 Caratteristiche tecniche

Caratteristiche tecniche del previsto computer basato su processore ColdFire

acptechEN1.pdf


07/06/2009 MiNTLib pronta per ColdFire e un nuovo membro

Vincent Rivière ha terminato il porting della MiNTLib su ColdFire e il suo lavoro è stato incluso nei sorgenti ufficiali. I primi test sulla Scheda M5484LITE hanno mostrato che funziona perfettamente sotto TOS. Subito a seguire, ha pubblicato una nuova versione del suo cross-compilatore GCC 4.4.0 con supporto completo per ColdFire, incluse le librerie MiNTLib, math e GEMLib. Questo compilatore può essere utilizzato da subito per produrre programmi nativi per TOS su ColdFire, che saranno eseguiti alla massima velocità sul nostro nuovo computer. Il cross-compilatore è disponibile sulla pagina web di Vincent: http://vincent.riviere.free.fr/soft/m68k-atari-mint/

Dima Sobolev da St. Pietroburgo/Russia si è unito all'ACP. Dima è ben conosciuto dagli utilizzatori di STeem e TeraDesk ed ha anche tradotto in Russo il TOS 2.06. Quindi da ora in poi abbiamo un responsabile per le traduzioni dall'inglese al russo e per la localizzazione del TOS. Il lavoro di Dima rinvigorirà il mondo Atari da "Kaliningrad" a "Vladivostok" e permetterà agli utilizzatori russi di macchine Atari di fruire dei nostri più recenti sviluppi. Abbiamo quindi acquisito un nuovo importante membro del team con una grande esperienza complessiva nella localizzazione del TOS.


23/05/2009 TOS, MiNT e DVI

Didier Méquignon ha adattato Firetos (la sua versione del TOS 4.04 già adattata per CT60) alla nostro nuovo hardware. Grazie al suo grande lavoro, ci aspettiamo di poter avviare la nostra nuova scheda non appena i prototipi saranno disponibili. Questo lavoro -incluso l'adattamento di quanto già fatto per ColdFire- è stato possibile grazie alla grande esperienza che Didier ha maturato con la M5484LITE board fin dal 2006.

Vincent Rivière sta attualmente adattando la MiNTLib così che possa essere ricompilata per il processore ColdFire, in modo da produrre eseguibili completamente nativi per tale processore che gireranno a piena velocità sul nostro computer. Si aspetta di poratre a termine presto il suo lavoro.

Per finire, dopo una discussione sul forum di Atari-Home Fredi Aschwanden ha deciso di aggiornare l'hardware con un connettore DVI-I al posto del connettore VGA originariamente previsto. La maggior parte delle persone che hanno effettuato il preordine gradirebbe vedere il nostro computer fornito con la possibilità sia della connessione VGA che di quella DVI e sono anche disposti a spendere di più per avere il segnale video digitale. Ad ogni modo, dato che i più vogliono la connessione VGA -come risultato da un rapido sondaggio-, abbiamo deciso di usare la connessione DVI-I con entrambi i segnali, così che sarà possibile usare un adattatore da DVI a VGA. Il lavoro relativo a questo aspetto è già stato avviato.


19/05/2009 Un nuovo ambiente di sviluppo ed una nuova lingua

Nelle ultime settimane, oltre a lavorare sull'hardware, ci siamo occupati di un nuovo ambiente di sviluppo. Gli sviluppatori di vbcc hanno accettato di adattare i target MiNT e TOS del loro ambiente di sviluppo al processore ColdFire V4e. In questo modo molto presto avremo la possibilità di "cross-compilare" su numerose piattaforme diverse, ad esempio AmigaOS/MorphOS, MacOS X etc. vbcc può essere "cross-compilato" senza cambiamenti per ogni piattaforma per cui esista un compilatore Ansi-C. Il team di sviluppo di vbcc correggerà gli ultimi due errori noti relativi al processore ColdFire, dopodiché noi lo testeremo approfonditamente e riporteremo gli eventuali bug, così che possano essere eliminati. Dunque vbcc sarà disponibile per il processore ColdFire e sarà il quarto ambiente di sviluppo a disposizione per il nostro computer.

Inoltre, grazie al supporto ricevuto dalla comunità, oggi con grande piacere annunciamo la versione spagnola delle nostre news. Da ora in poi vi terremo aggiornati sui nostri progressi in cinque lingue diverse. Un sentito ringraziamento va a Victor e David.


12/05/2009 Un nuovo membro si aggiunge al team per i redazionali e le traduzioni

A seguito del nostro appello di ieri per nuovi partecipanti al progetto ACP, Jens Riemann ci ha contattato e offerto il suo aiuto. Jens assumerà da subito incarichi redazionali e di traduzione dal tedesco all'inglese. In più abbiamo bisogno di persone che parlino francese, italiano e spagnolo che siano disponibili ad assumersi un impegno a lungo termineall'interno dell'ACP. Questo permetterebbe di alleggerire gli sviluppatori da questo compito, così che il progetto possa avanzare più velocemente.


11/05/2009 Due dei migliori sviluppatori Atari si sono uniti all'ACP

Didier Méquignon è dei nostri e comincerà a lavorare sulla scheda ColdFire non appena avrà concluso il suo lavoro sul CTPCI (di PowerPhenix). Inizialmente Didier si occuperà del codec AC'97 della scehda, ma ci arricchirà con la sua grande conoscenza generale del processore ColdFire. Perché sia ben chiara l'importanta di questa notizia: Didier ha modificato il TOS 4 per farlo girare su una scheda con ColdFire, ha istallato e fatto girare MiNT sulla sua scheda di sviluppo, ha scritto i driver per le schede video ATI Radeon e possiede uno degli unici due sistemi ColdFire ad ora in funzione. E non è certo tutto qui! Il grande la voro da lui già svolto può essere ammirato al seguente indirizzo: ctpci-e.htm

Anche Lonny Pursell ha accettato di unirsi all'Atari Coldfire Project come membro ufficiale. Come abbiamo già riportato, l'obiettivo di Lonny è quello di rendere il GFA Basic pronto per il processore ColdFire. Le conoscenze di Lonny saranno di grande aiuto per l'intero team e, oltre a lavorare a stretto contatto con il team che si occupa di compilatori (AHCC and GCC), darà il suo contributo consigliando gli sviluppatori relativamente agli aspetti per cui possono essere utili le sue competenze.

Chiunque voglia dare il proprio contributo, in particolare come traduttore o come sviluppatore, sarà il benvenuto!


07/05/2009 Schema semplificato del nostro nuovo computer


05/05/2009 Assicurato il supporto di tutti i più rilevanti ambienti di sviluppo!

GFA-BASIC

Lonny Pursell ha annunciato il supporto per il nuovo computer ColdFire come una delle prime risposte a seguito del nostro annuncio pubblico. Il responsabile dello sviluppo del GFA-BASIC ha avanzato la possibilità di modificare il compilatore e le librerie del GFA-BASIC così che possa generare applicazioni native per ColdFire. Quando riuscirà nell'impresa, allora sarà possibile ricompilare semplicemente le applicazioni esistenti, pronte ad operare con velocità migliorata sulla nuova macchina. Lonney Pursell ha dichiarato di essere disponibile a lavorare duramente, come probabilmente sarà necessario fare, se la macchina sarà rilasciata. Ha anche esplicitamente approvato la nostra decisione relativa al processore scelto per il futuro sviluppo della piattaforma Atari ST.

Ha detto: "Mi piacerebbe ancora vedere una bestia di macchina del genere. Però non mi vedreste saltare sul carro dei sostenitori se si trattasse di un qualunque altro processore. [....] Io vedo il ColdFire come un vecchio amico che, magari partito per un lungo viaggio, ritorna leggermente cambiato. Un caldo viso familiare con cui posso parlare con facilità". Potete leggere il messaggio completo nella Mailing List di MiNT.

GCC 4.4.0

GCC 4.4.0 è appena stato rilasciato, Vincent Rivière ha aggiornato le patches per MiNT e generato i binari per Cygwin. Vincent ha attivato il supporto del compilatore per la famiglia ColdFire V4e. Così adesso noi possiamo utilizzare quel cross-compilatore sui sistemi Windows per scrivere il codice d'inizializzazione della nostra scheda madre ColdFire e per verificare la compatibilità di altro software, anche se l'hardware ancora non è disponibile. Dato che le patches del GCC sono indipendenti dalla macchina ospite, i binari del cross-compilatore possono essere ricompilati per ogni sistema operativo supportato dal GCC (il supporto per MacOS X è già stato annunciato da Markus Fröschle). Il vostro aiuto sarà il benvenuto!

Potete trovare le patches di Vincent e i binari a questo indirizzo: m68k-atari-mint tools Vincent ha anche iniziato ad attivare il supporto per ColdFire nelle MiNTLib, valutando che è realizzabile con un lavoro ragionevole. Quando sarà completato, sarà possibile produrre software MiNT/TOS nativo per ColdFire che funzionerà a piena velocità sul nostro nuovo computer. GCC è il compilatote C/C++ universale. Combinato all'attuale supporto integrato nel kernel di MiNT e nella MiNTLib, permette di portare software GNU/Linux direttamente sull'Atari/MiNT. Inoltre può essere usato per scrivere software TOS standard (GEM incluso) con un alto livello di ottimizzazione.

AHCC, compatibile con Pure C

Henk Robbers, membro dell'Atari Coldfire Project, ha nuovamente dichiarato che AHCC sarà adattato per ColdFire. Così è estremamente probabile che anche un compilatore C leggero sarà presto disponibile. AHCC è molto importante per ricompilare le applicazioni Atari esistenti -ed è compatibile con un ambiente GEM e single tasking. Molti programmi nativi Atari sono scritti usando Pure C e possono essere ricompilate con AHCC. La roadmap di Henk Robbers:

1 Compilare ed eseguire EmuTOS. Per validare il concetto.
2 Implementare l'opzione per ColdFire in TT-Digger.
3 Implementare la compatibilità oggetto per 68020/ColdFire in AHCC.
4 Ricompilare ed eseguire EmuTOS.
5 Implementare un oggetto specifico per ColdFire in AHCC.
6 Riscrivere in C le funzioni VDI_BLIT & VDI_TBLIT di EmuTOS.
7 Con la speranza che a questo punto la scheda madre ACP esista. :-)
8 Ricompilare ed eseguire EmuTOS.
9 Ricompilare AHCC ed eseguirlo sulla scheda madre ACP.
10 Essere felice di essere sopravvissuto a tutto questo.

Con questi tre importanti ambienti di sviluppo, abbiamo gli strumenti fondamentali necessari per poter compilare software nativo per il computer ColdFire, così che possa funzionare a piena velocità. Per il futuro speriamo inoltre nello sviluppo di nuovi applicativi per l'intera gamma di computer TOS/GEM.


01/05/2009 News in italiano

Grazie al grande supporto ricevuto dalla comunità, a seguito del nostro primo annuncio pubblico, da oggi è disponibile la sezione News in italiano. Da ora in poi vi aggiorneremo sugli ulteriori sviluppi del progetto oltre che in inglese, francese e tedesco, anche in italiano. Altre lingue saranno benvenute!


30/04/2009 Indirizzo email ufficiale dell'ACP

E' adesso disponibile l'indirizzo email ufficiale del progetto. Per favore utilizzate esclusivamente questo indirizzo per qualsiasi comunicazione con noi, inclusi i preordini:

acpinfo (at) atari (dot) org


28/04/2009 Atari Coldfire Project Reloaded

A partire dall'inizio di dicembre 2008 siamo tornati a valutare la possibilità di continuare il Progetto Atari Coldfire o di ricominciarlo da capo. La fase di valutazione è finalmente terminata e a questo punto possiamo rendere noto che consideriamo il progetto realizzabile e che da adesso in poi lavoreremo sotto il nome di "Atari Coldfire Project". Il nostro obiettivo principale è di costruire un novo clone Atari TOS, basato su un processore Coldfire, e di renderlo disponibile al pubblico al prezzo più basso possibile. Si tratta di un progetto libero, senza fini commerciali di alcun tipo.

Altro obiettivo che ci siamo prefissi è di rendere possibile per il nuovo sistema la massima aggiornabilità futura. Tali "aggiornamenti dell'hardware" saranno possibili gratuitamente tramite codice VHDL. In prospettiva, ci prefiggiamo l'assoluta compatibilità con ogni macchina Atari TOS mai costruita. Inizialmente, comunque, assicuriamo la compatibilità con l'Hades.

Al momento sono coinvolte nel progetto le seguenti persone:

Matthias Alles
Lyndon Amsdon
Fredi Aschwanden
Joachim Boltz
Mark Duckworth
Norman Feske
Markus Fichtenbauer
Wolfgang Förster
David Galvez
Kassian A. Goukassian
Alan Hourihane
Oliver Kotschi
Frank Naumann
Vincent Rivière
Henk Robbers
Mathias Wittau

Supporto supplementare e consigli relativi a specifici argomenti sono forniti anche da:

Pascal Barlier
Arnaud Bercegeay
Jens Klietz
Peter Persson

Attualmente siamo in contatto con altre nomi noti e questa lista presto si allungherà!

Sarà benvenuto e incoraggiato l'aiuto di chiunque voglia contribuire ad un aspetto qualsiasi, non importa quanto piccolo! Ricordate che, poiché si tratta di un progetto libero, il successo di questa iniziativa dipende assolutamente dal coinvolgimento della comunità e non potrà essere raggiunto senza il vostro aiuto.

Fredi Aschwanden, supportato da Wolfgang Förster, ha cominciato a sviluppare l'hardware ed è già disponibile una versione preliminare del layout della nuova macchina. Vogliamo sottolineare due vantaggi della nuova macchina che potrebbero essere interessanti anche per i non Atariani: le dimensioni estremamente ridotte della scheda madre ed un consumo elettrico estremamente contenuto.

Le specifiche tecniche attuali prevedono:

  • Processore: Coldfire MCF5474, 266MHz, 400MIPS
  • Memoria: 512 Mb DDR SDRAM, 128 Mb VideoRAM. RAM supplementare per funzioni speciali on board. Velocità: 1GB/s
  • Flash: 8 Mb on board per il sistema operativo
  • Sistema Operativo: TOS 3.06 per cominciare (stiamo valutando EmuTOS e TOS 4, di cui forse potremo avere i sorgenti)
  • Porte ed interfacce compatibili con i vecchi computer Atari:
    - IDE TT/Falcon
    - Floppy ST/TT
    - SCSI TT (ma più veloce)
    - ACSI
    - Porta cartucce ROM: Connectore 2x2 mm
    - Porta Parallela per Stampante
    - Porta seriale ST/TT
    - Midi
    - Suono ST: YM2149 over AC'97
    - Video ST/TT/Falcon
    - Porta tastiera/mouse Atari
  • Altre Porte:
    - 1 porta Ethernet 10/100
    - 4 Porte Host USB 2.0 (ISP1563)
    - 1 Porta Compact-Flash
    - 1 Porta SD-Card
    - Codec Stereo AC'97 con uscite DMA ed entrate con campionamento a 48kHz
    - Connectori Audio: LineIn, LineOut, Mic (Mono), DVD/CD interno
    - Nuove Modalità Video: circa 2 MegaPixel, true color
    - Porte PS2 per Mouse/Tastiera
  • Alimentazione a batteria (se richiesta)
  • Connettore PCI 33MHz direct Edge per un backplane passivo
  • Controller dell'alimentazione con orologio in tempo reale (real time clock), PIC16F506
  • Socket di Espansione: 60 Pol (DSPI 33 Mbaud, seriale sincrono o asincrono a circa 33MBaud, 26 Bit I/O a circa 133MHz, Bus I2C)
  • 512kB di RAM statica asincrona per DSP o altro
  • Estensioni future già previste: DSP dell'Atari Falcon implementato nel FPGA
  • Formato: Scheda madre di 90 mm x 260 mm x 20 mm
  • Consumo elettrico della scheda completa: da 3 a 5 Watts
La scheda madre di questo computer avrà il form factor di una scheda PCI. Questo significa che potrà essere utilizzata in tre modi diversi:
1. Come una scheda madre indipendente.
2. Come una scheda PCI in un tower case standard con un backplane PCI passivo.
3. Come una scheda PCI in un PC.

Il prezzo finale di questa scheda non è ancora certo. Per i primi 25 preordini è stato fissato un costo di 557,00 Euro (+ IVA e spese di spedizione).

Per poter dare inizio alla produzione sono necessari 25 preordini che vengono confermati con un acconto di 200 Euro. Sarà quindi possibile avviare la realizzazione dei prototipi ed iniziare lo sviluppo del software. Le 25 persone che avranno preordinato la macchina dovranno pagare solo i 357,00 euro rimanenti (+ IVA e spese di spedizione).

Per quanto possibile il nostro lavoro sarà reso pubblico libero da licenze.

Le notizie relative allo stato di sviluppo del progetto saranno riportate costantemente al seguente indirizzo: http://acp.atari.org/news_it.html

ACP, Aprile 2009


15/12/2008 Nuova iniziativa Atari-Coldfire da Svizzera e Austria

In seguito a nuovi impulsi provenienti dalla Svizzera e dall'Austria, dai primi di dicembre 2008 sono stati contattati personalmente molti sviluppatori. Lo scopo è quello di fare il punto sulle competenze e le possibilità di supporto al progetto esistenti nella comunità Atari. Fatto questo si potrà decidere se il progetto potrà essere continuato o se dovrà ricominciare da capo.


Archivio News dell'Atari Coldfire Project (in inglese)

Potete consultare le vecchie notizie (in inglese) relative al progetto originale che si è sviluppato dal 2002 al 2008.


Archivio News ACP: http://acp.atari.org/archive

hosted by Atari.org